VIA LIBERA PER IL G7 A TORINO

| La decisione è arrivata al termine di una riunione al Ministero dell'Interno, che considerando pro e contro ha ritenuto la città capace di garantire la sicurezza necessaria al vertice

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

È servita tutta la testardaggine di Marco Minniti, il Ministro dell'Interno, per togliere ogni ombra sul G7 di settembre. Nessun dubbio e nessuna marcia indietro: il vertice si farà.

La decisione è frutto degli incontri di ieri a Roma, in cui Minniti ha valutato ogni aspetto legato alla sicurezza ritenendo che non esistono concrete ragioni di ordine pubblico che giustifichino uno spostamento della sede ad altra città. A pesare è stata soprattutto la relazione del prefetto Saccone, che ha permesso di analizzare per intero il mese di giugno di Torino, iniziato il 3 con la folle sera di piazza San Carlo, gestita e organizzata in modo approssimativo, proseguito con gli scontri fra le forze dell'ordine e il popolo della movida, per finire con la sera dei fuochi di San Giovanni, considerata un successo organizzativo malgrado la scarsa affluenza. Insomma, nulla di così minaccioso da pensare che Torino non possa farcela, malgrado la mobilitazione nazionale annunciata dal centro sociale Askantasuna e dai probabili cortei degli antagonisti.

Piena sintornia sul rispetto dell'impegno del G7 anche da parte della sindaca Appendino, che ha chiesto al ministro uno sforzo su uomini e risorse per permettere a Torino di rilanciare la propria immagine.

I dubbi della sede

L'unico dubbio a resistere è legato alla scelta della sede: si era parlato con insistenza del Lingotto, che offre dei vantaggi pratici ma a conti fatti è più complicato da proteggere, anche per via della presenza di un centro commerciale con cinema, negozi e locali. Per questo, si fa strada con forza l'ipotesi della Reggia di Venaria, già testata in passato e spaziosa a sufficienza per ospitare i lavori delle delegazioni e dei Ministri dell'Industria, della Scienza e del Lavoro delle sette economie più avanzate.

Voci pro e contro

A levarsi a favore del vertice era stata la voce forte di Dario Gallina, presidente dell'Unione Industriale, che dall'assemblea annuale aveva ammonito: "Spostare altrove il G7 è un atteggiamento sbagliato". Non la pensa come lui il centrodestra cittadino, che continua a chiedere chiarezza: "Se non c'è una decisa presa di distanza dai movimenti violenti e non ci sono le condizioni per un evento sicuro chiediamo di spostarlo".

Italia
Provincia delle mie brame…
Provincia delle mie brame…
Il Sole 24 Ore ha stilato una interessante classifica sulla qualità della vita in Italia. La migliore provincia in cui risiedere è Bolzano, la peggiore Rieti. Numerosi gli indicatori presi in esame
Pensioni, una lunga storia italiana
Pensioni, una lunga storia italiana
La riforma pensionistica che tante polemiche sta sollevando è solo l’ultima di una lunga serie iniziata nel 1898 per un ristretto numero di lavoratori dipendenti. Da allora tanti i cambiamenti, non sempre apprezzati dall’opinione pubblica
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI
la parabola del paladino dell'Antimafia
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI<br>la parabola del paladino dell
Antonello Montante, l'ex presidente di Sicilindustria, condannato a 14 anni per una lunga serie di reati. In sostanza, avrebbe creato una rete investigativa parallela per difendersi dai "nemici"
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
La conversazione ascoltata tra uno 007 egiziano e un collega ("Abbiamo ucciso il ragazzo italiano"), conferma le indagini della nostra Intelligence. Regeni indicato come un "provocatore" dei Servizi inglesi
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
L’Italia è agli ultimi posti in EU per l’interazione digitale con la PA. Secondo il Censis si notano miglioramenti ma la burocrazia, la scarsa conoscenza dei servizi, basse competenze digitali e “retaggi analogici” bloccano il dialogo
Arolla, inchiesta chiusa: verso l'archiviazione?
Arolla, inchiesta chiusa: verso l
Lo rivelano i media svizzeri ma le conclusioni della procura Vallese sono ancora incerte. Nuove testimonianze sulle ultime ore del gruppo italiano investito dalla tempesta. La polizia: "Erano tutti ben equipaggiati"
UN ANNO DOPO
Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
UN ANNO DOPO<br>Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
Nella notte del 30 aprile 2018, sulle montagne di Arolla, nel Vallese, si consumò una delle più gravi e dolorose tragedie della montagna degli ultimi anni. Sette persone morirono, uccise dall'ipotermia durante una tempesta
Rousseau, quando i grillini sono 'morosi'
Rousseau, quando i grillini sono
Su oltre 330 parlamentari, 61 non pagano le quote imposte dalla Casaleggio Associati, anche per una forma di dissenso verso una piattaforma on line spesso sotto accusa per il suo funzionamento. Conflitto di interessi?
Aumentano le “auto blu”
Aumentano le “auto blu”
Giallo, verde e blu: i primi due sono i colori simboli dei partiti al governo, l’ultimo quello delle auto della P.A., che invece di diminuire, aumentano grazie a due bandi Consip
Regeni: i genitori scrivono a Conte
Regeni: i genitori scrivono a Conte
In una lettera, inviata al premier attraverso il quotidiano Repubblica, i genitori di Giulio invitano Conte a pretendere la verità dal presidente Al Sisi