VIA LIBERA PER IL G7 A TORINO

| La decisione è arrivata al termine di una riunione al Ministero dell'Interno, che considerando pro e contro ha ritenuto la città capace di garantire la sicurezza necessaria al vertice

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

È servita tutta la testardaggine di Marco Minniti, il Ministro dell'Interno, per togliere ogni ombra sul G7 di settembre. Nessun dubbio e nessuna marcia indietro: il vertice si farà.

La decisione è frutto degli incontri di ieri a Roma, in cui Minniti ha valutato ogni aspetto legato alla sicurezza ritenendo che non esistono concrete ragioni di ordine pubblico che giustifichino uno spostamento della sede ad altra città. A pesare è stata soprattutto la relazione del prefetto Saccone, che ha permesso di analizzare per intero il mese di giugno di Torino, iniziato il 3 con la folle sera di piazza San Carlo, gestita e organizzata in modo approssimativo, proseguito con gli scontri fra le forze dell'ordine e il popolo della movida, per finire con la sera dei fuochi di San Giovanni, considerata un successo organizzativo malgrado la scarsa affluenza. Insomma, nulla di così minaccioso da pensare che Torino non possa farcela, malgrado la mobilitazione nazionale annunciata dal centro sociale Askantasuna e dai probabili cortei degli antagonisti.

Piena sintornia sul rispetto dell'impegno del G7 anche da parte della sindaca Appendino, che ha chiesto al ministro uno sforzo su uomini e risorse per permettere a Torino di rilanciare la propria immagine.

I dubbi della sede

L'unico dubbio a resistere è legato alla scelta della sede: si era parlato con insistenza del Lingotto, che offre dei vantaggi pratici ma a conti fatti è più complicato da proteggere, anche per via della presenza di un centro commerciale con cinema, negozi e locali. Per questo, si fa strada con forza l'ipotesi della Reggia di Venaria, già testata in passato e spaziosa a sufficienza per ospitare i lavori delle delegazioni e dei Ministri dell'Industria, della Scienza e del Lavoro delle sette economie più avanzate.

Voci pro e contro

A levarsi a favore del vertice era stata la voce forte di Dario Gallina, presidente dell'Unione Industriale, che dall'assemblea annuale aveva ammonito: "Spostare altrove il G7 è un atteggiamento sbagliato". Non la pensa come lui il centrodestra cittadino, che continua a chiedere chiarezza: "Se non c'è una decisa presa di distanza dai movimenti violenti e non ci sono le condizioni per un evento sicuro chiediamo di spostarlo".

Italia
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Dotata di brevetto di salvamento Bls-d, con tanto di uso del defribillatore, una giovane marchigiana ha raccontato la sua storia: nessuno crede che una ragazza carina possa fare la bagnina
Quando scappa la pipì…
Quando scappa la pipì…
Per la Corte di Cassazione è lecito fermarsi sulla corsia di emergenza quando la situazione idraulica è al limite dell’umana sopportazione. Una pronuncia che arriva a margine di una sentenza
La ricetta italiana verso il declino
La ricetta italiana verso il declino
La crescita zero dell’economia italiana è il forte segnale di un grave problema che dovrebbe essere affrontato radicalmente. Ma tra slogan e contrattacchi populisti verso chi solleva dubbi, manca una chiara strategia
Il caso degli sponsor
della Casaleggio Associati
Il caso degli sponsor<br>della Casaleggio Associati
Per due eventi dedicati all’e-commerce, la ditta di Davide Casaleggio ha fatto incetta di sponsor, conquistando anche aziende che mettono in imbarazzo il governo
Spray in discoteca nel pavese
Spray in discoteca nel pavese
Ennesima bravata, per fortuna senza conseguenze, in un locale affollato di giovani
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Segnalato nei pressi delle piste dello scalo milanese, ha costretto a dirottare su altri aeroporti 4 voli in arrivo
Sardegna, maxi evasione su supercar
Sardegna, maxi evasione su supercar
Il traffico scoperto dalla Guardia di Finanza, al titolare sono contestati ricavi non dichiarati per diversi milioni di euro
Nei guai l’allenatore dei Vip
Nei guai l’allenatore dei Vip
Davide Gariboldi, personal trainer di diverse celebrità, accusato di traffico di sostanze illecite
La UE pronta a pagare metà della Tav
La UE pronta a pagare metà della Tav
L’annuncio dell’assessore regionale Balocco dopo un incontro con la responsabile europea del Corridoio Mediterraneo, accolta con entusiasmo da Salvini e meno da Conte e Di Maio, ancora convinti di dover coinvolgere i francesi
L’Italia si è fermata
L’Italia si è fermata
Lo spiega un dettagliato report del Centro Studi di Confindustria, che per l’anno in corso stima a zero il Pil. Il rischio dell’Iva e dell’aumento del debito pubblico