Virginia Raggi
la solitudine della numero uno

| La prima cittadina di Roma veleggia sempre più in solitaria: gli entusiasmi dei suoi si sono spenti e la giustizia è al lavoro. Ma a farle il vuoto intorno è soprattutto il degrado di Roma, a cui i cittadini hanno detto basta

+ Miei preferiti
I romani possono dire di averci provato, di averle dato tutta la fiducia possibile, ma non c’è stato nulla da fare: Virginia Raggi, la sindaca che insieme a Chiara Appendino, la collega che guida Torino, ha rappresentato l’avanguardia delle truppe pentastellate, è ormai in bilico, ad un passo dall’essere considerata insalvabile. Una manifestazione, lanciata sui social dal comitato #Romadicebasta - per la prima volta senza alcun partito lesto a farla propria - si è diretta sotto le finestre del Campidoglio. Sono cittadini romani, gente che vive la città tutti i giorni e che non ne può più di parole e promesse, regolarmente infrante su mesi e mesi di disastri assoluti: buche, cassonetti incendiati, spazzatura, strade allagate, cinghiali, autobus che prendono fuoco, alberi che crollano all’improvviso, degrado, puzza, violenza, morti, alberi spelacchiarti. Per aggiungere le ultime delizie della cronaca: la scala mobile della metro A crollata trascinandosi decine di tifosi russi del “CSKA” di Mosca e la fine pesante assai di Desirée Mariottini, stuprata e uccisa nel quartiere San Lorenzo, enclave di violenza e degrado.Tanti gli slogan dei manifestanti, da La grande monnezza" a "Roma (pulita) o morte".

Insomma, ce n’è abbastanza per capire che Roma è allo stremo, massacrata da decenni di giunte passate come lpacqua sotto i ponti del Tevere, senza lasciare traccia, e soprattutto ricordo. È solo questione di tempo, ma è chiaro a tutti che sarà così anche per Virginia, la sindaca dall’aspetto gentile e sorridente che dover cacciare via forse farà un po’ più male del solito, perché lei aveva alle spalle quell’onda anomala che prometteva di travolgere la politica e cambiare l’Italia. Come la Appendino per i torinesi, Virginia è stata il sogno dei romani, che il 19 giugno 2016 la trascinano compatti verso un ballottaggio che stravince con 770.564 voti, assestando una sonora spallata al passato, Roberto Giachetti,il solito candidato del solito PD, della solita vecchia classe politica.

Doveva essere l’inizio di un nuovo periodo aureo per la città eterna, iniziato con la cacciata dalle mura di Ignazio Marino, letteralmente catapultato fuori dal Campidoglio una sorta di congiura, sotto forma di dimissioni di massa. Ma convinzioni politiche a parte, è ormai chiaro a tutti che con Virginia Raggi non è andata così. Se esistesse un registro dei piùà clamorosi fallimenti del Campidoglio, Virginia un posto l’avrebbe conquistato, almeno lì.

Per di più, sulla testa della Raggi c’è una data che probabilmente rappresenta lo spartiacque con le decisioni future del M5S: il 10 novembre. Quello è il giorno in cui arriverà la sentenza di primo grado che ha nel ruolo principale la prima cittadina, imputata per falso sulla nomina (poi revocata) a capo dell’ufficio turismo di Renato Marra, fratello del suo ex braccio destro Raffaele. Per la prima volta, la Raggi è finita sotto il fuoco di fila del procuratore aggiunto Paolo Ielo: ha dovuto spiegare la sua versione di fatti di cui si è assunta la piena paternità.

Ma quella che arriverà è una sentenza che preoccupa, perché se è vero che i processi mediatici sono un’abitudine malsana di questo paese, allora è altrettanto vero che quelli in scena nei tribunali devono pesare almeno il doppio.

Italia
La blacklist della tirchieria
La blacklist della tirchieria
Il collettivo di rider “Deliverance Milano” ha diffuso i nomi dei volti noti che non lasciano mai la mancia, “neanche se piove”. Una ventina di nomi di ricchissime celebrità
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Alice, la bagnina che nessuno vuole
Dotata di brevetto di salvamento Bls-d, con tanto di uso del defribillatore, una giovane marchigiana ha raccontato la sua storia: nessuno crede che una ragazza carina possa fare la bagnina
Quando scappa la pipì…
Quando scappa la pipì…
Per la Corte di Cassazione è lecito fermarsi sulla corsia di emergenza quando la situazione idraulica è al limite dell’umana sopportazione. Una pronuncia che arriva a margine di una sentenza
La ricetta italiana verso il declino
La ricetta italiana verso il declino
La crescita zero dell’economia italiana è il forte segnale di un grave problema che dovrebbe essere affrontato radicalmente. Ma tra slogan e contrattacchi populisti verso chi solleva dubbi, manca una chiara strategia
Il caso degli sponsor
della Casaleggio Associati
Il caso degli sponsor<br>della Casaleggio Associati
Per due eventi dedicati all’e-commerce, la ditta di Davide Casaleggio ha fatto incetta di sponsor, conquistando anche aziende che mettono in imbarazzo il governo
Spray in discoteca nel pavese
Spray in discoteca nel pavese
Ennesima bravata, per fortuna senza conseguenze, in un locale affollato di giovani
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Droni su Malpensa, traffico dirottato
Segnalato nei pressi delle piste dello scalo milanese, ha costretto a dirottare su altri aeroporti 4 voli in arrivo
Sardegna, maxi evasione su supercar
Sardegna, maxi evasione su supercar
Il traffico scoperto dalla Guardia di Finanza, al titolare sono contestati ricavi non dichiarati per diversi milioni di euro
Nei guai l’allenatore dei Vip
Nei guai l’allenatore dei Vip
Davide Gariboldi, personal trainer di diverse celebrità, accusato di traffico di sostanze illecite
La UE pronta a pagare metà della Tav
La UE pronta a pagare metà della Tav
L’annuncio dell’assessore regionale Balocco dopo un incontro con la responsabile europea del Corridoio Mediterraneo, accolta con entusiasmo da Salvini e meno da Conte e Di Maio, ancora convinti di dover coinvolgere i francesi