Whirlpool, Mercatone Uno, Di Maio: trova l’intruso

| In pochi ancora lo dicono, ma modi e tempi delle chiusure delle due aziende sono la dimostrazione dell’incapacità del ministro del Mise. E un altro caso è pronto ad esplodere: quello di Auchan

+ Miei preferiti
C’è ben di peggio, sulle spalle del vicepremier Di Maio, rispetto al sondaggio della piattaforma Rousseau a cui si è sottoposto dopo la batosta delle europee. Ci sono due casi di aziende che si sono sentite libere di agire come e quando volevano, arrogandosi il diritto di chiudere da un giorno all’altro, senza che nessuno ne sapesse niente. Sono i casi della “Mercatone Uno”, a cui si è aggiunta qualche ora fa la “Whirlpool” di Napoli. Attenzione, non è una questione politica, almeno non questa volta, ma a questo punto di pura onestà intellettuale: dov’era Di Maio, ministro del lavoro e dello sviluppo economico? E poi, di seguito, dov’è finita l’Italia? Sulla prima domanda fioccano le risposte e le spiegazioni, anche se è chiaro che Gigi sia stato totalmente conquistato dalla missione di arginare il fiero pasto di Salvini, dalla campagna elettorale e dalle battaglie pentastellate che costeranno agli italiani lacrime e sangue, scordandosi di tutto il resto. Ma la seconda risposta, se questo ancora non bastasse a spiegare in che mani siamo finiti, è perfino peggiore: dimostra la scarsa considerazione che ormai aleggia su questo Paese, un nonnulla di burocrazia e populismi dove si parla tanto e ci si azzuffa per dei virgolettati o ad ogni nuovo barcone di migranti, ma dove nessuno è più in grado di accorgersi che 2.200 persone (1800 della Mercatone Uno e i restanti della Whirlpool), si ritrovano senza un lavoro da un giorno all’altro. E per aggiungere scherno alla beffa, lo vengono addirittura a sapere attraverso un messaggio sul cellulare. Strano? Per niente, se perfino al “Mise” di Di Maio, che in queste ore è sotto accusa per non avere controllato e monitorato situazioni che vacillavano da tempo, scoprono le chiusure soltanto dai telegiornali.

Ma non è finita qui, perché in canna è pronta un’altra mina anticarro chiamata “Auchan”: la catena della grande distribuzione è in rosso per un miliardo di euro. “Quanto basta per mettere in ginocchio 24.500 lavoratori in tutta Italia”, tuona Federcontribuenti. Lo scorso 13 maggio è stato sottoscritto un contratto preliminare per l’acquisizione da parte di Conad del pacchetto azionario di “Simply/Sma” e “Auchan SpA”: il primo incontro il 28 maggio al Mise, ma sul tavolo niente, nessun piano industriale e nessuna rassicurazione sulla garanzia dei posti di lavoro.

Di Maio, ricordano da più parti, non partecipa quasi mai ai tavoli delle crisi, preferisce navigare altrove. Lo dimostra, se mai ce ne fosse bisogno, anche la vicenda FCA-Renault, l’importante fusione che porterebbe alla nascita del primo gruppo automobilistico al mondo. Macron ha detto la sua, esattamente come i politici giapponesi, mentre Gigi è afflitto dal solito torpore di chi si risveglia solo davanti alla lucina rossa delle telecamere e subito dopo torna nell’ombra. Vale lo stesso discorso per l’energia, le telecomunicazioni e il made in Italy, altri tre capitoli abbandonati a se stessi, lasciando campo libero agli stranieri che spolpano quel che resta di questo paese, certi che tanto nessuno si accorgerà di nulla, se non fino all’ora del telegiornale.

Italia
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Carola Rackete, l’ordinanza del Gip
Pubblichiamo integralmente l’ordinanza emessa dal magistrato di Agrigento che si è occupato della vicenda della Sea Watch 3 e delle accuse alla sua capitana
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
La Sea Watch ha attraccato: sbarcati i migranti
Un epilogo da cardiopalma per la nave che da 17 giorni trasportava 40 migranti: la comandante Rakete arrestata, mentre i migranti saranno accolti da cinque paesi UE
Il ponte Morandi non c’è più
Il ponte Morandi non c’è più
Con una complessa operazione di ingegneria civile, quel che restava del viadotto Poncevera è stato demolito. Inevitabili i disagi per i genovesi e per i 3.400 residenti sfollati
7 persone a rischio processo per Desirée
7 persone a rischio processo per Desirée
Sono accusate di violenza, spaccio e omicidio: la 16enne trovata senza vita in un edificio abbandonato a poca distanza dalla stazione Termini di Roma
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Raffaele Sollecito: nessuno assume uno come me
Lo sfogo amaro dello studente pugliese che insieme ad Amanda Knox è stato assolto dall'accusa di avere ucciso Meredith Kercher, ma che ancora oggi è costretto a vivere con “un marchio d’infamia”
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Le voci dei 600 bimbi malati di Taranto
Tanti sono i bambini nati con malformazioni che, come denunciato dai Verdi, il governo ha preferito oscurare prima delle elezioni