xxx

|

+ Miei preferiti
I vecchi harleysti, chi si ricorda ancora di Carlo Talamo e della Numero 1 di Milano, non può non avere conosciuto Angelo Neri, il socio e amico da Sempre di Maz Pezzali, l'immagine stessa della concessionaria di Pavia della due cilindri Usa. Angelo è stato trovato morto, alltre di notte da un passante, in una zona della città infestata da otssici e pusher, il corpo tra siringhe abbandonate in via Genova. Angelo aveva 52 anni e da pochi mesi se n'era andato dal negozio di via Bramante, un punto di riferimento per gli appssasionati di tutta Italia. Chi scrive lo ricorda in un sera d'inverno, con il suo giubbotto nero, con le solo iniziali dell'had in metallo, quasi invisibili. non era un tipo che parlava molto, a volte era pure un po' burbero ma se, guardandoti dritto negli occhi, ricosnosceva qualcosa in te che gli andava a gneio, diventava un'altra persona. Un decesso ancora misterioso quello di Angelo Neri, 52 anni, di Pavia molto conosciuto, e  non solo in città, perché, sino a pochi mesi fa, era stato socio di Max Pezzali (che è stato subito informato della tragedia) nella concessionaria Harley Davidson di via Bramante. Anzi era proprio lui l'anima del punto vendita. Il sodalizio si era sciolto dopo oltre vent'anni di lavoro insieme. Un lavoro che era molto apprezzato dagli appassionati della Harley.el Vallone in piena notte. La polizia, comunque, ha inviato un primo rapporto al magistrato di turno della procura della Repubblica e le indagini sono iniziate già da ieri mattina. Sempre insieme a Max Pezzali aveva gestito dal 2015 anche il Side Stand cafè a fianco dei locali della Harley Davidson. 

Italia
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Mangia in un ristorante e sparisce: nuovi guai per Riccardo Bossi
Il primogenito del Senatur, non nuovo a questo genere di imprese, denunciato da un ristoratore fiorentino per insolvenza fraudolenta
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Tav: rotto l’ultimo diaframma del tunnel
Alla presenza di autorità italiane e francesi, la fresa Federica ha infranto l’ultimo frammento del tunnel di base della linea ad alta velocità Torino-Lione
Silvia Romano portata in Somalia
Silvia Romano portata in Somalia
È quanto emerge dalla indagini della procura di Roma, che sta svolgendo indagini con la collaborazione della polizia kenyana. Sempre più credibile l’ipotesi di un sequestro su commissione
'Di Maio sciacallo in cerca di voti', parola di Zingaretti
E Gigino: "Mai con il pd", criminalizzato per il caso Bibbiano. Zingaretti: "bugiardo seriale", "indecente", "pensa prima alle poltrone". Ecco i reciproci complimenti di chi sta varando il ribaltone. A pagare, come sempre, gli italiani
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
La giunta regionale del Piemonte in visita al cantiere Tav
Il governatore Cirio ha guidato la delegazione in visita a Chiomonte nella sezione transfrontaliera della futura linea ferroviaria Torino-Lione
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta
Imane è morta per cause naturali?
Imane è morta per cause naturali?
Le anticipazioni di un’agenzia di stampa della relazione che sta per essere depositata dal team di medici legali sembrano escludere la morte violenta
L’ora della verità per i due Marò
L’ora della verità per i due Marò
Alla corte arbitrale de l’Aia sono iniziate le udienze finali per stabilire dove dovranno essere processati i fucilieri Latorre e Girone. La sentenza entro sei mesi
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Muore un profugo al CPR di Torino, esplode la violenza
Un cittadino del Bangladesh sarebbe stato trovato senza vita questa mattina. Fra notizie contrastanti il medico conferma la morte per cause naturali. Incendi e proteste
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Tenta il suicidio, salvato dagli agenti
Un uomo con problemi mentali ha tentato di scavalcare le barriere per lanciarsi lungo la massicciata della ferrovia. È successo a Torino, nella zona del parco Ruffini