40000 contro Di Maio e Toninelli

| La rivolta gentile, senza odio e minacce, senza i teppisti dei centri sociali, scuote l'anima di Torino. Migliaia di cittadini, anche con la Lega, in piazza Castello, per salvare la Tav da grillini e ideologi del NO

+ Miei preferiti
Forse la gente, i 40 mila torinesi e non solo, che hanno riempito piazza Castello a Torino come non si vedeva da molti anni, non avevano solo in animo di salvare l'Alta Velocità dai seguaci del comico Beppe Grillo e dalle sue creature - sciagurato Frankenstein - Di Maio e Toninelli, più la sfortunata sindaca Chiara Appendino, ma anche la libertà di credere in un futuro che non si cristallizzi nei regali assistenzialisti al Sud, nei condoni edilizi e nei condoni che ora hanno un nome nuovo e suggestivo: pace fiscale.

Di Maio insiste con il metro, i bus, le linee locali. Tutto bene, abbiamo bisogno di investimenti in settori dimenticati e fondamentali per i cittadini. Ma le grandi infrastutture hanno altri obiettivi spostati nel tempo, in grado di generare sviluppo e occupazione sul lungo termine, che non si possono valutare con i criteri di oggi. Si potrebbe suggerire a Di Maio di rileggersi un po' di storia, magari il piano del presidente Franklyin Delano Roosevelt, nel lontanissimo 1929, quando gli Usa in ginocchio per una crisi finanziaria devastante, incanalarono tutte le energie e la forza lavoro del Paese nei grandi lavori pubblici, ribaltando una situazione in apparenza disperata. Un po' diverso che sperare nei "corsi di formazione", nei lavoretti di "pubblica utilità", in una strana transumanza del posto di lavoro sì ma a non più di 50 km dal domicilio. Come direbbe Ancelotti, "Beati loro... non hanno capito un c...". Se invece di Cavour ci fosse stato un Di Maio qualunque, la galleria del Frejus (a proposito, ancora attiva e considerata dagli esperti il prossimo "ponte Morandi" per le condizioni di pericolo quotidiano), non sarebbe stata mai realizzata e addio collegamenti con la Francia. Se i 10 miliardi destinati a mantenere legioni di disoccupati fossero destinati ad aprire e sviluppare cantieri come la Tav, il ministro del "Lavoro" scoprirebbe che i giovani invece di starsene sul divano ad aspettare i famosi 780 euro mensili, potrebbero lavorare per se stessi e per il proprio Paese. Non illudiamoci. Di Maio non ha la testa per capirlo. Per lui la Tav, la Pedemontana, il Terzo Valico, il Tap e tutto quello che genera pil e sviluppo, è un totem ideologico e fuorviante, tra mafia e malaffare. Dice in un'intervista tv, nella trasmissione "Accordi e disaccordi" che è "fiducioso e ottimista" che la misteriosa commissione fantasma costi-benefici che sta esaminando da mesi se fare o non fare la Tav dia un parere negativo. Per forza. Quel genio di Toninelli ha casualmente inserito come mosca cocchiera della commissione un fanatico No Tav, Marco Ponti, più una serie di suoi fedeli seguaci, della medesima scuola. Il risultato è scontato. E poi il ministro del "lavoro" non potrà mai dire Sì alla Tav perchè il fondatore del Movimento 5 Stelle, il noto filosofo-profeta Beppe Grillo, è da sempre un accanito sostenitore del movimento No Tav, tanto da farsi condannare in Tribunale a Torino per avere violato, insieme ai capataz di un movimento infiltrato da segmenti violenti e para-eversivi dell'area antagonista non solo italiana ma europea, un presidio sotto sequestro. Ve lo immaginate Gigino da Pomigliano d'Arco, il cui staff ministeriale costa 670 mila euro anno, inzeppato di vecchi amici e conoscenti, che vive dello stipendio da parlamentare, unica sua risorsa, smentire il comico e l'algoritmo della Casaleggio? Impossibile. Vi resterà aggrappato sino all'ultimo millesimo di secondo, prima di farsi incenerire, e con lui i risparmi degli italiani, dallo spread, dal malgoverno e dal ridicolo. 

Ma la manifestazione di Torino ha un profondo significato politico che la Lega di Salvini non potrà non cogliere. Quel mare di arancione, il colore-simbolo scelto dal comitato organizzatore delle "madame sabaude", sostenuto da tutto il mondo imprenditoriale e sindacale del Piemonte, è un segnale che il Carroccio non potrà ignorare. 

 

Galleria fotografica
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 1
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 2
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 3
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 4
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 5
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 6
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 7
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 8
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 9
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 10
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 11
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 12
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 13
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 14
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 15
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 16
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 17
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 18
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 19
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 20
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 21
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 22
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 23
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 24
40000 contro Di Maio e Toninelli - immagine 25
Italia
Provincia delle mie brame…
Provincia delle mie brame…
Il Sole 24 Ore ha stilato una interessante classifica sulla qualità della vita in Italia. La migliore provincia in cui risiedere è Bolzano, la peggiore Rieti. Numerosi gli indicatori presi in esame
Pensioni, una lunga storia italiana
Pensioni, una lunga storia italiana
La riforma pensionistica che tante polemiche sta sollevando è solo l’ultima di una lunga serie iniziata nel 1898 per un ristretto numero di lavoratori dipendenti. Da allora tanti i cambiamenti, non sempre apprezzati dall’opinione pubblica
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI
la parabola del paladino dell'Antimafia
SPIARE, DOSSIERARE, DIFENDERSI<br>la parabola del paladino dell
Antonello Montante, l'ex presidente di Sicilindustria, condannato a 14 anni per una lunga serie di reati. In sostanza, avrebbe creato una rete investigativa parallela per difendersi dai "nemici"
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
Cambridge, la spia che consegnò Giulio ai sicari
La conversazione ascoltata tra uno 007 egiziano e un collega ("Abbiamo ucciso il ragazzo italiano"), conferma le indagini della nostra Intelligence. Regeni indicato come un "provocatore" dei Servizi inglesi
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
Italiani e pubblica amministrazione, una relazione complicata
L’Italia è agli ultimi posti in EU per l’interazione digitale con la PA. Secondo il Censis si notano miglioramenti ma la burocrazia, la scarsa conoscenza dei servizi, basse competenze digitali e “retaggi analogici” bloccano il dialogo
Arolla, inchiesta chiusa: verso l'archiviazione?
Arolla, inchiesta chiusa: verso l
Lo rivelano i media svizzeri ma le conclusioni della procura Vallese sono ancora incerte. Nuove testimonianze sulle ultime ore del gruppo italiano investito dalla tempesta. La polizia: "Erano tutti ben equipaggiati"
UN ANNO DOPO
Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
UN ANNO DOPO<br>Tragedia di Arolla, commosso e amaro ricordo
Nella notte del 30 aprile 2018, sulle montagne di Arolla, nel Vallese, si consumò una delle più gravi e dolorose tragedie della montagna degli ultimi anni. Sette persone morirono, uccise dall'ipotermia durante una tempesta
Rousseau, quando i grillini sono 'morosi'
Rousseau, quando i grillini sono
Su oltre 330 parlamentari, 61 non pagano le quote imposte dalla Casaleggio Associati, anche per una forma di dissenso verso una piattaforma on line spesso sotto accusa per il suo funzionamento. Conflitto di interessi?
Aumentano le “auto blu”
Aumentano le “auto blu”
Giallo, verde e blu: i primi due sono i colori simboli dei partiti al governo, l’ultimo quello delle auto della P.A., che invece di diminuire, aumentano grazie a due bandi Consip
Regeni: i genitori scrivono a Conte
Regeni: i genitori scrivono a Conte
In una lettera, inviata al premier attraverso il quotidiano Repubblica, i genitori di Giulio invitano Conte a pretendere la verità dal presidente Al Sisi