Bill, Hillary e Monica: i Clinton si confessano

| L’ex presidente americano e l’ex First Lady protagonisti di un documentario: in una delle 4 puntate ripercorrono il calvario dei giorni dello scandalo Lewinsky

+ Miei preferiti
A 22 anni di distanza dalla relazione che gli era quasi costata la presidenza e il matrimonio, Bill Clinton ha deciso di confessarsi nel corso di “Hillary”, un documentario lungo 4 ore che ripercorre per intero la vita e la carriera dell’ex First Lady americana.

Nel ricordare quei periodi difficili Clinton si emoziona, ammettendo di sentirsi “terribilmente in colpa” per una relazione che ha reso difficile il resto della vita di Monica Lewinsky, la celebre ex stagista della Casa Bianca. “È una cosa che ho fatto per gestire le ansie, le pressioni, le delusioni e le paure della vita. Ma capisco che è stato terribile”. Anche sua moglie Hillary racconta di quanto si sia sentita “devastata”, ma difende la decisione di restare al fianco del marito: “Tutti portiamo nella vita portiamo delle croci”. 

La relazione sessuale con la giovane stagista alla Casa Bianca, la 22enne Monica Lewinsky, ha costretto Clinton a mentire nel corso di una celebre deposizione, portandolo vicino all’impeachment. La vicenda si chiuse con l’assoluzione del Senato.

Negli ultimi anni, la Lewinsky ha iniziato a parlare pubblicamente della sua relazione con il Presidente, in particolare di come la sua visione sia cambiata durante il movimento #MeToo e di come abbia lottato per anni per riconquistare un’esistenza macchiata per sempre da quella vicenda.

Il documentario, diviso in quattro episodi, ne dedica uno alle indagini e alla decisione di Hillary di rimanere con il marito: “La più difficile che abbia mai dovuto prendere”, ammette l’ex First Lady.

Sia Hillary che Bill, intervistati separatamente, hanno accettato di rivivere i ricordi di quel periodo, come quando il Presidente informò la first lady della relazione e di come lei gli disse che doveva prendere fiato raccontare tutto a sua figlia Chelsea. “Gli ho detto: ‘se tutto questo sarà di dominio pubblico, devi dirlo a Chelsea’, cercando di mantenere la calma mentre mi sentivo devastata e ferita nel profondo”.

All’ex presidente viene chiesto perché ha voluto correre il rischio così alto in quel momento della sua presidenza: “Nessuno pensa sto correndo un rischio, non è per questo che la gente fa cose stupide. Nessuno, neanche un presidente, si siede e pensa se lo faccio finirò nei pasticci, farò male alla mia famiglia, al mio paese e alle persone che lavorano con me. Poi succede, ed è come se ti sentissi barcollare, capisci di esserti infilato in qualcosa che ti ruberà ogni pensiero per un bel po’ di tempo. Oggi sono una persona completamente diversa da com’ero: forse sto solo invecchiando”.

Entrambi riflettono anche sulle conseguenze che ha avuto la relazione, compresa la decisione di Hillary e Chelsea di lasciare temporaneamente la Casa Bianca per Martha’s Vineyard: una foto diventata iconica mostra tutta la disperazione della famiglia Clinton in quei giorni, con la piccola Chelsea che cammina verso l’elicottero presidenziale tenendo per mano mamma e papà”.

“Chelsea si è messa tra noi e ci ha tenuto per mano: era il suo tentativo di tenerci uniti – ricorda Hillary – quando l’ha fatto ho pensato che fosse una bambina forte e saggia. Stava riempiendo i nostri silenzi con un gesto che valeva un milione di parole”.

L’ex segretario di stato è stata oggetto di critiche ma anche di elogi per aver mantenuto in piedi il matrimonio: “Quello in cui viviamo è un periodo strano: la gente prima ti dice ‘ti se dimostrata un’anima nobile a restare con tuo marito’, e poco dopo ‘è incomprensibile che tu abbia deciso di perdonarlo’”.

L’episodio si conclude con Bill Clinton che riflette sul prezzo - personale e politico - che sua moglie ha pagato per la scelta di restare con lui: “Ero grato perché pensava che avessimo ancora abbastanza forza per tener duro. Ma Dio solo sa il prezzo che ha pagato per tutto questo”.

Galleria fotografica
Bill, Hillary e Monica: i Clinton si confessano - immagine 1
Bill, Hillary e Monica: i Clinton si confessano - immagine 2
La Storia
La città degli afroamericani
La città degli afroamericani
“Freedom” sta sorgendo in Georgia, su un terreno di 40 ettari acquistato da 19 famiglie: sognano di crescere, svilupparsi e di essere da esempio per le comunità di colore americane, accogliendo anche i bianchi
I falsi Beatles che truffarono il Sudamerica
I falsi Beatles che truffarono il Sudamerica
Arrivavano dalla Florida, suonavano le loro canzoni e come tutti i giovani nel 1964 vestivano come i veri Beatles. Sono finiti al centro di un tentativo di truffa epocale, ma Tom, Vic, Bill e Dave hanno comunque lasciato il segno
CIAO MAX
CIAO MAX
GB, l’eroe che vende la medaglia per pagarsi il funerale
GB, l’eroe che vende la medaglia per pagarsi il funerale
Nel 1974, l’ex pugile Ronnie Russell aveva ricevuto la “George Medal” per aver salvato da un sequestro la principessa Anna. Ma è stato costretto a vendere il riconoscimento
La vita di Figen Murray, che ha perso un figlio a Manchester
La vita di Figen Murray, che ha perso un figlio a Manchester
Era la mamma di Martyn, 29 anni, fan di Ariana Grande: una delle prime vittime identificate alla Manchester Arena. Da allora gira le scuole del Regno Unito per spiegare ai giovani che la radicalizzazione è solo dolore, per tutti
La spy story sul lago di Zurigo
La spy story sul lago di Zurigo
Un top manager di Crédit Suisse si dimette per passare alla concorrenza e un dirigente ordina di metterlo sotto sorveglianza. Il caso esplode anche per il suicidio di uno degli investigatori privati
Il boia di "Colonia Dignidad" è libero
Il boia di "Colonia Dignidad" è libero
Il medico Harmut Hopp, braccio destro di Paul Schäfer, per 40 anni ha violentato e torturato gli ospiti di un’enclave nata in Cile che ha goduto della protezione dei regimi sudamericani. Ma un tribunale tedesco l’ha appena scagionato
Il volo della bella Alda e il suicidio che piacque a Warhol
Il volo della bella Alda e il suicidio che piacque a Warhol
Due giovani donne che si gettano nel vuoto: una pare che si sia salvata grazie all’intervento divino, l’altra che pur morendo non sembra che il suo corpo sia precipitato da un grattacielo. Le strane storiedi due vite finite troppo presto
Bingham Cup, l’eredità di un eroe
Bingham Cup, l’eredità di un eroe
È nata come la Coppa del Mondo LGBT di Rugby, ma è stata intitolata ad un giovane di 31 anni morto sul volo United 93, l’unico che l’11 settembre non ha raggiunto i suoi obiettivi
Mamma in business, famiglia in economy
Mamma in business, famiglia in economy
Le confessioni di una blogger di viaggi inglese hanno scatenato una valanga di insulti: la donna preferisce viaggiare nelle classi di lusso, ma lascia la sua famiglia in quella economica