Bobby Dunbar: segni particolari, scomparso

| Una famiglia credeva fosse il proprio figlio svanito durante una gita al lago, una donna invece che fosse il suo in visita ad un conoscente. Solo dopo quasi 90 il test del DNA sui nipoti ha decretato che…

+ Miei preferiti
Di Marco Belletti
Nel 1912 Robert “Bobby” Dunbar era un bambino come tanti altri, sempre pronto a giocare e talvolta a scappare via dal controllo di padre e madre. Nato nell’aprile 1908 da Percy Dunbar e sua moglie Lessie, viveva con i genitori in Louisiana e, nell’agosto 1912, fece con loro una vacanza per pescare sul lago Swayze, non lontano da casa. Durante quel viaggio, il 23 agosto, Bobby scomparve. I genitori ovviamente ne denunciarono immediatamente la sparizione e il caso – visto che con il passare dei giorni Bobby non si trovava – assunse importanza federale, con tutte le forze pubbliche degli Stati Uniti a cercarlo e con i media pronti a divulgare ogni infondata supposizione o banale pettegolezzo.

Furono necessari otto lunghi mesi di ricerche a livello nazionale affinché gli investigatori trovassero una traccia. Nello stato del Mississippi fermarono William Walters, un artigiano specializzato nell’accordatura e nella riparazione di pianoforti e organi. L’uomo stava viaggiando nel Mississippi con un bambino che sembrava corrispondere alla descrizione diffusa a suo tempo di Bobby Dunbar. Interrogato dalla polizia, Walters sostenne che il bambino era Charles “Bruce” Anderson – da tutti chiamato solamente Bruce – figlio di Julia Anderson, una donna che lavorava per la sua famiglia e che glielo aveva affidato. Nel dubbio, Walters fu arrestato e le autorità invitarono i Dunbar a recarsi in Mississippi per verificare se Bruce fosse davvero Bobby.

A questo proposito i resoconti dei fantasiosi giornalisti dell’epoca differiscono parecchio. Qualcuno affermò che non appena il bambino vide Lessie Dunbar abbia gridato “mamma!” per poi correrle incontro abbracciandola. Qualcun altro scrisse che il bambino era in lacrime e che la madre era molto incerta sul fatto che fosse suo figlio. Per altri, entrambi i genitori sollevarono dubbi sul fatto che fosse il loro Bobby, che nel frattempo era molto cambiato avendo compiuto 5 anni. Infine, ci fu anche chi scrisse che il presunto Bobby avesse immediatamente riconosciuto il fratello minore Alonzo Dunbar – chiamandolo per nome e baciandolo – e chi invece che i due bambini non mostrarono alcun segno di riconoscersi.

Solo il giorno dopo – dopo aver potuto fare il bagno a Bruce presunto Bobby – sembra che Lessie abbia affermato di aver riconosciuto alcune sue cicatrici e di essere certa che fosse davvero suo figlio. Tutti insieme tornarono così in Louisiana con un gran battage mediatico che celebrava il successo dei detective e il ritorno a casa di una famiglia riunita.

Sembrava che tutto fosse finito nel migliore dei modi per i Dunbar, ma pochi giorni dopo fu rintracciata Julia Anderson (madre di Bruce) che accorse in Mississippi e confermò la tesi di Walters – ovviamente in carcere in attesa di essere giudicato come rapitore – e giurando che il bambino era suo figlio. La donna lavorava come domestica per i genitori di Walters: affermò di avere affidato il figlio all’uomo per un viaggio di alcuni giorni per visitare alcuni parenti.

Ricominciarono i confronti, e così i Dunbar tornarono con il loro presunto figlio. Secondo i resoconti dei giornali, alla Anderson furono presentati numerosi bambini, compreso quello rivendicato dai Dunbar, che non riconobbe e dal quale non fu riconosciuta. Anche lei solo il giorno dopo, quando le fu permesso di spogliarlo, indicò Bobby come Bruce, ma i giornali avevano già diffuso l’informazione che non l’aveva riconosciuto e rincararono la dose divulgando la notizia che la donna aveva avuto tre figli (di cui due già morti) tutti al di fuori del matrimonio. Senza disponibilità di denaro e con l’opinione pubblica contraria, alla Anderson non restò altro da fare che rientrare a casa sua in Carolina del Nord. 

Tornò in Louisiana per assistere e testimoniare durante il processo per rapimento contro Walters, sperando di riuscire a spingere la corte a credere che il bambino fosse suo figlio. In effetti, durante il processo furono numerosi i cittadini di Poplarville (Mississippi) che proclamarono l’innocenza di Walters, affermando che l’uomo e il bambino avevano trascorso parecchio tempo nella cittadina e che erano stati riconosciuti, qualcuno dichiarò anche di averli visti insieme prima del 23 agosto.

Nonostante queste testimonianze, la corte determinò che il bambino era figlio dei Dunbar e che quindi doveva trascorrere il resto della vita in Louisiana come Bobby Dunbar, mentre Walters fu condannato per rapimento.

Dopo aver trascorso due anni in carcere, Walters con l’aiuto dell’avvocato ottenne la revisione del processo e fu rilasciato. Morì nel 1945 e in seguito i nipoti affermarono spesso che si era sempre dichiarato innocente.

Julia Anderson si trasferì a Poplarville dove fu amichevolmente accolta dai cittadini, si rifece una vita, si risposò, ebbe altri sette figli e continuò a parlare spesso di quello “sequestrato” dai Dunbar. Nel 2008 una delle figlie della Anderson raccontò al programma radiofonico “This American Life” che nel 1944 era stata contattata da Bobby/Bruce, che era passato a trovarla e avevano parlato a lungo.

Gerald Dunbar, uno dei quattro figli avuti da Bobby, raccontò a sua volta che tornando da un viaggio in auto, la sua famiglia passò per Poplarville e suo padre disse “qui vivono le persone da cui sono venuti a prendermi”. Bobby Dunbar morì nel 1966 e qualche anno dopo una delle sue nipoti (Margaret Dunbar Cutright) indagò su quanto successo e – anche se la sua intenzione era quella di confermare che suo nonno fosse un Dunbar – la ricerca la portò a dubitare di questo fatto.

La risposta definitiva alla domanda se il bambino ritrovato era realmente Bobby arrivò nel 2004 quando Bob Dunbar Jr – figlio dell’uomo che per tutta la vita si chiamò Bobby Dunbar – si sottopose a un test per confrontare il suo DNA con quello del cugino (presunto), cioè il figlio di Alonzo che era certamente il fratello del vero Bobby. Dall’esame emerse che non c’era nessun grado di parentela tra i due uomini. 

Attualmente la sorte del vero Bobby è sconosciuta, anche se la nipote Margaret Dunbar Cutright nel 2008 dichiarò che secondo lei il bambino molto probabilmente era caduto il giorno stesso della scomparsa (23 agosto 1912) nel lago Swayze ed era stato divorato da un alligatore.

La Storia
L’amara verità sul traffico dei minori
L’amara verità sul traffico dei minori
Capita, ma è difficile che i bambini siano rapiti come accade nei film: le organizzazioni criminali sulla tratta di esseri umani cercano giovani disagiati e senza protezione
MOM Air, la rivoluzione dei voli low cost
MOM Air, la rivoluzione dei voli low cost
Una nuova compagnia aerea dai costi stracciatissimi e le politiche aggressive si è affacciata sulla scena mondiale. Peccato che la realtà sia ben diversa….
La città degli afroamericani
La città degli afroamericani
“Freedom” sta sorgendo in Georgia, su un terreno di 40 ettari acquistato da 19 famiglie: sognano di crescere, svilupparsi e di essere da esempio per le comunità di colore americane, accogliendo anche i bianchi
I falsi Beatles che truffarono il Sudamerica
I falsi Beatles che truffarono il Sudamerica
Arrivavano dalla Florida, suonavano le loro canzoni e come tutti i giovani nel 1964 vestivano come i veri Beatles. Sono finiti al centro di un tentativo di truffa epocale, ma Tom, Vic, Bill e Dave hanno comunque lasciato il segno
CIAO MAX
CIAO MAX
Bill, Hillary e Monica: i Clinton si confessano
Bill, Hillary e Monica: i Clinton si confessano
L’ex presidente americano e l’ex First Lady protagonisti di un documentario: in una delle 4 puntate ripercorrono il calvario dei giorni dello scandalo Lewinsky
GB, l’eroe che vende la medaglia per pagarsi il funerale
GB, l’eroe che vende la medaglia per pagarsi il funerale
Nel 1974, l’ex pugile Ronnie Russell aveva ricevuto la “George Medal” per aver salvato da un sequestro la principessa Anna. Ma è stato costretto a vendere il riconoscimento
La vita di Figen Murray, che ha perso un figlio a Manchester
La vita di Figen Murray, che ha perso un figlio a Manchester
Era la mamma di Martyn, 29 anni, fan di Ariana Grande: una delle prime vittime identificate alla Manchester Arena. Da allora gira le scuole del Regno Unito per spiegare ai giovani che la radicalizzazione è solo dolore, per tutti
La spy story sul lago di Zurigo
La spy story sul lago di Zurigo
Un top manager di Crédit Suisse si dimette per passare alla concorrenza e un dirigente ordina di metterlo sotto sorveglianza. Il caso esplode anche per il suicidio di uno degli investigatori privati
Il boia di "Colonia Dignidad" è libero
Il boia di "Colonia Dignidad" è libero
Il medico Harmut Hopp, braccio destro di Paul Schäfer, per 40 anni ha violentato e torturato gli ospiti di un’enclave nata in Cile che ha goduto della protezione dei regimi sudamericani. Ma un tribunale tedesco l’ha appena scagionato