Il boia di "Colonia Dignidad" è libero

| Il medico Harmut Hopp, braccio destro di Paul Schäfer, per 40 anni ha violentato e torturato gli ospiti di un’enclave nata in Cile che ha goduto della protezione dei regimi sudamericani. Ma un tribunale tedesco l’ha appena scagionato

+ Miei preferiti
Harmut Hopp è libero di tornare nella sua casa, nel Nordreno-Vestfalia, dove i vicini lo conoscono e dicono sia un signore gentile e molto affabile: per il tribunale di Krefeld, in Germania, “non esistono prove sufficienti” per condannare quello che è considerato a tutti gli effetti un mostro. Il nome di Hopp è tristemente legato alla storia terribile della “Colonia Dignidad”, un’enclave fondata nel 1961 da un gruppo di immigrati tedeschi nella provincia di Limares, in Cile, dove fino al 1991 si sono consumati abusi di ogni tipo su bambini e non solo. A volere quel “nuovo mondo” era stato Paul Schäfer, ex medico militare della Luftwaffe e della Wehrmacht che nel 1961 era fuggito dalla Germania, inseguito da un mandato di cattura per lo stupro di due adolescenti. Il 20 maggio 1997 lascia il Cile, ancora una volta per evitare di rispondere ad altre accuse di violenza: lo arrestano nel marzo del 2005 in Argentina, viene estradato in Cile e condannato a 33 anni di carcere. Finalmente, il 24 aprile 2010 muore per un attacco cardiaco nel carcere di Santiago.

Il suo braccio destro, l’uomo più fidato, era Harmut Hopp: anch’egli medico, condannato da un tribunale cileno a soli cinque anni di carcere mai scontati, perché fuggito in tempo in Germania, dove il governo ha sempre negato l’estradizione. È anche grazie a lui, che all’epoca della “Colonia Dignidad” aveva 18 anni, se ancora una volta la Germania prova un senso di vergogna. L’ha detto all’indomani della sentenza di assoluzione Andreas Schüller, l’avvocato che da anni tenta in ogni modo di far pagare le proprie colpe a Hopp, che oggi ha 75 anni: “Sono scandalizzato: la sentenza dimostra che ‘Colonia Dignidad” resta un capitolo buio nella storia giudiziaria tedesca. La nostra fiducia nel sistema giudiziario ne esce molto scossa: è dal 1965 che in Germania si sa degli abusi e delle violenze contro i bambini che avvenivano all’interno del villaggio”.

Nel momento di massima espansione, Colonia Dignidad, poi chiamata “Villa Baviera”, ospitava circa 300 persone: una comunità idealmente felice che si occupava di agricoltura, dotata di un ospedale, una scuola, piste di atterraggio, un ristorante, una panetteria-pasticceria e una centrale elettrica che forniva energia. Niente televisione, telefoni e nessun giornale potevano circolare: le pene per chi trasgrediva erano pesanti, con privazione di cibo, fustigazione pubblica, elettroshock e terapie a base di psicofarmaci. I residenti erano obbligati a vestire con costumi tipici bavaresi e a cantare canzoni tedeschi durante il lavoro nei campi. Vietato anche il sesso, e i bambini che nascevano non potevano conoscere l’identità dei genitori: non esistevano mamma e papà, ma solo zii e zie.

A proteggerla, una barriera elettrificata con torri di sorveglianza presidiate da militari armati di tutto punto. Le prime notizie su ciò che avveniva lì dentro risalgono al 1965, ma da allora la CIA americana e personaggi come Simon Wiesenthal, il “cacciatore di nazisti”, hanno presentato rapporti sulla setta di Paul Schäfer, che per qualche tempo aveva ospitato anche Josef Mengele, il crudele medico di Aushwitz che usava i prigionieri come cavie umane per esperimenti aberranti. A proteggere la struttura era soprattutto il regime di Pinochet, che in cambio aveva ottenuto il via libera per considerare Colonia Dignidad un tranquillo e fidato centro di tortura e soppressione dei dissidenti, ma anche un punto privilegiato per testare l’efficacia del gas Sarin, un desiderio della “DINA” (Dirección de Inteligencia Nacional), i servizi segreti cileni. Ma le connivenze della setta di Paul Schäfer non finivano qui: poteva contare su appoggi nell’Argentina di Videla e il Paraguay di Alfredo Stroessner, oltre a quello di politici, giudici, politici e uomini d’affari. Nel 2006, numerosi membri della colonia hanno chiesto scusa con una lunga lettera pubblica per i 40 anni di abusi e violenze: era stato PaulSchäfer a soggiogarli psicologicamente e fisicamente.

Buona parte del mondo, per lungo tempo non ha saputo dell’esistenza di Colonia Dignidad: nel 2015, il film “Colonia”, diretto da Florian Gallenberger e interpretato da Emma Watson, Daniel Brühl, ha mostrato gli orrori del regno di uno spietato e crudele pedofilo tedesco. Efrain Veuhoff, 49 anni, uno degli ex ospiti, ha faticosamente denunciato la sua esperienza: “Siamo stati abusati tutti. Ci facevano credere che quella era l’unica possibile e Schäfer dio in persona”. Insieme a lui Erika Tymm, 56 anni: “Non sapevamo nulla della via fuori: la nostra vita era il lavoro nei campi e poco cibo”. Tra i tanti che hanno subito violenza anche suo marito, anni dopo finito in galera a sua volta con l’accusa di pedofilia. 

Villa Baviera esiste ancora oggi, ma l’attuale direttore, Peter Müller, ha cambiato totalmente le regole: nessuno è prigioniero, bambini e ragazzi possono frequentare scuole all’esterno della struttura e i turisti sono i benvenuti. Tutto è rimasto come allora, e si può accedere, visitare e fotografare tutto: tranne la stanza di Paul Schäfer.

Galleria fotografica
Il boia di "Colonia Dignidad" è libero - immagine 1
Il boia di "Colonia Dignidad" è libero - immagine 2
Il boia di "Colonia Dignidad" è libero - immagine 3
Il boia di "Colonia Dignidad" è libero - immagine 4
Il boia di "Colonia Dignidad" è libero - immagine 5
La Storia
Il volo della bella Alda e il suicidio che piacque a Warhol
Il volo della bella Alda e il suicidio che piacque a Warhol
Due giovani donne che si gettano nel vuoto: una pare che si sia salvata grazie all’intervento divino, l’altra che pur morendo non sembra che il suo corpo sia precipitato da un grattacielo. Le strane storiedi due vite finite troppo presto
Bingham Cup, l’eredità di un eroe
Bingham Cup, l’eredità di un eroe
È nata come la Coppa del Mondo LGBT di Rugby, ma è stata intitolata ad un giovane di 31 anni morto sul volo United 93, l’unico che l’11 settembre non ha raggiunto i suoi obiettivi
Mamma in business, famiglia in economy
Mamma in business, famiglia in economy
Le confessioni di una blogger di viaggi inglese hanno scatenato una valanga di insulti: la donna preferisce viaggiare nelle classi di lusso, ma lascia la sua famiglia in quella economica
Il suicidio di massa di Jonestown
Il suicidio di massa di Jonestown
Il 18 novembre 1978, il predicatore Jim Jones ordina ai suoi fedeli di togliersi la vita. Quando l’esercito americano entra nella città costruita nel cuore della giungla, scopre quasi 1.000 cadaveri
Beh, io con le feste per un po' ho chiuso
Beh, io con le feste per un po
La tristissima vicenda del bambino di 6 anni che aveva invitato alla festa di compleanno i compagni di scuola che però non si sono presentati
Quando Hanna & Barbera si buttarono sulla sitcom
Quando Hanna & Barbera si buttarono sulla sitcom
Una serie a cartoni animati degli anni Settanta è stata l’antesignana di molte serie tv satiriche e del cartoon più famoso di sempre, i Simpson. A crearla la coppia dei produttori di famosi cartoni animati, come gli Antenati e Scooby-Doo
Morire è un po’… tornare
Morire è un po’… tornare
La tafofobia è il terrore irrazionale di essere sepolti vivi. Molte le leggende nate intorno a questa paura, raccontata magistralmente da Poe, e che attanagliò Gogol’, uno dei maestri della letteratura russa
Gli antipodi in due cugini elvetici
Gli antipodi in due cugini elvetici
Nella neutrale Svizzera tra le due guerre mondiali una esuberante scrittrice e fotografa omosessuale diventa famosa per le sue opere e la sua vita sregolata. Negli anni Settanta un suo parente diventa il più conosciuto razzista europeo
I peggiori anni della nostra civiltà
I peggiori anni della nostra civiltà
Mentre le teorie che definiscono il 2018 miglior anno per l’umanità siano ancora da verificare, non vi sono dubbi che il 536 d.C. sia stato davvero uno dei peggiori anni per il genere umano, con eruzioni, pestilenze, guerre e carestie
Via il nome di John Wayne
Via il nome di John Wayne
Dal 1979, l’aeroporto di Santa Ana, nell’Orange County, California, è dedicato all’eroe dei film western. Ma le polemiche sulle sue posizioni razziste hanno ridato forza alle polemiche