La spy story sul lago di Zurigo

| Un top manager di Crédit Suisse si dimette per passare alla concorrenza e un dirigente ordina di metterlo sotto sorveglianza. Il caso esplode anche per il suicidio di uno degli investigatori privati

+ Miei preferiti
Forse non c’è luogo al mondo migliore del lago di Zurigo, per ambientare una spy-story. Al centro esatto dell’Europa che conta, fra natura, boutique, orologerie e la vita notturna della Bahnhofstrasse, il quartiere delle grandi banche, quelle che custodiscono i patrimoni dei signori del mondo assicurando una riservatezza proverbiale.

È questo lo scenario di un caso di spionaggio internazionale in piena regola che ha come epicentro “Crédit Suisse”, il gruppo bancario fondato nel 1856 da Alfred Escher: un colosso mondiale dei servizi finanziari con 47mila collaboratori che operano in 50 paesi diversi.

Tutto nasce e si sviluppa intorno alla figura di Iqbal Khan, 43 anni, brillante e ambizioso banchiere emergente di origini pakistane alla guida della delicatissima divisione che si occupa della gestione dei patrimoni. Un manager che secondo molti sta bruciando le tappe, guadagnandosi la pole position per la carica di amministratore delegato. Ma all’improvviso, senza aver mai dato segni di irrequietezza, Khan presenta le dimissioni. Si dimette per passare alla UBS, la più antica e importante banca di investimento di tutta la Svizzera.

Sarebbe un normale caso di calciomercato fra aziende, che quando intravedono un talento non esitano a fare la spesa nei vivai della concorrenza. Ma Kahn non è una mezzala che può svelare la tattiche del 4-4-2, ma un banchiere rampante in grado di portarsi appresso un portafoglio clienti che vale qualche punto di Pil.

Pierre Olivier Bouée, chief operating officer di Crédit Suisse, decide di vederci chiaro: ne parla con Remo Boccali, responsabile della sicurezza, a cui affida l’incarico di assoldare un investigatore privato con il compito di pedinare e spiare ogni movimento di Iqbal Khan.

È lo stesso top manager, sospettando di essere pedinato, a sporgere denuncia: la polizia ferma tre detective privati, e lo scandalo monta, aiutato dai media, che scoprono l’esistenza di antipatie professionali e personali fra Khan e Thiam. A tutto questo, nei giorni scorsi, si è aggiunto il suicidio di uno degli investigatori, che ha lasciato in eredità all’intero settore finanziario svizzero un mezzo tsunami.

Nella speranza di salvaguardare la verginità, è stato reso pubblico il rapporto conclusivo di un’inchiesta ordinata dal consiglio di amministrazione della banca allo studio legale Homburger, in cui il meccanismo della spy story emerge con chiarezza: il 29 agosto scorso, Pierre Olivier Bouée ordina a Remo Boccali di attivarsi per mettere sotto sorveglianza Iqbal Khan. Una decisione, si legge, “presa di propria iniziativa” senza consultare il Urs Rohner, presidente del consiglio di amministrazione ed il Ceo, Tidjane Thiam. Bouée abbozza una difesa: “L’ho fatto proteggere gli interessi della banca”, ma serve a poco: la sua testa e quella di Boccali vanno sacrificate, e saltano pochi minuti dopo.

Urs Ronher, definendo “sbagliata e sproporzionata” la decisione di mettere sotto sorveglianza Khan, ha anche aggiunto che “tutto ciò ha gravemente leso la reputazione della banca”, presentando le proprie scuse a dipendenti, clienti e azionisti di Crédit Suisse, oltre alla famiglia di Iqbal Khan.

Galleria fotografica
La spy story sul lago di Zurigo - immagine 1
La Storia
L’amara verità sul traffico dei minori
L’amara verità sul traffico dei minori
Capita, ma è difficile che i bambini siano rapiti come accade nei film: le organizzazioni criminali sulla tratta di esseri umani cercano giovani disagiati e senza protezione
MOM Air, la rivoluzione dei voli low cost
MOM Air, la rivoluzione dei voli low cost
Una nuova compagnia aerea dai costi stracciatissimi e le politiche aggressive si è affacciata sulla scena mondiale. Peccato che la realtà sia ben diversa….
La città degli afroamericani
La città degli afroamericani
“Freedom” sta sorgendo in Georgia, su un terreno di 40 ettari acquistato da 19 famiglie: sognano di crescere, svilupparsi e di essere da esempio per le comunità di colore americane, accogliendo anche i bianchi
I falsi Beatles che truffarono il Sudamerica
I falsi Beatles che truffarono il Sudamerica
Arrivavano dalla Florida, suonavano le loro canzoni e come tutti i giovani nel 1964 vestivano come i veri Beatles. Sono finiti al centro di un tentativo di truffa epocale, ma Tom, Vic, Bill e Dave hanno comunque lasciato il segno
CIAO MAX
CIAO MAX
Bill, Hillary e Monica: i Clinton si confessano
Bill, Hillary e Monica: i Clinton si confessano
L’ex presidente americano e l’ex First Lady protagonisti di un documentario: in una delle 4 puntate ripercorrono il calvario dei giorni dello scandalo Lewinsky
GB, l’eroe che vende la medaglia per pagarsi il funerale
GB, l’eroe che vende la medaglia per pagarsi il funerale
Nel 1974, l’ex pugile Ronnie Russell aveva ricevuto la “George Medal” per aver salvato da un sequestro la principessa Anna. Ma è stato costretto a vendere il riconoscimento
La vita di Figen Murray, che ha perso un figlio a Manchester
La vita di Figen Murray, che ha perso un figlio a Manchester
Era la mamma di Martyn, 29 anni, fan di Ariana Grande: una delle prime vittime identificate alla Manchester Arena. Da allora gira le scuole del Regno Unito per spiegare ai giovani che la radicalizzazione è solo dolore, per tutti
Il boia di "Colonia Dignidad" è libero
Il boia di "Colonia Dignidad" è libero
Il medico Harmut Hopp, braccio destro di Paul Schäfer, per 40 anni ha violentato e torturato gli ospiti di un’enclave nata in Cile che ha goduto della protezione dei regimi sudamericani. Ma un tribunale tedesco l’ha appena scagionato
Il volo della bella Alda e il suicidio che piacque a Warhol
Il volo della bella Alda e il suicidio che piacque a Warhol
Due giovani donne che si gettano nel vuoto: una pare che si sia salvata grazie all’intervento divino, l’altra che pur morendo non sembra che il suo corpo sia precipitato da un grattacielo. Le strane storiedi due vite finite troppo presto