MOM Air, la rivoluzione dei voli low cost

| Una nuova compagnia aerea dai costi stracciatissimi e le politiche aggressive si è affacciata sulla scena mondiale. Peccato che la realtà sia ben diversa….

+ Miei preferiti
Mentre il mondo dell’aviazione civile e del turismo lottano strenuamente per rimanere a galla, con le compagnie aeree che accusano autentiche emorragie di denaro, ha colpito tutti l’annuncio della nascita della “MOM Air”, una compagnia nuova di zecca che presto collegherà l’Islanda a entrambe le sponde dell’Atlantico.

Qualcosa di strano c’era: la livrea degli aerei e il logo somigliavano a quelle della “WOW Air”, compagnia islandese finita in bancarotta lo scorso anno, ma a far scordare tutto erano stati i dettagli: collegamenti quotidiani tra l’Europa e il Nord America con voli regolari da Londra, Parigi e Berlino da e verso Boston e Toronto.

Il tutto a prezzi promessi come stracciatissimi, anche se applicando politiche di bordo perfino più drastiche di compagnie come la “Ryan Air”: bagaglio, Wi-Fi, carta igienica, sapone e persino i giubbotti di salvataggio andavano considerati come costo a parte. In compenso, la MOM Air nasceva prevedendo addirittura i “Covid Flights”, voli riservati a chi è risultato positivo al test o ha già avuto la malattia, resi possibili dalla presenza di personale di bordo che aveva sviluppato gli anticorpi.

Sembrava una bufala, ma nei giorni successivi una pubblicità martellante ha continuato a raccontare offerte mai viste prima, come l’offerta di due posti gratuiti su ogni volo, la richiesta di pagamento solo due giorni prima del decollo, la cancellazione senza alcuna penale e i posti in standby a bassissimo costo. Per finire in bellezza con un colpo alla parità di genere (la MOM Air assicura di impiegare lo stesso numero di uomini e donne) e all’ecologia (vogliamo proteggere l’ambiente al meglio delle nostre possibilità) attraverso la compensazione delle emissioni di anidride carbonica, l’utilizzo di materiali riciclati e la completa eliminazione della carta.

Il risultato? Poco meno di 10.000 follower su Instagram e 6.000 richieste di prenotazione in sole due settimane, prima ancora che la compagnia aerea avesse annunciato nel dettaglio date e prezzi.

Poi, è arrivata la verità: il CEO di MOM Air, Oddur Eysteinn Friðriksson, soprannominato “Odee”, è un artista. E il progetto è stato quello di “mostrare esattamente quanto sia possibile mettere sottosopra i mercati inviando qualche comunicato stampa e mettendo in pratica un minimo di marketing”.

In realtà, Odee aveva in mente di portare avanti il progetto per più tempo, ma la morbosa attenzione che ha ricevuto la MOM Air era ormai diventata troppo stressante, costringendolo a rivelare dopo soli 15 giorni che si trattava di un progetto artistico. “È stato piuttosto impegnativo: ho ricevuto 6.000 prenotazioni, 200 reclami e due commenti al minuto sui social media. Cercavo di stare al passo con tutto e di far sembrare che ci fosse un sacco di gente che lavorava in azienda, ma ad un certo punto la situazione è diventata ingestibile”.

Alla conferenza stampa di presentazione, Friðriksson - figlio di un esperto di marketing - ha affermato che i due posti liberi su ogni volo erano un veicolo per aumentare la consapevolezza del brand, ma con la certezza che la compagnia aerea non avrebbe perso soldi, perché i destinatari avrebbero avuto l’obbligo di acquistare il volo di ritorno, con tutti gli extra obbligatori.

Quando la beffa artistica è stata svelata, qualcuno si è chiesto se potesse essere davvero questo il destino delle compagnie lowcost. Secondo Paul Simmons, direttore esecutivo di “Blue Islands”, alcune delle “politiche” di MOM Air non erano affatto malvagie. “L’idea dei due posti gratuiti su ogni volo potrebbe avere un senso per consacrare l’azienda: in fondo, la maggior parte delle compagnie aeree low cost ha una percentuale di carico del 95%, quindi i posti liberi ci sarebbero, e senza rinunce”.

A incuriosire è stata anche un’altra idea: invece di pagare le commissioni ai siti di agenzie di viaggio online, l’idea della MOM Air era che gli hotel avrebbero contribuito al volo dei passeggeri diretti verso le loro strutture. “Irrealizzabile, e perfino illegale, al contrario, l’annuncio di far pagare i giubbotti di salvataggio e il rotolo di carta igienica. I minimi legali - tra cui un bicchiere d’acqua, sapone e articoli da toilette - sono stabiliti da norme e regolamenti internazionali”.

Galleria fotografica
MOM Air, la rivoluzione dei voli low cost - immagine 1
MOM Air, la rivoluzione dei voli low cost - immagine 2
MOM Air, la rivoluzione dei voli low cost - immagine 3
MOM Air, la rivoluzione dei voli low cost - immagine 4
MOM Air, la rivoluzione dei voli low cost - immagine 5
La Storia
L’amara verità sul traffico dei minori
L’amara verità sul traffico dei minori
Capita, ma è difficile che i bambini siano rapiti come accade nei film: le organizzazioni criminali sulla tratta di esseri umani cercano giovani disagiati e senza protezione
La città degli afroamericani
La città degli afroamericani
“Freedom” sta sorgendo in Georgia, su un terreno di 40 ettari acquistato da 19 famiglie: sognano di crescere, svilupparsi e di essere da esempio per le comunità di colore americane, accogliendo anche i bianchi
I falsi Beatles che truffarono il Sudamerica
I falsi Beatles che truffarono il Sudamerica
Arrivavano dalla Florida, suonavano le loro canzoni e come tutti i giovani nel 1964 vestivano come i veri Beatles. Sono finiti al centro di un tentativo di truffa epocale, ma Tom, Vic, Bill e Dave hanno comunque lasciato il segno
CIAO MAX
CIAO MAX
Bill, Hillary e Monica: i Clinton si confessano
Bill, Hillary e Monica: i Clinton si confessano
L’ex presidente americano e l’ex First Lady protagonisti di un documentario: in una delle 4 puntate ripercorrono il calvario dei giorni dello scandalo Lewinsky
GB, l’eroe che vende la medaglia per pagarsi il funerale
GB, l’eroe che vende la medaglia per pagarsi il funerale
Nel 1974, l’ex pugile Ronnie Russell aveva ricevuto la “George Medal” per aver salvato da un sequestro la principessa Anna. Ma è stato costretto a vendere il riconoscimento
La vita di Figen Murray, che ha perso un figlio a Manchester
La vita di Figen Murray, che ha perso un figlio a Manchester
Era la mamma di Martyn, 29 anni, fan di Ariana Grande: una delle prime vittime identificate alla Manchester Arena. Da allora gira le scuole del Regno Unito per spiegare ai giovani che la radicalizzazione è solo dolore, per tutti
La spy story sul lago di Zurigo
La spy story sul lago di Zurigo
Un top manager di Crédit Suisse si dimette per passare alla concorrenza e un dirigente ordina di metterlo sotto sorveglianza. Il caso esplode anche per il suicidio di uno degli investigatori privati
Il boia di "Colonia Dignidad" è libero
Il boia di "Colonia Dignidad" è libero
Il medico Harmut Hopp, braccio destro di Paul Schäfer, per 40 anni ha violentato e torturato gli ospiti di un’enclave nata in Cile che ha goduto della protezione dei regimi sudamericani. Ma un tribunale tedesco l’ha appena scagionato
Il volo della bella Alda e il suicidio che piacque a Warhol
Il volo della bella Alda e il suicidio che piacque a Warhol
Due giovani donne che si gettano nel vuoto: una pare che si sia salvata grazie all’intervento divino, l’altra che pur morendo non sembra che il suo corpo sia precipitato da un grattacielo. Le strane storiedi due vite finite troppo presto