Via il nome di John Wayne

| Dal 1979, l’aeroporto di Santa Ana, nell’Orange County, California, è dedicato all’eroe dei film western. Ma le polemiche sulle sue posizioni razziste hanno ridato forza alle polemiche

+ Miei preferiti
Soprattutto in Texas, la figura di John Wayne è quella dell’eroe, del patriota, del cowboy che sapeva usare la colt e la giustizia con la stessa straordinaria abilità. Difficilmente, nella storia di Hollywood, un altro divo del grande schermo è mai riuscito a incarnare la cultura e la filosofia del vero “yankee”, sia in patria che fuori. Nato il 26 maggio del 1907 a Winterset, nell’Iowa, Marion Michael Morrison, il suo vero nome, per tutti “The Duke”, il duca, aveva iniziato la carriera nel cinema muto riuscendo poi a trasformarsi nell’immagine per antonomasia dell’eroe western e delle storie di frontiera, interpretando oltre 150 pellicole, quasi tutte di enorme successo. Candidato all’Oscar per tre volte, era stato insignito con medaglia d’oro del Congresso e quella della Libertà, concessa dal presidente in persona. Muore di cancro l’11 giugno 1979, e pochi mesi dopo gli viene intitolato l’aeroporto di Orange Country, nei pressi di Santa Ana, in California: per il comune un semplice omaggio al più celebre dei concittadini, per molti di più una scelta scellerata, vista qualche affermazione un po’ di forte pronunciata da Wayne quando era in vita. Secondo diverse biografie, l’attore era un noto omofobo, razzista e forte simpatizzante delle posizioni dell’ultra destra.

Nel tempo, sullo scalo aeroportuale californiano si accendono e spengono polemiche, a cominciare da un problema di ordine pratico: il nome John Wayne poteva destare qualche confusione sulla posizione dell’aeroporto, visto che la contea di “Orange County” è cambiata, passando da sobborgo a seconda contea della California per popolazione.

La polemica intorno al nome di John Wayne sta riprendendo forza in queste settimane, accompagnata dall’ennesima richiesta di intitolare l’aeroporto di Santa Ana a qualche personaggio meno discutibile. Il motivo scatenante è una vecchia intervista rilasciata dall’attore a “Playboy” nel 1971, ripresa integralmente dal “Los Angeles Times”, in cui The Duke afferma di credere “nella supremazia bianca, almeno finché i neri non saranno educati ad un livello di responsabilità. Non capisco perché la gente insista sul fatto che ai neri sia stato proibito il diritto di andare a scuola: erano ammessi nelle scuole pubbliche ovunque io fossi. Anche se non avessero le credenziali adeguate per il college, ci sono corsi per aiutarli a diventare idonei. Ma se non sono culturalmente pronti per quel passo, non penso che dovrebbero essere ammessi, altrimenti, la società accademica si riduce al minimo comune denominatore”. Era stata la figlia di Wayne a riportarla alla luce nel 2016, pensando di fare cosa gradita alla campagna elettorale di Trump.

Galleria fotografica
Via il nome di John Wayne - immagine 1
La Storia
I falsi Beatles che truffarono il Sudamerica
I falsi Beatles che truffarono il Sudamerica
Arrivavano dalla Florida, suonavano le loro canzoni e come tutti i giovani nel 1964 vestivano come i veri Beatles. Sono finiti al centro di un tentativo di truffa epocale, ma Tom, Vic, Bill e Dave hanno comunque lasciato il segno
CIAO MAX
CIAO MAX
Bill, Hillary e Monica: i Clinton si confessano
Bill, Hillary e Monica: i Clinton si confessano
L’ex presidente americano e l’ex First Lady protagonisti di un documentario: in una delle 4 puntate ripercorrono il calvario dei giorni dello scandalo Lewinsky
GB, l’eroe che vende la medaglia per pagarsi il funerale
GB, l’eroe che vende la medaglia per pagarsi il funerale
Nel 1974, l’ex pugile Ronnie Russell aveva ricevuto la “George Medal” per aver salvato da un sequestro la principessa Anna. Ma è stato costretto a vendere il riconoscimento
La vita di Figen Murray, che ha perso un figlio a Manchester
La vita di Figen Murray, che ha perso un figlio a Manchester
Era la mamma di Martyn, 29 anni, fan di Ariana Grande: una delle prime vittime identificate alla Manchester Arena. Da allora gira le scuole del Regno Unito per spiegare ai giovani che la radicalizzazione è solo dolore, per tutti
La spy story sul lago di Zurigo
La spy story sul lago di Zurigo
Un top manager di Crédit Suisse si dimette per passare alla concorrenza e un dirigente ordina di metterlo sotto sorveglianza. Il caso esplode anche per il suicidio di uno degli investigatori privati
Il boia di "Colonia Dignidad" è libero
Il boia di "Colonia Dignidad" è libero
Il medico Harmut Hopp, braccio destro di Paul Schäfer, per 40 anni ha violentato e torturato gli ospiti di un’enclave nata in Cile che ha goduto della protezione dei regimi sudamericani. Ma un tribunale tedesco l’ha appena scagionato
Il volo della bella Alda e il suicidio che piacque a Warhol
Il volo della bella Alda e il suicidio che piacque a Warhol
Due giovani donne che si gettano nel vuoto: una pare che si sia salvata grazie all’intervento divino, l’altra che pur morendo non sembra che il suo corpo sia precipitato da un grattacielo. Le strane storiedi due vite finite troppo presto
Bingham Cup, l’eredità di un eroe
Bingham Cup, l’eredità di un eroe
È nata come la Coppa del Mondo LGBT di Rugby, ma è stata intitolata ad un giovane di 31 anni morto sul volo United 93, l’unico che l’11 settembre non ha raggiunto i suoi obiettivi
Mamma in business, famiglia in economy
Mamma in business, famiglia in economy
Le confessioni di una blogger di viaggi inglese hanno scatenato una valanga di insulti: la donna preferisce viaggiare nelle classi di lusso, ma lascia la sua famiglia in quella economica