Corsera Torino: via La Rocca, arriva Castelnuovo

| Marco Castelnuovo, 42 anni, ex La Stampa e a lungo in ruoli dirigenziali al desk della redazione centrale del Corsera, è da pochi giorni il direttore del dorso torinese del quotidiano di via Solferino

+ Miei preferiti
Un giovane uomo molto attento alle innovazioni digitali, scelto al posto di un 61 enne della scuola hard boiled, formatosi negli anni '90 e oltre. Umberto La Rocca, come nei giorni di Lehman-Brother, una mattina di buon ora è venuto a prendersi le sue cose nella redazione del Corriere Torino, non distante da via Roma, poi ha salutato i fedelissimi e se ne è andato. Ex Messaggero, ex Stampa, ex Secolo XIX, silurato ai tempi della nascita di "Gedi" nel 2014, sembrava avesse trovato un trampolino di rilancio nel Corriere. Un uomo che amava difendere la sua visione, secondo lui, di un giornalismo non prono ai "poteri forti" senza mai convincere del tutto gli scettici. Non solo questo - ma anche altro - come una confusa linea politica a volta pro qualcuno a volte contro tutti o quasi, avrebbe convinto Cairo a chiudergli la porta. Poi gli echi di liti furibonde, di colleghi che hanno scelto di lasciare Torino per non lavorare più con lui, considerato con un carattare non facile, con cui era difficile costruire uno spirito di team, ma non tutti sono d'accordo. I giovani della redazione, anche i grafici e le grafiche, hanno lavorato con quest'uomo, con cui la mediazione non sempre era facile di sicuro, imparando molto, cose che oggi non si insegnano neanche più. E' chiaro che i vertici milanesi del Corsera erano alla fine ben consapevoli comunque di un quadro complicato. E certe rappresentazioni - vere o false - non sono in linea con la tradizione gloriosa, e molto british, di via Solferino.  

L’Analisi
Strage di Bologna, i nuovi misteri
Strage di Bologna, i nuovi misteri
Sudamerica: la rabbia di un continente
Sudamerica: la rabbia di un continente
È la nuova polveriera del mondo, scatenata da una manciata di paesi dove la vita conta poco, le disuguaglianze sono lampanti e alla gente manca tutto, dai servizi essenziali alla speranza
Suicidi con le stellette
Suicidi con le stellette
La Spoon River di tanti uomini in divisa, perché si uccidono?
Il peso specifico della divisa
Il peso specifico della divisa
Due professoresse dell’Università di Torino spiegano come si sta cercando di agire per prevenire i crescenti casi di suicidio nelle forze dell’ordine e tenere sotto controllo lo stress generato da un mestiere delicato
QAnon, il dominio dei circoli pedofili
QAnon, il dominio dei circoli pedofili
Dall'ottobre 2017 un misterioso profilo twitter semina odio e paure ancestrali nei social mondiali. Denuncia oscure trame, tra circoli pedofili e trust di banchieri e politici perversi. Seguaci Vip. Profetico sul caso Epstein
Cina e Russia, la protesta parte dal basso
Cina e Russia, la protesta parte dal basso
A Hong Kong e Mosca migliaia di persone in piazza e nelle strade. In Asia tutto fermo per lo sciopero generale contro la Cina, a Mosca arrestata la leader dell'opposizione Sobol e altri 1000 attivisti
Dopo il Sì alla Tav, Perino evoca i prossimi 'martiri'
Dopo il Sì alla Tav, Perino evoca i prossimi
Il portavoce storico del movimento attacca i pentastellati. Ora potrà riprendere il conflitto dopo la parentesi pentastellata. Minacce esplicite nel documento di Notav.Info, house organ dell'autonomia in Val Susa
No Tav e M5s, c'eravamo tanto amati
No Tav e M5s, c
Ribolle sul web la rabbia, l'odio, la delusione e le minacce dei No Tav valsusini che si sentono traditi da Di Maio, Casaleggio e Grillo. Post di fuoco e imbarazzo pentastellato. Fine di una stagione di lotta
Terrorismo anarchico, dalle bombe ai roghi unico disegno
Terrorismo anarchico, dalle bombe ai roghi unico disegno
L'attentato all'Alta Velocità di Firenze, frutto di una nuova alleanza tra gruppi eversivi sin qui divisi. Al centro, il processo per la bomba a Casapound a Firenze e gli scontri No Tav in Val Susa
Crolla 'Il Fatto', grillismo senza limitismo non paga
Crolla
Analisi di Blitzquotidiano sulla crisi dei giornali. Il giornale di Marco Travaglio, spalmato sui Cinquestelle, non convince i suoi lettori in fuga come i sostenitori di Maio. Ma la situazione globale non è bella. Anzi