Incubo Spread, il ritorno

| E' la parole più cercata sul web dagli italiani, quota 300 non sarà a lungo sostenibile. Il sistema Italia è in pericolo, ammonimento Bce: "in Grecia iniziò così". Ma la coalizione giallo-verde tira dritto. I numeri per sono inesorabili

+ Miei preferiti
di MINISTER ARGENTARIAE*

Spread. E’ la parola più cercata sui motori di ricerca e ha battuto, in queste ore, anche i nomi di leader e persino l’atteso black friday. Ieri ha chiuso a 329 punti dopo essere salito sino a 340. Oggi L’Europa boccerà la manovra economica italiana, e il rischio è un’ulteriore salita oppure un consolidamento sui 300 punti. Valori comunque insostenibili per il sistema Italia, in grado di provocare, in tempi brevi, un indebolimento delle banche e infine un default in stile Grecia, come ammonisce la Bce. Gli azionisti del governo giallo-verde, e ieri pure il ministro della Giustizia Bonafede a Porta a Porta, continuano a ripetere come in un mantra che il 2,4 per cento di disavanzo non si tocca, che la “manovra del popolo” serve per ripartire, per ridurre il debito grazie alla crescita, che quota 100 e reddito di cittadinanza daranno un impulso all’economia etc etc etc. Ma la realtà purtroppo è un‘altra. L’Europa e l’Occidente, per la guerra dei dazi ma anche per altri fattori macro-economici, sono alla vigilia della recessione e l’Italia è tra i Paesi più deboli ed esposti alla crisi. Le prospettive di crescita dell’1,5 per certo restano un miraggio mentre, più realisticamente, secondo tutti gli analisti del mondo, si attesterà tra lo 0,9 e se andrà bene all’1 per cento. Cosa vuol dire? Vuol dire che l’aumento dei tassi per comprare i titoli italiani - a proposito le aste, per la prima volta da anni, stanno andando male con gravi conseguenze per affrontare la spesa corrente delo Stato - brucerà le risorse necessarie per sostenere la crescita. Il vice-premier Di Maio aveva annunciato di “avere abolito la povertà” attraverso il reddito di cittadinanza, rinviato sine die, ma non si tratta di una mossa in grado di favorire la crescita ma di aggravare ulteriormente lo stato dei conti. E’ vero, in altri Paesi, questa misura, sia pure discussa, viene applicata ma si può con economie solide, con saldi positivi, con il pil e gli indicatori di produttività in crescita. Non è il caso dell’Italia che, per distribuire 780 euro ai “poveri”, con i mille distinguo del caso, utilizza denari che non ha. E per quota 100 rischiano di saltare i delicati conti dell’Inps, già minati dal quadro attuale. Insomma, un disastro annunciato che i sorrisi da corso post-motivazionista di Bonafede e Di Maio non riescono a cancellare e tantomeno a nascondere. Sostengono che la “manovra è del popolo”, ma il popolo, appunto, è quello che rischiano di mettere in ginocchio, mettendo in pericolo i risparmi e i fondamenti di una buona economia. Non bastano le minacce alla Ue, le frasi roboanti e retoriche, il continuo appellarsi ai programmi elettorali. I numeri non sono ideologici, ma sono solo numeri. E lo spread a 300, se resterà ancora su questi livelli, distruggerà l’Italia. Il ministro Tria e il re travicello Conte lo sanno bene. E soprattutto lo sa il presidente della Repubblica sempre più preoccupato. Pensare a un ritorno della ragionevolezza nella coalizione giallo-verde appare impossibile. Vivono di sondaggi e di una cocciuta determinazione auto-autolesionista che gli induce a mettere gli interessi del Paese, e del famoso popolo, in secondo o terzo piano rispetto al mantenimento a tutti i costi del Potere. Intanto stanno infiltrando i loro uomini nei gangli economici e finanziari del Paese. Gli effetti saranno, sul lungo periodo, devastanti.

*Dirigente bancario

L’Analisi
Siamo 7.777.777.777
Siamo 7.777.777.777
Il numero della popolazione terrestre teoricamente superato oggi è emblematico. Secondo il Dipartimento Economia e affari sociali delle Nazioni Unite raggiungeremo quota 8,5 miliardi nel 2030 e quasi 11 miliardi nel 2100
Donald Trump, l’America ha il suo sovrano
Donald Trump, l’America ha il suo sovrano
Sempre più convinto di avere in mano il potere assoluto, Trump continua ad agire disprezzando regole e leggi. Ma il malumore serpeggia ormai ovunque, anche al Pentagono, reduce da una magra figura
Strage di Bologna, i nuovi misteri
Strage di Bologna, i nuovi misteri
Sudamerica: la rabbia di un continente
Sudamerica: la rabbia di un continente
È la nuova polveriera del mondo, scatenata da una manciata di paesi dove la vita conta poco, le disuguaglianze sono lampanti e alla gente manca tutto, dai servizi essenziali alla speranza
Suicidi con le stellette
Suicidi con le stellette
La Spoon River di tanti uomini in divisa, perché si uccidono?
Il peso specifico della divisa
Il peso specifico della divisa
Due professoresse dell’Università di Torino spiegano come si sta cercando di agire per prevenire i crescenti casi di suicidio nelle forze dell’ordine e tenere sotto controllo lo stress generato da un mestiere delicato
Corsera Torino: via La Rocca, arriva Castelnuovo
Corsera Torino: via La Rocca, arriva Castelnuovo
Marco Castelnuovo, 42 anni, ex La Stampa e a lungo in ruoli dirigenziali al desk della redazione centrale del Corsera, è da pochi giorni il direttore del dorso torinese del quotidiano di via Solferino
QAnon, il dominio dei circoli pedofili
QAnon, il dominio dei circoli pedofili
Dall'ottobre 2017 un misterioso profilo twitter semina odio e paure ancestrali nei social mondiali. Denuncia oscure trame, tra circoli pedofili e trust di banchieri e politici perversi. Seguaci Vip. Profetico sul caso Epstein
Cina e Russia, la protesta parte dal basso
Cina e Russia, la protesta parte dal basso
A Hong Kong e Mosca migliaia di persone in piazza e nelle strade. In Asia tutto fermo per lo sciopero generale contro la Cina, a Mosca arrestata la leader dell'opposizione Sobol e altri 1000 attivisti
Dopo il Sì alla Tav, Perino evoca i prossimi 'martiri'
Dopo il Sì alla Tav, Perino evoca i prossimi
Il portavoce storico del movimento attacca i pentastellati. Ora potrà riprendere il conflitto dopo la parentesi pentastellata. Minacce esplicite nel documento di Notav.Info, house organ dell'autonomia in Val Susa