Isis in Italia, così importiamo il terrorismo

| Analisi dopo l'arresto di un aspirante terrorista a Milano. C'è una strana ritrosia e una strana indifferenza, mentre le associazioni estremiste islamiche aprono moschee e scuole anche in Italia. Un allarme sottovalutato

+ Miei preferiti
di DAVIDE RICCARDO ROMANO
L'arresto negli scorsi giorni a Milano di un 22enne egiziano affiliato all'ISIS deve far riflettere sul fatto che il pericolo del terrorismo islamico è tutt'altro che finito. Anche l'attentato del giorno prima a Bruxelles lo conferma. Quello che è cambiato è l'atteggiamento dei media che ne parlano meno. E quello delle forze dell'ordine che sono molto più attente. Ma qual è il punto vero, grosso come una casa, che taluni non vogliono vedere? Senza dubbio l'importazione dell'ideologia islamista. Ancora oggi vediamo la politica balbettare quando ha a che fare con associazioni sedicenti islamiche (in realtà estremiste, con un chiaro progetto politico di esportare la sharia in occidente). E' il caso delle associazioni dei Fratelli Musulmani, o dei loro concorrenti sauditi o di quelle turche (filo Erdogan). Sono tutti gruppi che già hanno moschee o stano muovendosi per ottenerne. Costoro non hanno in mente un progetto di fratellanza, ma l'idea di usare i musulmani del territorio come soldati per i loro progetti. E' il caso per esempio dell'imam della moschea di Andria Hosni Hachemi Ben Hassem, condannato nel 2015 per associazione sovversiva finalizzata al terrorismo internazionale di matrice islamica. O dell'imam della moschea di Perugia, espulso nel luglio 2017. O  dell'imam della moschea di Ponte Felcino arrestato nel 2007 e poi condannato per reati di terrorismo internazionale. O ancora,  di Mohammed Madad, 52 anni, imam del centro di cultura e preghiera islamica "Asonna" di Noventa Vicentina espulso nel 2016 perché considerato una minaccia per la sicurezza dello Stato. Tutti costoro usavano le moschee per predicare il verbo dell'odio antiebraico e anticristiano, e creavano aspiranti terroristi. 
Finché la classe politica non si metterà in testa che le moschee vanno concesse solo a gruppi di musulmani di provata fede nei principi della fratellanza tra le religioni e verso le donne (da praticare nei sermoni, non quando si incontrano i politici) e soprattutto anti-jihadisti, la nostra lotta contro il terrorismo islamico non potrà essere vinta. Del resto, qualcuno pensa davvero che il Qatar, Erdogan o l'Arabia Saudita investano decine di milioni di dollari solo in Italia senza avere un progetto politico di importazione del jihadismo?
 
 Loro, i jihadisti, puntano sui peggiori ceffi islamisti di casa nostra? Noi dovremmo allora puntare sui democratici di casa loro. Quelli che sono contro il fanatismo, per la tolleranza verso donne, cristiani, ebrei e gay. Ma su questo, guardiamoci intorno: quando i nostri politici vanno all'estero, pensano solo al business. Anche questa è la differenza tra loro e noi. Loro credono in qualcosa, e infatti investono nell'esportazione del jihad a casa nostra. Noi non crediamo più a niente, neppure nei nostri valori.
L’Analisi
Alpinismo social, quanti morti ancora?
Alpinismo social, quanti morti ancora?
La corsa a imprese impossibili per ottenere visibilità e fama, dopo la morte di Nardi e Ballard, ha ucciso altre tre star dell'alpinismo. Il grido di Messner: "Rischi folli, non sono giustificabili". Vittime di sponsor senza scrupoli
Tav, quei profili fake che attaccano Salvini
Tav, quei profili fake che attaccano Salvini
Rapida analisi di decine di profili social da cui, in queste ore, partono critiche e insulti al vice-premier leghista. Foto anonime, pagine non aggiornate da anni, altre rimbalzano solo post politici, tra No Vax e notizie false
Quelle 5 brigatiste in carcere da 30 anni per coerenza
Quelle 5 brigatiste in carcere da 30 anni per coerenza
Sono le "irriducibili" rimaste fedeli ai vecchi miti della lotta armata, senza mai cedere. Condannate all'ergastolo, avrebbero potuto ottenere sconti di pena e permessi. Come hanno fatto tanti pluriassassini di Br e Prima Linea
Delitti tatuati, il segno della violenza
Delitti tatuati, il segno della violenza
Nelle tragiche morti di Manuela Bailo e Stefania Crotti, i tatuaggi hanno assunto un ruolo sinistro ed inquietante. Un ritorno a riti ancestrali, ancora impressi nella memoria collettiva. La prova di un giuramento tradito
Gangs of UK
Gangs of UK
Non c’è solo il sangue delle strade di Londra: nelle maggiori città del Regno Unito agiscono bande che controllano lo spaccio e la prostituzione. Ma la situazione di Londra resta fra le più allarmanti
"Mamma, da grande farò il martire"
"Mamma, da grande farò il martire"
L'incredibile storia della cellula di Ripoll e dell'Imam bombarolo. Dal 2000 scuole coraniche radicali in tutta Europa, anche in Italia
IGNOTO 1 HA UCCISO YARA Il Dna è quello di Massimo Bossetti
IGNOTO 1 HA UCCISO YARA Il Dna è quello di Massimo Bossetti
Analisi a freddo della sentenza della Cassazione che ha confermato l'ergastolo per il muratore di Mapello. I riscontri scientifici non lasciano dubbi, smontata la tesi del complotto. Prove e indizi schiaccianti
Incubo Spread, il ritorno
Incubo Spread, il ritorno
E' la parole più cercata sul web dagli italiani, quota 300 non sarà a lungo sostenibile. Il sistema Italia è in pericolo, ammonimento Bce: "in Grecia iniziò così". Ma la coalizione giallo-verde tira dritto. I numeri per sono inesorabili
I sicari di MbS hanno ucciso Khashoggi
I sicari di MbS hanno ucciso Khashoggi
La Cia ha individuato nel principe ereditario saudita, Mohammed bin Salman, il mandante di un delitto che sta cambiando gli equilibri e le alleanze dell'intero scacchiere medio-orientale. Usa in difficoltà, Italia ininfluente
Anarchici più pericolosi dei jihadisti
Anarchici più pericolosi dei jihadisti
Torna alla ribalta l'analisi dei nostri 007 sulla galassia antagonista e Fai-Informale. Un'"azione" ogni quattro giorni, 110 attentati solo nel 2017. Tra gli ideologi emerge il ruolo dominante della torinese Anna Beniamino