Isis in Italia, così importiamo il terrorismo

| Analisi dopo l'arresto di un aspirante terrorista a Milano. C'è una strana ritrosia e una strana indifferenza, mentre le associazioni estremiste islamiche aprono moschee e scuole anche in Italia. Un allarme sottovalutato

+ Miei preferiti
di DAVIDE RICCARDO ROMANO
L'arresto negli scorsi giorni a Milano di un 22enne egiziano affiliato all'ISIS deve far riflettere sul fatto che il pericolo del terrorismo islamico è tutt'altro che finito. Anche l'attentato del giorno prima a Bruxelles lo conferma. Quello che è cambiato è l'atteggiamento dei media che ne parlano meno. E quello delle forze dell'ordine che sono molto più attente. Ma qual è il punto vero, grosso come una casa, che taluni non vogliono vedere? Senza dubbio l'importazione dell'ideologia islamista. Ancora oggi vediamo la politica balbettare quando ha a che fare con associazioni sedicenti islamiche (in realtà estremiste, con un chiaro progetto politico di esportare la sharia in occidente). E' il caso delle associazioni dei Fratelli Musulmani, o dei loro concorrenti sauditi o di quelle turche (filo Erdogan). Sono tutti gruppi che già hanno moschee o stano muovendosi per ottenerne. Costoro non hanno in mente un progetto di fratellanza, ma l'idea di usare i musulmani del territorio come soldati per i loro progetti. E' il caso per esempio dell'imam della moschea di Andria Hosni Hachemi Ben Hassem, condannato nel 2015 per associazione sovversiva finalizzata al terrorismo internazionale di matrice islamica. O dell'imam della moschea di Perugia, espulso nel luglio 2017. O  dell'imam della moschea di Ponte Felcino arrestato nel 2007 e poi condannato per reati di terrorismo internazionale. O ancora,  di Mohammed Madad, 52 anni, imam del centro di cultura e preghiera islamica "Asonna" di Noventa Vicentina espulso nel 2016 perché considerato una minaccia per la sicurezza dello Stato. Tutti costoro usavano le moschee per predicare il verbo dell'odio antiebraico e anticristiano, e creavano aspiranti terroristi. 
Finché la classe politica non si metterà in testa che le moschee vanno concesse solo a gruppi di musulmani di provata fede nei principi della fratellanza tra le religioni e verso le donne (da praticare nei sermoni, non quando si incontrano i politici) e soprattutto anti-jihadisti, la nostra lotta contro il terrorismo islamico non potrà essere vinta. Del resto, qualcuno pensa davvero che il Qatar, Erdogan o l'Arabia Saudita investano decine di milioni di dollari solo in Italia senza avere un progetto politico di importazione del jihadismo?
 
 Loro, i jihadisti, puntano sui peggiori ceffi islamisti di casa nostra? Noi dovremmo allora puntare sui democratici di casa loro. Quelli che sono contro il fanatismo, per la tolleranza verso donne, cristiani, ebrei e gay. Ma su questo, guardiamoci intorno: quando i nostri politici vanno all'estero, pensano solo al business. Anche questa è la differenza tra loro e noi. Loro credono in qualcosa, e infatti investono nell'esportazione del jihad a casa nostra. Noi non crediamo più a niente, neppure nei nostri valori.
L’Analisi
Siamo 7.777.777.777
Siamo 7.777.777.777
Il numero della popolazione terrestre teoricamente superato oggi è emblematico. Secondo il Dipartimento Economia e affari sociali delle Nazioni Unite raggiungeremo quota 8,5 miliardi nel 2030 e quasi 11 miliardi nel 2100
Donald Trump, l’America ha il suo sovrano
Donald Trump, l’America ha il suo sovrano
Sempre più convinto di avere in mano il potere assoluto, Trump continua ad agire disprezzando regole e leggi. Ma il malumore serpeggia ormai ovunque, anche al Pentagono, reduce da una magra figura
Strage di Bologna, i nuovi misteri
Strage di Bologna, i nuovi misteri
Sudamerica: la rabbia di un continente
Sudamerica: la rabbia di un continente
È la nuova polveriera del mondo, scatenata da una manciata di paesi dove la vita conta poco, le disuguaglianze sono lampanti e alla gente manca tutto, dai servizi essenziali alla speranza
Suicidi con le stellette
Suicidi con le stellette
La Spoon River di tanti uomini in divisa, perché si uccidono?
Il peso specifico della divisa
Il peso specifico della divisa
Due professoresse dell’Università di Torino spiegano come si sta cercando di agire per prevenire i crescenti casi di suicidio nelle forze dell’ordine e tenere sotto controllo lo stress generato da un mestiere delicato
Corsera Torino: via La Rocca, arriva Castelnuovo
Corsera Torino: via La Rocca, arriva Castelnuovo
Marco Castelnuovo, 42 anni, ex La Stampa e a lungo in ruoli dirigenziali al desk della redazione centrale del Corsera, è da pochi giorni il direttore del dorso torinese del quotidiano di via Solferino
QAnon, il dominio dei circoli pedofili
QAnon, il dominio dei circoli pedofili
Dall'ottobre 2017 un misterioso profilo twitter semina odio e paure ancestrali nei social mondiali. Denuncia oscure trame, tra circoli pedofili e trust di banchieri e politici perversi. Seguaci Vip. Profetico sul caso Epstein
Cina e Russia, la protesta parte dal basso
Cina e Russia, la protesta parte dal basso
A Hong Kong e Mosca migliaia di persone in piazza e nelle strade. In Asia tutto fermo per lo sciopero generale contro la Cina, a Mosca arrestata la leader dell'opposizione Sobol e altri 1000 attivisti
Dopo il Sì alla Tav, Perino evoca i prossimi 'martiri'
Dopo il Sì alla Tav, Perino evoca i prossimi
Il portavoce storico del movimento attacca i pentastellati. Ora potrà riprendere il conflitto dopo la parentesi pentastellata. Minacce esplicite nel documento di Notav.Info, house organ dell'autonomia in Val Susa