TU CHIAMALE SE VUOI, EVASIONI...

| Record di fughe dalle carceri italiane, adesso anche nei settori minorili: a Torino due detenuti non rientrano dai permessi-premio

+ Miei preferiti
L'Osapp, la sigla sindacale della polizia penitenziaria, ci va giù duro. Tema, le evasioni facili. Dopo quella di Johnny lo Zingaro, l'ergastolano arrestato dopo un mese fa dalla polizia dopo una tranquilla fuga dal cercere di Fossano da dove poteva uscire per lavorare, e quella da Civitavecchia di due albanesi, poi catturati dopo poche ore nei dintorni del carcere, un colombiano e di un tunisino appena maggiorenni non sono tornati al Ferrante Aporti di Torino al ritorno di un permesso-premio. Il tunisino Mounir Blel, in carcere per rapina, doveva rientrare al Ferrante Aporti ieri all'ora di pranzo, dopo la concessione di un permesso premio di quattro ore per acquistare nel centro di Torino alcuni abiti accompagnato da una mediatrice culturale; non è riuscita a bloccare il giovane che s'è allontanato dalla sua tutela. Il colombiano Carlos Andres Cabrera Castrillon, a cui era stato invece concesso un permesso di otto ore da trascorrere con la compagna, è sparito invece nel nulla. La sua evasione, resa nota oggi dall'Osapp, risale a giovedì scorso. Il segretario generale Osapp Leo Beneduci, affiancato dal suo vice Gerardo Romano,  si scaglia contro "un'amministrazione notoriamente allo sbando, anche se mai aveva raggiunto i livelli di dissesto attuali e in questi ultimi tempi la giustizia minorile non sembra assolutamente da meno". Poi: "Il rapporto tra l'entita' dei reati commessi e della pena, il comportamento tenuto in carcere e i benefici di cui fruire...Di tali errori sono sempre più colpevoli i direttori e i responsabili regionali delle infrastrutture penitenziarie, sia per adulti sia per i minori", sostiene Beneduci. Infine: "A farne le spese, nella palese inefficienza del sistema, sono i poliziotti penitenziari che vi lavorano. E gli inermi cittadini che, oltre a pagare le tasse per qualcosa che non funziona, subiscono i rischi della criminalità proveniente dal carcere". Per questo motivo, con le forze dell'ordine impegnate a dare la caccia ai due evasi, il sindacato Osapp ora pretende l'istituzione di una commissione parlamentare d'inchiesta, per far luce sulle inefficienze di un sistema penitenziario "che non produce sicurezza né recupera alla società civile chi commette reati".

L’Analisi
Alpinismo social, quanti morti ancora?
Alpinismo social, quanti morti ancora?
La corsa a imprese impossibili per ottenere visibilità e fama, dopo la morte di Nardi e Ballard, ha ucciso altre tre star dell'alpinismo. Il grido di Messner: "Rischi folli, non sono giustificabili". Vittime di sponsor senza scrupoli
Tav, quei profili fake che attaccano Salvini
Tav, quei profili fake che attaccano Salvini
Rapida analisi di decine di profili social da cui, in queste ore, partono critiche e insulti al vice-premier leghista. Foto anonime, pagine non aggiornate da anni, altre rimbalzano solo post politici, tra No Vax e notizie false
Quelle 5 brigatiste in carcere da 30 anni per coerenza
Quelle 5 brigatiste in carcere da 30 anni per coerenza
Sono le "irriducibili" rimaste fedeli ai vecchi miti della lotta armata, senza mai cedere. Condannate all'ergastolo, avrebbero potuto ottenere sconti di pena e permessi. Come hanno fatto tanti pluriassassini di Br e Prima Linea
Delitti tatuati, il segno della violenza
Delitti tatuati, il segno della violenza
Nelle tragiche morti di Manuela Bailo e Stefania Crotti, i tatuaggi hanno assunto un ruolo sinistro ed inquietante. Un ritorno a riti ancestrali, ancora impressi nella memoria collettiva. La prova di un giuramento tradito
Gangs of UK
Gangs of UK
Non c’è solo il sangue delle strade di Londra: nelle maggiori città del Regno Unito agiscono bande che controllano lo spaccio e la prostituzione. Ma la situazione di Londra resta fra le più allarmanti
"Mamma, da grande farò il martire"
"Mamma, da grande farò il martire"
L'incredibile storia della cellula di Ripoll e dell'Imam bombarolo. Dal 2000 scuole coraniche radicali in tutta Europa, anche in Italia
IGNOTO 1 HA UCCISO YARA Il Dna è quello di Massimo Bossetti
IGNOTO 1 HA UCCISO YARA Il Dna è quello di Massimo Bossetti
Analisi a freddo della sentenza della Cassazione che ha confermato l'ergastolo per il muratore di Mapello. I riscontri scientifici non lasciano dubbi, smontata la tesi del complotto. Prove e indizi schiaccianti
Isis in Italia, così importiamo il terrorismo
Isis in Italia, così importiamo il terrorismo
Analisi dopo l'arresto di un aspirante terrorista a Milano. C'è una strana ritrosia e una strana indifferenza, mentre le associazioni estremiste islamiche aprono moschee e scuole anche in Italia. Un allarme sottovalutato
Incubo Spread, il ritorno
Incubo Spread, il ritorno
E' la parole più cercata sul web dagli italiani, quota 300 non sarà a lungo sostenibile. Il sistema Italia è in pericolo, ammonimento Bce: "in Grecia iniziò così". Ma la coalizione giallo-verde tira dritto. I numeri per sono inesorabili
I sicari di MbS hanno ucciso Khashoggi
I sicari di MbS hanno ucciso Khashoggi
La Cia ha individuato nel principe ereditario saudita, Mohammed bin Salman, il mandante di un delitto che sta cambiando gli equilibri e le alleanze dell'intero scacchiere medio-orientale. Usa in difficoltà, Italia ininfluente