Tra una risata e l'altra, le nozze tra grillini e Dem

+ Miei preferiti

Il “cazzaro ridens”, il giornalista più grillino del mondo non sta più nella pelle per l’inciucio pd-grillino. Tanto da incorrere in un’analisi che ha uno straordinario effetto comico. Per far digerire un’alleanza contro-natura dopo anni di insulti reciproci, ai lettori (sempre in calo) della sua Pravda, s’è inventato il Conte Bis e il Conte 2. Il primo non va bene. Perché vorrebbe dire “continuità” con la precedente alleanza giallo-verde che lui, sempre ridendo, aborre. Allora il Robespierre de noantri, ci ha pensato su e ha tirato fuori il Conte 2. Basta dunque la differenza, tra bis e 2, per legittimare una della capriole più tragiche ma anche divertenti della storia d’Italia dall’unità a oggi. Gli elettori grillini sono in gran parte indignati e scossi per il morboso attaccamento di chi doveva aprire il Parlamento come “una scatola di tonno”, alla poltrona. Ma il “cazzaro ridens” niente. Il partito della casta, e che a Bibbiano rapisce i bambini alle madri e che fa traffico di esseri umani, adesso - Oplà - va bene. Basta che sia 2 e non Bis. Il povero Montanelli, a cui il semper ridens dice di ispirarsi, sta capriolando nella tomba.

L'EDITORIALE