Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome

| Il ricordo del governatore del Punjab ucciso dopo che aveva criticato il reato di blasfemia e la morte del ministro cristiano per le minoranze che si era battuto per la libertà della donna cristiana

+ Miei preferiti
di DAVIDE RICCARDO ROMANO
Il calvario di Asia Bibi, questa donna perseguitata perché cristiana sembra avere avuto termine. Dopo quasi 10 anni di carcere, è finalmente libera. Anni di vita che non le saranno restituiti. Ma si può considerare fortunata, visto che almeno lei è finita al centro dell'attenzione dei media. Tanti altri cristiani non hanno avuto questa fortuna, e sono finiti stritolati dagli ingranaggi di Stati che opprimono la cristianità in nome di una religione superiore. Dunque oggi sì, festeggiamo Asia. Ma non dimentichiamo che lei è "solo" un simbolo, e per una che viene salvata ce ne sono cento che finiscono nel dimenticatoio della cronaca e della storia, di cui non sapremo neppure l'esistenza e la sofferenza. Lei ha avuto il coraggio di rifiutare un'assoluzione offertale da un giudice pachistano nel caso si fosse convertita all'islam. Questo ci deve fare sentire piccoli piccoli, di fronte a tanto coraggio. Così come dobbiamo ricordare l'eroismo dei cristiani e dei musulmani che sono morti per lei: il 4 gennaio 2011 è stato assassinato il governatore musulmano del Punjab, Salman Taseer, che aveva definito quella sulla blasfemia una “legge nera” da cambiare. Il 2 marzo 2011 è stato invece crivellato di colpi il ministro cattolico per le Minoranze Shahbaz Bhatti, che si era detto disposto a morire pur di ottenere il rilascio di Asia Bibi e la modifica della legge sulla blasfemia.   Il fanatismo islamico non fa differenze, uccide tutti coloro che non si accodano al suo verbo. E oggi in Pakistan essere cristiano o essere un musulmano che vuole cancellare la legge sulla blasfemia è un pericolo. Tutto questo mi fa pensare a quanto vuoti siano quei politici che si dicono cattolici ma voltano le spalle di fronte alle tante Asia Bibi, così come lo sono i sedicenti laici sempre pronti a difendere la libertà di parola contro la Chiesa ma mai quella contro l'islam fanatico. In entrambi i casi, quando si parla di persecuzione dei cristiani, costoro perdono tutta la loro verve "idealista". Come ci appaiono piccoli, di fronte a una grande donna come Asia Bibi.
L'Opinione
Tobagi, ricordo di un uomo solo
ancora nell'ombra i complici dei killer
Tobagi, ricordo di un uomo solo<br>ancora nell
Il 28 maggio del 1980 fu ucciso da brigatisti rossi di famiglie "bene" il giornalista Walter Tobagi. Delitto frutto dell'odio, allora come oggi. Cambiano i modi di esprimerlo
Vacanze romane
Vacanze romane
La tentazione grillina di togliere il simbolo alla sindaca Raggi, l’imbarazzo dei pentastellati, l’ipotesi di una lista Conte, la verginità persa
Tav, Salvini 'ringrazia' i seguaci del guru Ponti
Tav, Salvini
Il calcio, un mondo (anche) da rieducare
Il calcio, un mondo (anche) da rieducare
Marcel Vulpis, giornalista ed economista, parte dall’episodio di razzismo avvenuto durante un incontro fra adolescenti, per analizzare lo stato di degrado sociale in cui versa lo sport più amato dagli italiani
Insulti in tv, restiamo umani please
Insulti in tv, restiamo umani please
Tra il giornalista tedesco Ugo Gumpel e Maurizio Belpietro volano gli stracci in diretta tv. Sgarbi durante la trasmissione di Porro insulta, imita e deride Mario Giordano per la voce dal timbro acuto. Ma l'educazione?
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Orribile fotomontaggio, gira anche nelle chat dei carabinieri. Simbolo dell'odio e di una cattiveria senza limiti. Ma non è un singolo episodio
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Sondaggio del Corriere della Sera. Ma è sorprendente che anche il 39 per cento degli elettori grillini sono favorevoli alle Grandi Opere. Uno choc per Di Maio-Toninelli ancora storditi dalla manistazione Si Tav di Torino
Il pugno di Toninelli
Il pugno di Toninelli
Il ministro delle No Infrastrutture a pugno chiuso dopo il sì al Decreto Genova e al condono edilizio di Ischia, passato con l'aiuto di sei senatori forzisti. Di Maio si scaglia contro Salvini. Conte e il flop sul vertice di Palermo
Di Maio aggrappato all'ultimo NO, la Tav
Di Maio aggrappato all
Il vicepremier è corso a Torino per dire che industriali e categorie economiche non lo hanno capito. Lui vuole togliere i fondi alla Tav per darli alla Metro. Gli hanno risposto che è lui a non avere capito nulla. Un No per salvarsi?
Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare
Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare
E' in atto un attacco senza precedenti contro l'Arma dei carabinieri dopo gli ultimi sviluppi giudiziari. Le responsabilità sono individuali e vanno perseguite con rigore. Ma la strumentalizzazione politica diventa insopportabile