Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare

| E' in atto un attacco senza precedenti contro l'Arma dei carabinieri dopo gli ultimi sviluppi giudiziari. Le responsabilità sono individuali e vanno perseguite con rigore. Ma la strumentalizzazione politica diventa insopportabile

+ Miei preferiti

Nel 2009 un cittadino italiano di 31 anni, Stefano Cucchi, di Roma, veniva fermato da pattuglia di carabinieri e posto in stato di fermo per detenzione e spaccio di droga. Sette giorni dopo moriva in ospedale in seguito alle botte subite durante il periodo di detenzione. Oggi parrebbe che il pestaggio sia avvenuto in una caserma dei carabinieri, che gli autori sarebbero due militari, che altri colleghi ne avrebbero coperto le responsabilità. C’è un processo e ora anche nuovi indagati. Ebbene, i carabinieri sono 110 mila, basterebbe una calcolatrice per fare la percentuale: i presunti responsabili di un gravissimo episodio sono lo 0,000... Ebbene, da mesi è in atto una campagna mediatica volta a criminalizzare tutta l’Arma dei carabinieri. Ma non da parte della famiglia Cucchi. La sorella di Stefano, Ilaria, ha sempre tenuto a precisare che vanno colpite le responsabilità individuali e che loro credono tuttora nell’istituzione. Ma le strumentalizzazioni sono evidenti e sempre più insopportabili. Che Cucchi sia stato picchiato, quando era affidato alla custodia dello Stato è un fatto innegabile. Noi speriamo che gli autori di un gesto infame e vigliacco ne rispondano davanti alla giustizia, loro e i loro complici, chiunque essi siano, anche quelli con gli alamari, se ritenuti responsabili da un Tribunale della Repubblica di un qualsiasi reato.

Però adesso basta. I siti dell’area antagonista (e non solo) rigurgitano da mesi di post e fake news che tendono a creare un clima d’odio verso i militari che ogni giorno svolgono coscienziosamente il loro servizio al Paese. Ricorda tanto lo zelo e l’entusiasmo di certi xenofobi di casa nostra a caccia di consensi elettorali a costo zero quando “gli stranieri” commettono reati particolarmente gravi, o quando si getta l’ombra della pedofilia su tutta la Chiesa Cattolica e non sugli autori di azioni esecrande. Ci si dimentica che gli italiani, di reati gravi e uguali, ne commettono assai di più; che c’è un esercito di preti che pensa solo a fare del bene agli altri negli angoli più sperduti del mondo e nei quartieri più degradati della città italiane. Permettettecelo: noi non ci stiamo. Chi ha sbagliato, pagherà. Senza tanta retorica giustizialista e a senso unico. Ma l’integrità dell’Arma dei carabinieri non deve essere messa in discussione. Sarebbe troppo facile, oggi, ricordare il sacrificio di Salvo D’Acquisto (nell'immagine di apertura, per chi ha la memoria corta) e le morti nel silenzio e nell'oblio di tanti militari di ogni ordine e grado in nome della tutela della collettività. Dovrebbe essere scontato ma in un Paese avvelenato da un fiume d’odio che si riversa ogni giorno sulla rete non lo è più. Forse la scelta più lineare e coerente dovrebbe essere la sobrietà e la continenza, i toni misurati, nel segno di un rispetto (reciproco) che non c’è più. Purtroppo.

RED.ISM

 
L'Opinione
Vacanze romane
Vacanze romane
La tentazione grillina di togliere il simbolo alla sindaca Raggi, l’imbarazzo dei pentastellati, l’ipotesi di una lista Conte, la verginità persa
Tav, Salvini 'ringrazia' i seguaci del guru Ponti
Tav, Salvini
Il calcio, un mondo (anche) da rieducare
Il calcio, un mondo (anche) da rieducare
Marcel Vulpis, giornalista ed economista, parte dall’episodio di razzismo avvenuto durante un incontro fra adolescenti, per analizzare lo stato di degrado sociale in cui versa lo sport più amato dagli italiani
Insulti in tv, restiamo umani please
Insulti in tv, restiamo umani please
Tra il giornalista tedesco Ugo Gumpel e Maurizio Belpietro volano gli stracci in diretta tv. Sgarbi durante la trasmissione di Porro insulta, imita e deride Mario Giordano per la voce dal timbro acuto. Ma l'educazione?
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Orribile fotomontaggio, gira anche nelle chat dei carabinieri. Simbolo dell'odio e di una cattiveria senza limiti. Ma non è un singolo episodio
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Sondaggio del Corriere della Sera. Ma è sorprendente che anche il 39 per cento degli elettori grillini sono favorevoli alle Grandi Opere. Uno choc per Di Maio-Toninelli ancora storditi dalla manistazione Si Tav di Torino
Il pugno di Toninelli
Il pugno di Toninelli
Il ministro delle No Infrastrutture a pugno chiuso dopo il sì al Decreto Genova e al condono edilizio di Ischia, passato con l'aiuto di sei senatori forzisti. Di Maio si scaglia contro Salvini. Conte e il flop sul vertice di Palermo
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Il ricordo del governatore del Punjab ucciso dopo che aveva criticato il reato di blasfemia e la morte del ministro cristiano per le minoranze che si era battuto per la libertà della donna cristiana
Di Maio aggrappato all'ultimo NO, la Tav
Di Maio aggrappato all
Il vicepremier è corso a Torino per dire che industriali e categorie economiche non lo hanno capito. Lui vuole togliere i fondi alla Tav per darli alla Metro. Gli hanno risposto che è lui a non avere capito nulla. Un No per salvarsi?
Desiree e Pamela, i tanti colpevoli
Desiree e Pamela, i tanti colpevoli
Le due minorenni romane, uccise in San Lorenzo e a Macerata, unite dallo stesso destino. Cercavano droga e hanno trovato pusher, stupratori e assassini. Alle spalle famiglie difficili e un comune stato di abbandono