Europa bipolare, sostiene gli ayatollah iraniani

| Lo strano endorsement dell'Alto Commissario Mogherini verso il Paese che lapida le donne, impicca i gay, e dove i diritti umani e politici sono calpestati ogni giorno

+ Miei preferiti
di DAVIDE RICCARDO ROMANO
Sappiamo tutti quanto l'Unione Europea faccia fatica a avere una politica estera unita. Dalla questione della gestione dei migranti in arrivo in Europa alla crisi libica, in ogni situazione i diversi interessi nazionali confliggono e rendono difficile una politica estera comune. In questi giorni, finalmente l'Unione Europea batte un colpo in politica estera in maniera unitaria. Per farlo, purtroppo, sceglie la peggiore delle cause: il sostegno al regime iraniano. Dopo la decisione di Trump di isolare gli Ayatollah di Teheran che destabilizzano mezzo Medio Oriente (da Libano allo Yemen, passando per l'Iraq e Gaza) e ora vogliono pure l'arma nucleare, ecco che l'Alto Commissario Mogherini si sta inventando un sistema per aggirare le sanzioni USA contro la teocrazia che opprime i cittadini iraniani.
E' un segno dei tempi che stiamo vivendo, dove i diritti umani finiscono nel dimenticatoio, lasciando in prima fila gli interessi ideologici ed economici. Non dimentichiamo che in Italia siamo arrivati a stipulare accordi che tutelano le aziende italiane che investono in quel regime sanguinario (a spese del governo, dunque coi nostri soldi). Un privilegio che non coinvolge un imprenditore che investe nel sud Italia o - se vogliamo restare a esempi in campo estero - in Tunisia o alle Maldive, dove le giovani democrazie andrebbero invece aiutate a rafforzarsi.
Ma purtroppo viviamo in un mondo al contrario che premia le dittature e volta le spalle alle democrazie, e che così assistiamo a un Alto Commissario Mogherini impegnarsi per stendere il tappeto a chi uccide i propri cittadini invece che in favore di chi li difende. Dalla parte di chi lapida le donne, e non a sostenere chi le aiuta a emanciparsi.
Come europei possiamo solo chiedere scusa a chi marcisce nelle terribili carceri iraniane, alle madri che hanno visto i propri figli impiccati perché gay, e alle donne lapidate. Nella speranza che un giorno gli iraniani possano perdonarci per tutto questo. Davide Riccardo Romano
 

L'Opinione
Tobagi, ricordo di un uomo solo
ancora nell'ombra i complici dei killer
Tobagi, ricordo di un uomo solo<br>ancora nell
Il 28 maggio del 1980 fu ucciso da brigatisti rossi di famiglie "bene" il giornalista Walter Tobagi. Delitto frutto dell'odio, allora come oggi. Cambiano i modi di esprimerlo
Vacanze romane
Vacanze romane
La tentazione grillina di togliere il simbolo alla sindaca Raggi, l’imbarazzo dei pentastellati, l’ipotesi di una lista Conte, la verginità persa
Tav, Salvini 'ringrazia' i seguaci del guru Ponti
Tav, Salvini
Il calcio, un mondo (anche) da rieducare
Il calcio, un mondo (anche) da rieducare
Marcel Vulpis, giornalista ed economista, parte dall’episodio di razzismo avvenuto durante un incontro fra adolescenti, per analizzare lo stato di degrado sociale in cui versa lo sport più amato dagli italiani
Insulti in tv, restiamo umani please
Insulti in tv, restiamo umani please
Tra il giornalista tedesco Ugo Gumpel e Maurizio Belpietro volano gli stracci in diretta tv. Sgarbi durante la trasmissione di Porro insulta, imita e deride Mario Giordano per la voce dal timbro acuto. Ma l'educazione?
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Orribile fotomontaggio, gira anche nelle chat dei carabinieri. Simbolo dell'odio e di una cattiveria senza limiti. Ma non è un singolo episodio
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Sondaggio del Corriere della Sera. Ma è sorprendente che anche il 39 per cento degli elettori grillini sono favorevoli alle Grandi Opere. Uno choc per Di Maio-Toninelli ancora storditi dalla manistazione Si Tav di Torino
Il pugno di Toninelli
Il pugno di Toninelli
Il ministro delle No Infrastrutture a pugno chiuso dopo il sì al Decreto Genova e al condono edilizio di Ischia, passato con l'aiuto di sei senatori forzisti. Di Maio si scaglia contro Salvini. Conte e il flop sul vertice di Palermo
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Il ricordo del governatore del Punjab ucciso dopo che aveva criticato il reato di blasfemia e la morte del ministro cristiano per le minoranze che si era battuto per la libertà della donna cristiana
Di Maio aggrappato all'ultimo NO, la Tav
Di Maio aggrappato all
Il vicepremier è corso a Torino per dire che industriali e categorie economiche non lo hanno capito. Lui vuole togliere i fondi alla Tav per darli alla Metro. Gli hanno risposto che è lui a non avere capito nulla. Un No per salvarsi?