Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati

| Sondaggio del Corriere della Sera. Ma è sorprendente che anche il 39 per cento degli elettori grillini sono favorevoli alle Grandi Opere. Uno choc per Di Maio-Toninelli ancora storditi dalla manistazione Si Tav di Torino

+ Miei preferiti

Il sondaggio di Nando Pagnoncelli (Ipsos) pubblicato sul Corriere della Sera sulla posizione degli Italiani in merito alle grandi infrastrutture mette in evidenza due fatti assai significativi di cui il Movimento 5stelle, con le sue bizzarre teorie in merito alla decrescita (in)felice, non potrà non tener conto. E ancora di più la Lega. In sostanza, il 60 per cento degli italiani è favorevole al completamento di tutte le infrastrutture congelate dai No grillini e da interminabili valutazioni costi-benefici, la foglia di fico usata per bloccare i cantieri. Anche la Tav, l’opera più controversa, passa l’esame dei sondaggisti a pieni voti. Ma il dato forse già interessante è che una robusta percentuale di sostenitori ed elettori del Movimento 5s è favorevole a realizzare anche la linea ad Alta Velocità Torino-Lione, uno dei punti del programma grillino più radicati nel tempo, uno dei NO ribaditi da sempre, anche dopo la straordinaria mobilitazione apartitica e apolitica dei torinesi, scesi in piazza a migliaia per difendere l’opera, fortemente voluta anche dal governo francese. Ecco. Già il ministro del Tesoro Tria era arrivato, quasi a titolo personale, aad esprimere un sì alla Tav, mentre il re travicello Conte sembra appiattito sulle posizioni di Toninelli e Di Maio. Vedremo che succederà. Ma dopo il sondaggio del Corriere niente sarà più come prima.

L'Opinione
Vacanze romane
Vacanze romane
La tentazione grillina di togliere il simbolo alla sindaca Raggi, l’imbarazzo dei pentastellati, l’ipotesi di una lista Conte, la verginità persa
Tav, Salvini 'ringrazia' i seguaci del guru Ponti
Tav, Salvini
Il calcio, un mondo (anche) da rieducare
Il calcio, un mondo (anche) da rieducare
Marcel Vulpis, giornalista ed economista, parte dall’episodio di razzismo avvenuto durante un incontro fra adolescenti, per analizzare lo stato di degrado sociale in cui versa lo sport più amato dagli italiani
Insulti in tv, restiamo umani please
Insulti in tv, restiamo umani please
Tra il giornalista tedesco Ugo Gumpel e Maurizio Belpietro volano gli stracci in diretta tv. Sgarbi durante la trasmissione di Porro insulta, imita e deride Mario Giordano per la voce dal timbro acuto. Ma l'educazione?
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Orribile fotomontaggio, gira anche nelle chat dei carabinieri. Simbolo dell'odio e di una cattiveria senza limiti. Ma non è un singolo episodio
Il pugno di Toninelli
Il pugno di Toninelli
Il ministro delle No Infrastrutture a pugno chiuso dopo il sì al Decreto Genova e al condono edilizio di Ischia, passato con l'aiuto di sei senatori forzisti. Di Maio si scaglia contro Salvini. Conte e il flop sul vertice di Palermo
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Il ricordo del governatore del Punjab ucciso dopo che aveva criticato il reato di blasfemia e la morte del ministro cristiano per le minoranze che si era battuto per la libertà della donna cristiana
Di Maio aggrappato all'ultimo NO, la Tav
Di Maio aggrappato all
Il vicepremier è corso a Torino per dire che industriali e categorie economiche non lo hanno capito. Lui vuole togliere i fondi alla Tav per darli alla Metro. Gli hanno risposto che è lui a non avere capito nulla. Un No per salvarsi?
Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare
Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare
E' in atto un attacco senza precedenti contro l'Arma dei carabinieri dopo gli ultimi sviluppi giudiziari. Le responsabilità sono individuali e vanno perseguite con rigore. Ma la strumentalizzazione politica diventa insopportabile
Desiree e Pamela, i tanti colpevoli
Desiree e Pamela, i tanti colpevoli
Le due minorenni romane, uccise in San Lorenzo e a Macerata, unite dallo stesso destino. Cercavano droga e hanno trovato pusher, stupratori e assassini. Alle spalle famiglie difficili e un comune stato di abbandono