Quando gioca la Juve, incubo per i residenti

| Proteste in strada Altessano e via Druento: parcheggi impossibili, mercato clandestino, caos stradale. E vigili?

+ Miei preferiti
Siamo nella periferia nord della città, una zona residenziale di recente concezione che, assieme allo Juventus Stadium, ha contribuito a rendere più bella e vivibile un quartiere di Torino spesso dimenticato dall'amministrazione comunale, Le Vallette. Ed è proprio qui, negli interni tra Strada Altessano e Via Druento che, i residenti, ogni volta che c'è una partita allo "Stadium" vivono il loro incubo. Traffico impazzito, sosta selvaggia, parcheggiatori abusivi che chiedono il "pizzo", venditori ambulanti.... Ieri pomeriggio, come, si può vedere dalle foto e dal video, nonostante la presenza di segnaletica che dispone la rimozione forzata delle auto in divieto di sosta, era quasi impossibile percorrere queste strade considerate le autovetture parcheggiate sulla carreggiata, in prossimità degli incroci e sulla rotatoria. Slalom difficili per autisti inesperti. Milano ha risolto questo problema concedendo ai residenti, che vivono in prossimità dello stadio, speciali pass di riconoscimento in modo da selezionarne la sosta in occasione di eventi sportivi nella zona di residenza, Torino?

Probabilmente le "piste ciclabili" del centro hanno più eco mediatico e peso politico rispetto al disagio degli abitanti di periferia che, comunque, non solo pagano le tasse e si vedono trattati come cittadini di serie B ma, hanno contribuito a rendere più vivibile una parte di città che, fino al 2000, era terra di nessuno. Ma i vigili urbani così solerti nel contravvenzionare i residenti durante la settimana, dove sono quando si gioca? Perché non viene applicato il Codice della Strada? Perché, ancora una volta, a cittadini residenti in una zona critica, viene calpestato un diritto? 
Lettera firmata 



L'Opinione
Tobagi, ricordo di un uomo solo
ancora nell'ombra i complici dei killer
Tobagi, ricordo di un uomo solo<br>ancora nell
Il 28 maggio del 1980 fu ucciso da brigatisti rossi di famiglie "bene" il giornalista Walter Tobagi. Delitto frutto dell'odio, allora come oggi. Cambiano i modi di esprimerlo
Vacanze romane
Vacanze romane
La tentazione grillina di togliere il simbolo alla sindaca Raggi, l’imbarazzo dei pentastellati, l’ipotesi di una lista Conte, la verginità persa
Tav, Salvini 'ringrazia' i seguaci del guru Ponti
Tav, Salvini
Il calcio, un mondo (anche) da rieducare
Il calcio, un mondo (anche) da rieducare
Marcel Vulpis, giornalista ed economista, parte dall’episodio di razzismo avvenuto durante un incontro fra adolescenti, per analizzare lo stato di degrado sociale in cui versa lo sport più amato dagli italiani
Insulti in tv, restiamo umani please
Insulti in tv, restiamo umani please
Tra il giornalista tedesco Ugo Gumpel e Maurizio Belpietro volano gli stracci in diretta tv. Sgarbi durante la trasmissione di Porro insulta, imita e deride Mario Giordano per la voce dal timbro acuto. Ma l'educazione?
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Orribile fotomontaggio, gira anche nelle chat dei carabinieri. Simbolo dell'odio e di una cattiveria senza limiti. Ma non è un singolo episodio
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Sondaggio del Corriere della Sera. Ma è sorprendente che anche il 39 per cento degli elettori grillini sono favorevoli alle Grandi Opere. Uno choc per Di Maio-Toninelli ancora storditi dalla manistazione Si Tav di Torino
Il pugno di Toninelli
Il pugno di Toninelli
Il ministro delle No Infrastrutture a pugno chiuso dopo il sì al Decreto Genova e al condono edilizio di Ischia, passato con l'aiuto di sei senatori forzisti. Di Maio si scaglia contro Salvini. Conte e il flop sul vertice di Palermo
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Il ricordo del governatore del Punjab ucciso dopo che aveva criticato il reato di blasfemia e la morte del ministro cristiano per le minoranze che si era battuto per la libertà della donna cristiana
Di Maio aggrappato all'ultimo NO, la Tav
Di Maio aggrappato all
Il vicepremier è corso a Torino per dire che industriali e categorie economiche non lo hanno capito. Lui vuole togliere i fondi alla Tav per darli alla Metro. Gli hanno risposto che è lui a non avere capito nulla. Un No per salvarsi?