Vacanze romane

| La tentazione grillina di togliere il simbolo alla sindaca Raggi, l’imbarazzo dei pentastellati, l’ipotesi di una lista Conte, la verginità persa

+ Miei preferiti
L’imbarazzo è palpabile: il celebre mantra grillino, “onestà onestà” è diventato una sorta di boomerang che si è abbattuto sul Campidoglio di Roma, colpendo con violenza la sindaca Virginia Raggi. È un momento delicatissimo: proprio Roma, insieme a Torino, doveva essere il manifesto della perfezione pentastellata, di un modo specchiato di intendere la cosa pubblica e di ripulire la Capitale d’Italia dal polipo della corruzione. Dal 19 giugno del 2016, quando è stata eletta, Virginia ne ha viste di tutti i colori: 9 assessori cambiati, un record, inchieste giudiziarie che finora l’hanno solo sfiorata, e ora forse la peggiore di tutte, l’arresto di Marcello De Vito, l’incorruttibile, e l’indagine a carico di Daniele Frongia, il suo vice e più che altro fedelissimo.

La barca inizia a fare acqua da tutte le parti, e se Di Maio ha tentato il tappo alla falla in tempi record con l’espulsione dal Movimento di De Vito, ben poco ha potuto fare con Frongia, se non allargare le braccia.

Secondo qualcuno, fra i pentastellati romani – ormai privi di verginità da vantare - circola con insistenza l’idea di togliere il simbolo alla Raggi, tentazione che avevano già avuto nel dicembre del 2016, dopo l’arresto dell’altro ex braccio destro, Raffaele Marra. I motivi sarebbero più d’uno, a cominciare dalla difficoltà oggettiva di salvare la Raggi dalle responsabilità politiche sul caso De Vito, visto che Virginia ha dato l’ok al progetto incriminato, ma anche perché – andando sul pratico – toglierla dagli impicci creati dai suoi collaboratori sta diventando un mestiere fastidioso.

Circolano voci secondo cui la sindaca sarebbe pronta a gettare la spugna, provata da 1000 giorni che non dimenticherà facilmente, anche se ad un passo dalle europee pensare di sostituirla in corsa può essere deleterio. Per togliersi dall’impasse e frenare l’emorragia di consensi che ormai sembra inarrestabile (dati alla mano), i cinque stelle starebbero pensando ad una “Lista Conte” a cui agganciarsi. Ma è chiaro a tutti, dentro e fuori, che il giocattolo inizia a rompersi.

L'Opinione
Tobagi, ricordo di un uomo solo
ancora nell'ombra i complici dei killer
Tobagi, ricordo di un uomo solo<br>ancora nell
Il 28 maggio del 1980 fu ucciso da brigatisti rossi di famiglie "bene" il giornalista Walter Tobagi. Delitto frutto dell'odio, allora come oggi. Cambiano i modi di esprimerlo
Tav, Salvini 'ringrazia' i seguaci del guru Ponti
Tav, Salvini
Il calcio, un mondo (anche) da rieducare
Il calcio, un mondo (anche) da rieducare
Marcel Vulpis, giornalista ed economista, parte dall’episodio di razzismo avvenuto durante un incontro fra adolescenti, per analizzare lo stato di degrado sociale in cui versa lo sport più amato dagli italiani
Insulti in tv, restiamo umani please
Insulti in tv, restiamo umani please
Tra il giornalista tedesco Ugo Gumpel e Maurizio Belpietro volano gli stracci in diretta tv. Sgarbi durante la trasmissione di Porro insulta, imita e deride Mario Giordano per la voce dal timbro acuto. Ma l'educazione?
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Orribile fotomontaggio, gira anche nelle chat dei carabinieri. Simbolo dell'odio e di una cattiveria senza limiti. Ma non è un singolo episodio
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Sondaggio del Corriere della Sera. Ma è sorprendente che anche il 39 per cento degli elettori grillini sono favorevoli alle Grandi Opere. Uno choc per Di Maio-Toninelli ancora storditi dalla manistazione Si Tav di Torino
Il pugno di Toninelli
Il pugno di Toninelli
Il ministro delle No Infrastrutture a pugno chiuso dopo il sì al Decreto Genova e al condono edilizio di Ischia, passato con l'aiuto di sei senatori forzisti. Di Maio si scaglia contro Salvini. Conte e il flop sul vertice di Palermo
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Il ricordo del governatore del Punjab ucciso dopo che aveva criticato il reato di blasfemia e la morte del ministro cristiano per le minoranze che si era battuto per la libertà della donna cristiana
Di Maio aggrappato all'ultimo NO, la Tav
Di Maio aggrappato all
Il vicepremier è corso a Torino per dire che industriali e categorie economiche non lo hanno capito. Lui vuole togliere i fondi alla Tav per darli alla Metro. Gli hanno risposto che è lui a non avere capito nulla. Un No per salvarsi?
Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare
Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare
E' in atto un attacco senza precedenti contro l'Arma dei carabinieri dopo gli ultimi sviluppi giudiziari. Le responsabilità sono individuali e vanno perseguite con rigore. Ma la strumentalizzazione politica diventa insopportabile