Addio a 'Grumpy Cat', star mondiale

| La "gatta imbronciata" aveva milioni di follower e 10 milioni di like sui social. La sua espressione per un raro caso di nanismo felino. Tra meme e post era famosa in ogni angolo del pianeta. Ricordata da tutto i media più importanti

+ Miei preferiti

Indipendent, Guardian, NYT, Washington Post, Cnn. Tutti i media più importanti del mondo, dall’Asia alle Americhe, Europa compresa, hanno dedicato un titolo, spesso nelle prime pagine, della gatta “imbronciata” più famosa del mondo, “Grumpy Cat”, morta a 7 anni “dopo breve malattia". ”Nonostante le cure da parte dei migliori professionisti, così come dalla sua famiglia molto affettuosa, Grumpy ha incontrato complicazioni a causa di una recente infezione del tratto urinario che purtroppo è diventata troppo dura per lei da superare”, comunicano via social, molto addolarati, i proprietari. Addio dunque a 'Grumpy Cat', la gatta più virilmente famosa di internet per la sua espressione. La gatta 'imbronciata', al secolo “Tardar Sauce” dall’Arizona, è “morta circondata dall’effetto di chi le voleva bene”. 'Grumpy Cat' era diventata un caso nel 2012 quando una foto pubblicata su Reddit della sua espressione divenne immediatamente virale, con milioni di like in poche ore. .

    Nel 2014 il profilo 'The Official Grumpy Cat' su Facebook aveva raggiunto più di 10 milioni di like mentre nel 2013 era sulla prima pagina del Wall Street Journal e della rivista The New Yorker. Nel 2015  una statua di cera con le sue fattezze è stata esposta al museo Madame Tussauds di San Francisco, oggetto di una sorprendente venerazione.. Su Instagram la gatta ha oltre due milioni di seguaci. Tabatha Bundensen, la sua padrona, spiegò a suo tempo che l’espressione da 'brontolona' era causata “da un raro fenomeno di nanismo felino”. “Tardar Sauce” aveva più di 2,4 milioni di follower su Instagram e 1,5 milioni di follower su Twitter edu morta nella “sua casa tra le braccia della sua mamma Tabatha, Oltre ad essere come una piccola figlia  e un membro amatissimo della famiglia, Grumpy Cat ha aiutato milioni di persone in tutto il mondo a sorridere,anche quando i tempi erano duri. Il suo spirito continuerà a vivere attraverso i suoi fan ovunque".

Grumpy, come è stata soprannominata, viveva a Phoenix, Arizona con i suoi proprietari, Tabatha, Bryan e Chrystal.

E’ sta al centro di centinaia e migliaia di meme, molti dei quali si divertivano all’aspetto perennemente corrucciato ma solo in apparenza,

Nonostante la sua fama stratosferica, i proprietari del Grumpy hanno sottolineato che lei conduceva una vita normale.

Grumpy Cat ha poi vinto in una causa legale $710.000 per difendere il suo copyright da chi voleva strutturale la sua immagine senza diritto. Spiegano allora i propeirtari: ”Ci prendiamo molta cura della Salsa Tardar; il 99% delle volte è una gattina normale. Gioca, si nasconde e si comporta come i gatti". Ama nascondersi dietro le tende! Non è sempre davanti a una macchina fotografica come molte persone percepiscono. Scattiamo set fotografici solo una volta alla settimana o giù di lì e nelle poche occasioni in cui ci siamo incontrati con i media o con partner autorizzati ci assicuriamo che le sessioni siano brevi e che non sia gestita da molte persone. Tardar Sauce è un membro della famiglia prima di ogni altra cosa".

 
Media
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Gli archivi on-line dove i ricercatori condividono i loro lavori esistono da anni, ma solo recentemente contengono ricerche mediche. E sarebbe opportuno che i media evitassero di diffondere questi studi come se fossero definitivi
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Il sito EUvsDisinfo sta raccogliendo informazioni inesatte relative al coronavirus. Dall’analisi di alcune ‘storie’ molto pro-Russia, appare evidente l’intenzione di attaccare sempre e comunque gli Stati Uniti
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Pechino ritira l’accredito stampa ai giornalisti del New York Times, del Wall Street Journal e del Washington Post. Le reazioni durissime dei media americani, che parlano di scelta irresponsabile in un momento così delicato
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Una carrellata di articoli e reportage che i maggiori media internazionali hanno dedicato in queste ore all’improvvisa impennata di casi nel nostro Paese
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il New York Times, uno dei colossi dell’informazione mondiale, ha concesso uno spazio fisso ad uno dei leader dei Talebani, un terrorista ricercato per atrocità su cui pendono taglie di milioni di dollari. Indignazione da tutto il mondo
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
La tragica fine dell’ex conduttrice di “Love Island” ha scatenato accuse durissime contro i tabloid inglesi, definiti spietati e cinici, ma anche contro l’industria dell’oltraggio tipica dei social
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
In una nota interna, un top manager di Facebook si dice convinto che la piattaforma potrebbe essere responsabile della rielezione del presidente Trump, così come ha fatto in quelle del 2016
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Per il 90% si tratta di omicidi che restano impuniti. La mappa dei luoghi più pericolosi per i professionisti dei media illustrati in un rapporto dell’Unesco
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Da lunedì, le copie del New York Times e del Washington Post non varcheranno più la soglia della White House. L’ennesimo capitolo nella guerra de, presidente con i media a lui ostili
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Una clamorosa forma di protesta per opporsi alle perquisizioni subite da giornalisti e redazioni, colpevoli di aver svelato episodi imbarazzanti per il governo