Alcol e tristezze a Westminster

| Un libro di prossima uscita, scritto dalla moglie di un ex parlamentare, svela la rabbiosa reazione del premier David Cameron alla sconfitta della Brexit. E ne ha anche per BoJo

+ Miei preferiti
Non è l’ennesimo diario di una casalinga disperata, ma il racconto di una donna che ha vissuto da una posizione privilegiata il “backstage” della politica del Regno Unito. Sasha Swire, 57 anni, moglie dell’ex parlamentare dei Tory Sir Hugo Swire, ha appena dato alle stampe un libro in cui svela retroscena, anche piccanti, di quel che accade a Westminster e dintorni.

Si intitola “Diary of an MP’s Wife: Inside and Outside Power”, più o meno “diario della moglie di un deputato britannico: dentro e fori il potere”. Un volume, anticipato dal “Times”, che sta facendo tremare gli impettiti palazzi del potere anglosassoni.

L’ex premier David Cameron, per iniziare come si deve, ha dovuto mandare giù un paio di generosi Negroni prima di rassegnare le dimissioni, il 13 luglio del 2016. Ma prima ancora, dimostrando una certa familiarità con gli alcolici, aveva affogato i dolori della Brexit con “infinite bottiglie di vino, whisky e brandy” accompagnate da sigari cubani. Il giorno della sconfitta sancita dal referendum che chiedeva agli inglesi di scegliere fra “Leave” e “Remain”, Cameron ha lasciato Downing Street per raggiungere la propria residenza di Dean, nell’Oxfordshire, e ha chiesto all’allora deputato Hugo Swire e a sua moglie Sasha di raggiungerlo “con un sacco di alcolici”.

Un estratto precedente ricorda anche che durante una lunga passeggiata sulla costa, Cameron chiese a Lady Swire di camminare dietro di lui, perché “quel profumo che indossi mi fa venire voglia di afferrarti e di spingerti tra i cespugli”.

Ma dopo la vittoria della Brexit David Cameron era furioso, ce l’aveva a morte con Boris Jonhson e Michael Gove, “traditori che si erano schierati in favore del Leave” che lui aveva osteggiato, preferendo di gran lunga la permanenza nella UE.

Ma non basta ancora: durante diverse cene, Cameron avrebbe raccontato episodi piccanti dei suoi viaggi di Stato. In Italia, Berlusconi gli aveva mostrato palazzo Grazioli, la sua residenza romana, definita “l’equivalente italiano del numero 10 di Downing Street”. L’attenzione di Cameron si era concentrata su una camera da letto in cui un finto specchio permetteva a chi era nella stanza adiacente di vedere tutto ciò che succedeva sul letto.

Nel libro non ne esce bene neanche Boris Johnson, definito “sfacciato, entusiasta e roboante, ma profondamente triste e solo” in privato, in compenso accompagnato dalla sua compagna Carrie, definita in modo sibillino “una giovane volpe sexy e assai vivace”. BoJo, secondo il libro, è capace di bere “a un ritmo preoccupante” vino e alcolici di discutibile qualità.

Un portavoce di David Cameron ha annunciato che l’ex premier non ha alcuna intenzione di commentare il libro.

Galleria fotografica
Alcol e tristezze a Westminster - immagine 1
Media
Julian Assange non sarà estradato
Julian Assange non sarà estradato
Una vittoria per il fondatore di WikiLeaks: per il giudice dell’Old Bailey consegnarlo all’America equivaleva ad una condanna a morte
Il destino di Assange
Il destino di Assange
Mancano poche ore alla sentenza che deciderà l’estradizione o meno del fondatore di “WikiLeaks”. Numerose le richieste di grazie che arrivano da tutto il mondo
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Quattro anni di galera a Zhang Zhan, giornalista che per tre mesi aveva svelato quello che i media statali non mostravano. La pandemia usata come scusa da Pechino per reprimere le poche voci dissidenti interne
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
Per un problema tecnico, all’emittente francese “RFI” sono sfuggiti una serie di “coccodrilli” che la redazione tiene pronti in caso di scomparsa di personaggi celebri
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
Dopo essere finito sotto la lente delle autorità britanniche, il colosso mediatico del tycoon è accusato di essere una minaccia alla libertà di stampa
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
Non si era accorto che il collegamento “Zoom” con altri colleghi era ancora attivo, e si è masturbato sotto gli occhi attoniti degli altri ospiti. La CNN e il New Yorker, per cui lavorava, l’hanno sospeso
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Irina Salvina, direttrice di “Koza.Press” si è tolta la vita dandosi fuoco davanti alla sede del ministero degli interni, a Nizhnij Novgorod. Da mesi subiva pressioni e persecuzioni, denunciano i gruppi dissidenti
Le ire di Trump contro una giornalista
Le ire di Trump contro una giornalista
Il presidente ha chiesto la testa di Jennifer Griffin, reporter di “Fox News”, colpevole di un’altra brutta figura dell’ex tycoon. Ma i colleghi la difendono
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Gli archivi on-line dove i ricercatori condividono i loro lavori esistono da anni, ma solo recentemente contengono ricerche mediche. E sarebbe opportuno che i media evitassero di diffondere questi studi come se fossero definitivi
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Il sito EUvsDisinfo sta raccogliendo informazioni inesatte relative al coronavirus. Dall’analisi di alcune ‘storie’ molto pro-Russia, appare evidente l’intenzione di attaccare sempre e comunque gli Stati Uniti