Arrestato Julian Assange

| Dopo sette anni finisce l’esilio forzato del fondatore di WikiLeaks, a cui le autorità dell’Ecuador hanno ritirato la concessione dell’asilo politico, dando così via libera agli agenti di Scotland Yard

+ Miei preferiti
Da giorni circolavano notizie inquietanti sul destino di Julian Assange, il fondatore di “WikiLeaks”, dal 2012 ospitato presso l’ambasciata londinese dell’Ecuador, dove si trova per fuggire al mandato di arresto della corte di Westminster, da cui era riuscito a dileguarsi sfruttando la libertà su cauzione.

Questa mattina, secondo quanto riferito dai maggiori organi di stampa inglesi, Assange è stato arrestato dalla polizia, appena il governo ecuadoriano gli ha revocato ufficialmente l’asilo politico. L’attivista e giornalista di origine australiana, classe 1971, si troverebbe attualmente in custodia presso Scotland Yard, nell’attesa di essere ascoltato dai magistrati. La conferma ufficiale dell’arresto è arrivata da Sajid Javid, ministro dell’interno britannico: “Possono confermare che Julian Assange, 7 anni dopo essere entrato nell’ambasciata ecuadoriana, si trova sotto custodia della polizia, per affrontare la giustizia del Regno Unito. Voglio ringraziare l’ambasciata dell’Ecuador per la sua cooperazione la polizia per la professionalità: nessuno è al di sopra della legge”.

La notizia della revoca del diritto di asilo, anticipata da WikiLeaks la scorsa settimana era nell’aria dopo l’annuncio del governo ecuadoriano di voler “riesaminare il caso” su espressa richiesta del nuovo presidente Lenin Moreno, che non ha mai nascoso di aver mal digerito l’ospitalità concessa ad Assange dal suo predecessore, Rafael Correa.

Nei giorni scorsi il fondatore di WikiLeaks, reso celebre nel 2010 dalla divulgazione di 251mila documenti riservati, aveva denunciato attraverso il suo avvocato di essere al centro di un caso di spionaggio: sarebbe stato spiato di giorno di notte, documentando con video e audio i suoi incontri privati e perfino le sue visite mediche di controllo o i colloqui con i suoi legali. Una mole di materiale che sarebbe finita nelle mani di personaggi non meglio identificati che ora sarebbero pronti a vendere al miglior offerente ogni cosa, a meno di non ricevere un riscatto di 3 milioni di euro.

Media
I francesi, un popolo di scrittori
I francesi, un popolo di scrittori
Sommerse da romanzi, pamphlet, biografie, storie e racconti, le case editrici transalpine chiudono i canali agli aspiranti scrittori. Un fenomeno collaterale al lockdown
Francia, le giornaliste sportive sul piede di guerra
Francia, le giornaliste sportive sul piede di guerra
Un documentario realizzato da una giornalista svela l’ambiente sessista, fatto di violenze e umiliazioni, a cui sono costrette le reporter sportive francesi. Diverse le denunce contro alcuni volti noti della televisione
Julian Assange non sarà estradato
Julian Assange non sarà estradato
Una vittoria per il fondatore di WikiLeaks: per il giudice dell’Old Bailey consegnarlo all’America equivaleva ad una condanna a morte
Il destino di Assange
Il destino di Assange
Mancano poche ore alla sentenza che deciderà l’estradizione o meno del fondatore di “WikiLeaks”. Numerose le richieste di grazie che arrivano da tutto il mondo
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Quattro anni di galera a Zhang Zhan, giornalista che per tre mesi aveva svelato quello che i media statali non mostravano. La pandemia usata come scusa da Pechino per reprimere le poche voci dissidenti interne
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
Per un problema tecnico, all’emittente francese “RFI” sono sfuggiti una serie di “coccodrilli” che la redazione tiene pronti in caso di scomparsa di personaggi celebri
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
Dopo essere finito sotto la lente delle autorità britanniche, il colosso mediatico del tycoon è accusato di essere una minaccia alla libertà di stampa
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
Non si era accorto che il collegamento “Zoom” con altri colleghi era ancora attivo, e si è masturbato sotto gli occhi attoniti degli altri ospiti. La CNN e il New Yorker, per cui lavorava, l’hanno sospeso
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Irina Salvina, direttrice di “Koza.Press” si è tolta la vita dandosi fuoco davanti alla sede del ministero degli interni, a Nizhnij Novgorod. Da mesi subiva pressioni e persecuzioni, denunciano i gruppi dissidenti
Alcol e tristezze a Westminster
Alcol e tristezze a Westminster
Un libro di prossima uscita, scritto dalla moglie di un ex parlamentare, svela la rabbiosa reazione del premier David Cameron alla sconfitta della Brexit. E ne ha anche per BoJo