Askanews: "No alla cassa integrazione"

| Il Cdr dell'agenzia respinge, dopo un'assemblea, il piano dell'azienda che prevede un massiccio ricorso alla cassa integrazione. "Intervenga il governo, i giornalisti pagano gli errori del management"

+ Miei preferiti

 La sopravvivenza dell’agenzia di stampa askanews non può dipendere soltanto dai sacrifici dei giornalisti, ma questo è ciò che l’azienda si ostina a chiedere sottraendosi ai doveri di chi fa impresa.  L’assemblea dei redattori respinge, quindi, le pretese del management, che vorrebbe caricare interamente ed esclusivamente sul personale giornalistico l’onere di sostenere l’agenzia nella fase di incertezza che sta attraversando. Una richiesta che rischia di provocare gravi danni al prodotto, al patrimonio di credibilità dell’agenzia, finora faticosamente preservato e alla capacità dell’azienda di restare sul mercato.  Malgrado il Cdr abbia responsabilmente accettato un confronto, in costanza di un accordo di cassa integrazione vigente, firmato a settembre, l’Ad Daniele Pelli, scelto dall’azionista di riferimento Luigi Abete, ha risposto rilanciando con percentuali di cassa integrazione impraticabili e insostenibili. Questo a fronte del fatto che l’azienda non ha fornito convincenti argomentazioni sulla logica di alcune operazioni di bilancio su cui ci siamo già attivati per fare chiarezza.  Auspichiamo che l’azienda riconsideri questo pericoloso approccio, presentato al tavolo Fieg-Fnsi, in attesa che la situazione emergenziale che sta attraversando askanews si risolva. Torniamo a richiamare l’attenzione del governo sulla situazione dell’agenzia che mette a rischio oltre 130 posti di lavoro e un presidio dell’informazione di base contro le fake news. L’assemblea dei redattori di askanews ribadisce piena fiducia nel Comitato di redazione per tutte le iniziative pubbliche che intenderà intraprendere in questa dura vertenza e conferma il pacchetto di quattro giorni di sciopero. 

Documento approvato all’unanimità.

Media
A Darnella Frazier uno speciale premio del “Pulitzer”
A Darnella Frazier uno speciale premio del “Pulitzer”
L’organizzazione del più celebre premio giornalistico del mondo ha deciso di assegnare uno speciale riconoscimento all’adolescente che ha filmato la morte di George Floyd
I francesi, un popolo di scrittori
I francesi, un popolo di scrittori
Sommerse da romanzi, pamphlet, biografie, storie e racconti, le case editrici transalpine chiudono i canali agli aspiranti scrittori. Un fenomeno collaterale al lockdown
Francia, le giornaliste sportive sul piede di guerra
Francia, le giornaliste sportive sul piede di guerra
Un documentario realizzato da una giornalista svela l’ambiente sessista, fatto di violenze e umiliazioni, a cui sono costrette le reporter sportive francesi. Diverse le denunce contro alcuni volti noti della televisione
Julian Assange non sarà estradato
Julian Assange non sarà estradato
Una vittoria per il fondatore di WikiLeaks: per il giudice dell’Old Bailey consegnarlo all’America equivaleva ad una condanna a morte
Il destino di Assange
Il destino di Assange
Mancano poche ore alla sentenza che deciderà l’estradizione o meno del fondatore di “WikiLeaks”. Numerose le richieste di grazie che arrivano da tutto il mondo
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Quattro anni di galera a Zhang Zhan, giornalista che per tre mesi aveva svelato quello che i media statali non mostravano. La pandemia usata come scusa da Pechino per reprimere le poche voci dissidenti interne
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
Per un problema tecnico, all’emittente francese “RFI” sono sfuggiti una serie di “coccodrilli” che la redazione tiene pronti in caso di scomparsa di personaggi celebri
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
Dopo essere finito sotto la lente delle autorità britanniche, il colosso mediatico del tycoon è accusato di essere una minaccia alla libertà di stampa
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
Non si era accorto che il collegamento “Zoom” con altri colleghi era ancora attivo, e si è masturbato sotto gli occhi attoniti degli altri ospiti. La CNN e il New Yorker, per cui lavorava, l’hanno sospeso
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Irina Salvina, direttrice di “Koza.Press” si è tolta la vita dandosi fuoco davanti alla sede del ministero degli interni, a Nizhnij Novgorod. Da mesi subiva pressioni e persecuzioni, denunciano i gruppi dissidenti