Assange: per l’estradizione si decide a febbraio

| Al termine udienza per raccogliere i documenti delle parti, il giudice inglese ha fissato per il 25 febbraio prossimo la prima di cinque udienze che decideranno le sorti del fondatore di WikiLeaks

+ Miei preferiti
Saranno cinque udienze, previste a partire dal 25 febbraio del prossimo anno, a decidere sull’estradizione di Julian Assange richiesta dagli Stati Uniti, che lo accusano di diffusione di documenti segreti e la reiterata violazione dell’Espionage Act, la legge americana contro gli atti di spionaggio. Ad un giorno di distanza dalla firma di approvazione sull’estradizione da parte di Sajid Javid, il ministro dell’interno britannico, la decisione finale è stata comunicata dal giudice Emma Arbuthnot della Westminster Magistrates Court dopo l’acquisizione dei documenti delle parti e una prima audizione. Amaro l’unico commento del fondatore di WikiLeaks, che si è rivolto al giudice ricordandole che “Sono in gioco i prossimi 175 anni della mia vita”.

Assange era stato arrestato il 12 aprile scorso a Londra con un blitz nel consolato dell’Ecuador le cui immagini hanno fatto il giro del mondo.

Media
La faida dei De Benedetti per il Gruppo Gedi
La faida dei De Benedetti per il Gruppo Gedi
A tre anni dall’uscita di scena, l’ingegnere lancia una proposta per acquistare il 29,9% delle azioni del colosso editoriale. Sconcerto dei tre figli, che ritengono l’offerta “irricevibile”
La Cina vara l’esame per valutare i giornalisti
La Cina vara l’esame per valutare i giornalisti
In barba alla libertà di stampa, Pechino costringe 10mila operatori dell’informazione cinesi a sottoporsi ad un esame per valutarne la lealtà
L’addio polemico dell’Express
L’addio polemico dell’Express
L’ultimo numero del più popolare quotidiano free-press di Washington se la prende con una tecnologia che sta letteralmente cancellando un settore
Chiude Il Telegrafo
Chiude Il Telegrafo
Dopo un’ipotesi di rilancio mai concretizzata, è arrivata la decisione dell’editore di chiudere lo storico dorso livornese de La Nazione
Uccidi un giornalista, polemica per un gioco
Uccidi un giornalista, polemica per un gioco
La settima missione del videogame “Sniper 3D Assassin” consiste nell’eliminare un reporter. E in America si scatenano le proteste
Addio a 'Grumpy Cat', star mondiale
Addio a
La "gatta imbronciata" aveva milioni di follower e 10 milioni di like sui social. La sua espressione per un raro caso di nanismo felino. Tra meme e post era famosa in ogni angolo del pianeta. Ricordata da tutto i media più importanti
La lenta agonia delle edicole
La lenta agonia delle edicole
Dalle 36mila degli anni Novanta alle 11mila dell'ultimo censimento: uno dei tanti mestieri quasi cancellati dalla spaventosa crisi dell’editoria
Richiesta di rettifica
Richiesta di rettifica
Riceviamo e pubblichiamo integralmente una richiesta di rettifica della “Casaleggio Associati”
La Maglie contro Greta Thunberg
La Maglie contro Greta Thunberg
La giornalista gioca la carta dell’ironia in una trasmissione radiofonica, affermando che investirebbe volentieri l’attivista svedese. E si scatena il putiferio
'Toffa è morta', ma è una atroce fake
L'incredibile vicenda di un sito di "informazione" on line che s'è inventato di sana pianta la morte della conduttrice delle Iene. In poche ore ha raccolto migliaia di letture. Un finto servizio dove si esprime anche il "cordoglio"