Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate

| Una clamorosa forma di protesta per opporsi alle perquisizioni subite da giornalisti e redazioni, colpevoli di aver svelato episodi imbarazzanti per il governo

+ Miei preferiti
La stessa prima pagina per tutti, censurata con un pennarello nero. È la sorpresa che questa mattina i lettori australiani sono trovati acquistando alcuni fra i maggiori e più diffusi quotidiani. Una clamorosa forma di protesta che sta facendo il giro del mondo, architettata dai media per chiedere pubblicamente una maggiore libertà di stampa.

L’iniziativa nasce in segno di protesta per la perquisizione a cui era stata sottoposta l’abitazione di Annika Smethurst, una giornalista del “Sunday Telegraph” e la redazione della “ABC”, testata televisiva di proprietà della “News Corp” di Sydney (di proprietà dell’imprenditore Robert Murdoch), due provvedimenti secondo le autorità motivati da un mandato a carico di due giornalisti e del direttore dell’emittente. La giornalista del Daily Telegraph per un’inchiesta del 2017 che aveva rivelato un piano di servizi segreti per spiare email, sms e registri bancari degli australiani senza il loro consenso, e il Sunday Telegraph, perché attraverso alcuni casi di omicidi mai chiariti avvenuti in Afghanistan, aveva svelato i crimini di guerra delle forze speciali australiane. Una misura repressiva ufficialmente presa in applicazione “delle leggi sulla sicurezza nazionale”, per raccogliere documenti che avrebbero potuto mettere in imbarazzo il governo.

La clamorosa protesta, ideata dal sindacato dei giornalisti “Media Entertainment and Arts Alliance” a cui hanno aderito i quotidiani, è nata dalla decisione di unirsi per far sentire con più forza la propria voce, ed è stata accompagnata da “The Right to Know” (il diritto di sapere), una campagna televisiva di grande impatto che chiede “Quando il governo nasconde la verità, cosa nasconde?”. La campagna, che è partita ricordando alcune inchieste giornalistiche che hanno portato all’apertura di una commissione d’inchiesta sulle banche e una sul sistema delle cure agli anziani, chiede sei riforme urgenti per garantire la libertà d’informazione attraverso la possibilità per le testate di impugnare i mandati di perquisizione, protezione per i “whistleblower” e una maggior autonomia decisionale per i media, che devono sentirsi liberi di divulgare anche le notizie più scomode senza timori di rappresaglie. 

“Abbiamo sempre creduto nella libertà di stampa, e siamo anche convinti che nessuno è al di sopra della legge”, si è affrettato a commentare il premier Malcon Turnbull, chiedendo anche ad una commissione parlamentare di indagare sui poteri dell’intelligence e sulla libertà di informazione, per riferire in Parlamento entro il mese di novembre.

Galleria fotografica
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate - immagine 1
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate - immagine 2
Media
Alcol e tristezze a Westminster
Alcol e tristezze a Westminster
Un libro di prossima uscita, scritto dalla moglie di un ex parlamentare, svela la rabbiosa reazione del premier David Cameron alla sconfitta della Brexit. E ne ha anche per BoJo
Le ire di Trump contro una giornalista
Le ire di Trump contro una giornalista
Il presidente ha chiesto la testa di Jennifer Griffin, reporter di “Fox News”, colpevole di un’altra brutta figura dell’ex tycoon. Ma i colleghi la difendono
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Gli archivi on-line dove i ricercatori condividono i loro lavori esistono da anni, ma solo recentemente contengono ricerche mediche. E sarebbe opportuno che i media evitassero di diffondere questi studi come se fossero definitivi
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Il sito EUvsDisinfo sta raccogliendo informazioni inesatte relative al coronavirus. Dall’analisi di alcune ‘storie’ molto pro-Russia, appare evidente l’intenzione di attaccare sempre e comunque gli Stati Uniti
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Pechino ritira l’accredito stampa ai giornalisti del New York Times, del Wall Street Journal e del Washington Post. Le reazioni durissime dei media americani, che parlano di scelta irresponsabile in un momento così delicato
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Una carrellata di articoli e reportage che i maggiori media internazionali hanno dedicato in queste ore all’improvvisa impennata di casi nel nostro Paese
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il New York Times, uno dei colossi dell’informazione mondiale, ha concesso uno spazio fisso ad uno dei leader dei Talebani, un terrorista ricercato per atrocità su cui pendono taglie di milioni di dollari. Indignazione da tutto il mondo
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
La tragica fine dell’ex conduttrice di “Love Island” ha scatenato accuse durissime contro i tabloid inglesi, definiti spietati e cinici, ma anche contro l’industria dell’oltraggio tipica dei social
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
In una nota interna, un top manager di Facebook si dice convinto che la piattaforma potrebbe essere responsabile della rielezione del presidente Trump, così come ha fatto in quelle del 2016
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Per il 90% si tratta di omicidi che restano impuniti. La mappa dei luoghi più pericolosi per i professionisti dei media illustrati in un rapporto dell’Unesco