Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate

| Una clamorosa forma di protesta per opporsi alle perquisizioni subite da giornalisti e redazioni, colpevoli di aver svelato episodi imbarazzanti per il governo

+ Miei preferiti
La stessa prima pagina per tutti, censurata con un pennarello nero. È la sorpresa che questa mattina i lettori australiani sono trovati acquistando alcuni fra i maggiori e più diffusi quotidiani. Una clamorosa forma di protesta che sta facendo il giro del mondo, architettata dai media per chiedere pubblicamente una maggiore libertà di stampa.

L’iniziativa nasce in segno di protesta per la perquisizione a cui era stata sottoposta l’abitazione di Annika Smethurst, una giornalista del “Sunday Telegraph” e la redazione della “ABC”, testata televisiva di proprietà della “News Corp” di Sydney (di proprietà dell’imprenditore Robert Murdoch), due provvedimenti secondo le autorità motivati da un mandato a carico di due giornalisti e del direttore dell’emittente. La giornalista del Daily Telegraph per un’inchiesta del 2017 che aveva rivelato un piano di servizi segreti per spiare email, sms e registri bancari degli australiani senza il loro consenso, e il Sunday Telegraph, perché attraverso alcuni casi di omicidi mai chiariti avvenuti in Afghanistan, aveva svelato i crimini di guerra delle forze speciali australiane. Una misura repressiva ufficialmente presa in applicazione “delle leggi sulla sicurezza nazionale”, per raccogliere documenti che avrebbero potuto mettere in imbarazzo il governo.

La clamorosa protesta, ideata dal sindacato dei giornalisti “Media Entertainment and Arts Alliance” a cui hanno aderito i quotidiani, è nata dalla decisione di unirsi per far sentire con più forza la propria voce, ed è stata accompagnata da “The Right to Know” (il diritto di sapere), una campagna televisiva di grande impatto che chiede “Quando il governo nasconde la verità, cosa nasconde?”. La campagna, che è partita ricordando alcune inchieste giornalistiche che hanno portato all’apertura di una commissione d’inchiesta sulle banche e una sul sistema delle cure agli anziani, chiede sei riforme urgenti per garantire la libertà d’informazione attraverso la possibilità per le testate di impugnare i mandati di perquisizione, protezione per i “whistleblower” e una maggior autonomia decisionale per i media, che devono sentirsi liberi di divulgare anche le notizie più scomode senza timori di rappresaglie. 

“Abbiamo sempre creduto nella libertà di stampa, e siamo anche convinti che nessuno è al di sopra della legge”, si è affrettato a commentare il premier Malcon Turnbull, chiedendo anche ad una commissione parlamentare di indagare sui poteri dell’intelligence e sulla libertà di informazione, per riferire in Parlamento entro il mese di novembre.

Galleria fotografica
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate - immagine 1
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate - immagine 2
Media
I francesi, un popolo di scrittori
I francesi, un popolo di scrittori
Sommerse da romanzi, pamphlet, biografie, storie e racconti, le case editrici transalpine chiudono i canali agli aspiranti scrittori. Un fenomeno collaterale al lockdown
Francia, le giornaliste sportive sul piede di guerra
Francia, le giornaliste sportive sul piede di guerra
Un documentario realizzato da una giornalista svela l’ambiente sessista, fatto di violenze e umiliazioni, a cui sono costrette le reporter sportive francesi. Diverse le denunce contro alcuni volti noti della televisione
Julian Assange non sarà estradato
Julian Assange non sarà estradato
Una vittoria per il fondatore di WikiLeaks: per il giudice dell’Old Bailey consegnarlo all’America equivaleva ad una condanna a morte
Il destino di Assange
Il destino di Assange
Mancano poche ore alla sentenza che deciderà l’estradizione o meno del fondatore di “WikiLeaks”. Numerose le richieste di grazie che arrivano da tutto il mondo
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Quattro anni di galera a Zhang Zhan, giornalista che per tre mesi aveva svelato quello che i media statali non mostravano. La pandemia usata come scusa da Pechino per reprimere le poche voci dissidenti interne
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
Per un problema tecnico, all’emittente francese “RFI” sono sfuggiti una serie di “coccodrilli” che la redazione tiene pronti in caso di scomparsa di personaggi celebri
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
Dopo essere finito sotto la lente delle autorità britanniche, il colosso mediatico del tycoon è accusato di essere una minaccia alla libertà di stampa
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
Non si era accorto che il collegamento “Zoom” con altri colleghi era ancora attivo, e si è masturbato sotto gli occhi attoniti degli altri ospiti. La CNN e il New Yorker, per cui lavorava, l’hanno sospeso
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Irina Salvina, direttrice di “Koza.Press” si è tolta la vita dandosi fuoco davanti alla sede del ministero degli interni, a Nizhnij Novgorod. Da mesi subiva pressioni e persecuzioni, denunciano i gruppi dissidenti
Alcol e tristezze a Westminster
Alcol e tristezze a Westminster
Un libro di prossima uscita, scritto dalla moglie di un ex parlamentare, svela la rabbiosa reazione del premier David Cameron alla sconfitta della Brexit. E ne ha anche per BoJo