Chiude Il Telegrafo

| Dopo un’ipotesi di rilancio mai concretizzata, è arrivata la decisione dell’editore di chiudere lo storico dorso livornese de La Nazione

+ Miei preferiti
Un altro duro colpo per l’editoria italiana: il 1° luglio chiude definitivamente “Il Telegrafo”, il dorso livornese del quotidiano “La Nazione”. Un finale che arriva dopo settimane di trattative sofferte, comunicata in via ufficiale dalla “Società Poligrafici Editoriale” nel corso del tavolo voluto dalla “Regione Toscana”, a cui era presente anche il direttore de Il Telegrafo, Francesco Carrassi. Il motivo della chiusura, lo stesso che sta strangolando uno dopo l’altro tutte le testate italiane, grandi o piccole che siano: appena 700 copie vendute e carichi pubblicitari insufficienti per garantire la sopravvivenza e la dignità professionale ai giornalisti della redazione.

L’azienda, anche per via dell’interessamento dell’assessore al lavoro del Comune di Livorno, ha comunque garantito il “ricollocamento” dei sette giornalisti della redazione attraverso l’edizione online della testata, anche se le preoccupazioni per il trasferimento verso altre redazioni è palpabile. A questo si aggiunge il destino di una decina di collaboratori, costretti a cercarsi un’altra collocazione.

Le pagine di cronaca livornese saranno assorbite dal quotidiano La Nazione.

Già nel 2016, l’editore aveva ventilato l’ipotesi di chiudere il dorso livornese, trasferendo i dipendenti a Pisa. Dopo diverse trattative si era deciso di ritentare con un rilancio che, dicono in tanti, in realtà non c’è mai stato.

Media
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Una carrellata di articoli e reportage che i maggiori media internazionali hanno dedicato in queste ore all’improvvisa impennata di casi nel nostro Paese
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il New York Times, uno dei colossi dell’informazione mondiale, ha concesso uno spazio fisso ad uno dei leader dei Talebani, un terrorista ricercato per atrocità su cui pendono taglie di milioni di dollari. Indignazione da tutto il mondo
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
La tragica fine dell’ex conduttrice di “Love Island” ha scatenato accuse durissime contro i tabloid inglesi, definiti spietati e cinici, ma anche contro l’industria dell’oltraggio tipica dei social
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
In una nota interna, un top manager di Facebook si dice convinto che la piattaforma potrebbe essere responsabile della rielezione del presidente Trump, così come ha fatto in quelle del 2016
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Per il 90% si tratta di omicidi che restano impuniti. La mappa dei luoghi più pericolosi per i professionisti dei media illustrati in un rapporto dell’Unesco
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Da lunedì, le copie del New York Times e del Washington Post non varcheranno più la soglia della White House. L’ennesimo capitolo nella guerra de, presidente con i media a lui ostili
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Una clamorosa forma di protesta per opporsi alle perquisizioni subite da giornalisti e redazioni, colpevoli di aver svelato episodi imbarazzanti per il governo
La faida dei De Benedetti per il Gruppo Gedi
La faida dei De Benedetti per il Gruppo Gedi
A tre anni dall’uscita di scena, l’ingegnere lancia una proposta per acquistare il 29,9% delle azioni del colosso editoriale. Sconcerto dei tre figli, che ritengono l’offerta “irricevibile”
La Cina vara l’esame per valutare i giornalisti
La Cina vara l’esame per valutare i giornalisti
In barba alla libertà di stampa, Pechino costringe 10mila operatori dell’informazione cinesi a sottoporsi ad un esame per valutarne la lealtà
L’addio polemico dell’Express
L’addio polemico dell’Express
L’ultimo numero del più popolare quotidiano free-press di Washington se la prende con una tecnologia che sta letteralmente cancellando un settore