Chiude Il Telegrafo

| Dopo un’ipotesi di rilancio mai concretizzata, è arrivata la decisione dell’editore di chiudere lo storico dorso livornese de La Nazione

+ Miei preferiti
Un altro duro colpo per l’editoria italiana: il 1° luglio chiude definitivamente “Il Telegrafo”, il dorso livornese del quotidiano “La Nazione”. Un finale che arriva dopo settimane di trattative sofferte, comunicata in via ufficiale dalla “Società Poligrafici Editoriale” nel corso del tavolo voluto dalla “Regione Toscana”, a cui era presente anche il direttore de Il Telegrafo, Francesco Carrassi. Il motivo della chiusura, lo stesso che sta strangolando uno dopo l’altro tutte le testate italiane, grandi o piccole che siano: appena 700 copie vendute e carichi pubblicitari insufficienti per garantire la sopravvivenza e la dignità professionale ai giornalisti della redazione.

L’azienda, anche per via dell’interessamento dell’assessore al lavoro del Comune di Livorno, ha comunque garantito il “ricollocamento” dei sette giornalisti della redazione attraverso l’edizione online della testata, anche se le preoccupazioni per il trasferimento verso altre redazioni è palpabile. A questo si aggiunge il destino di una decina di collaboratori, costretti a cercarsi un’altra collocazione.

Le pagine di cronaca livornese saranno assorbite dal quotidiano La Nazione.

Già nel 2016, l’editore aveva ventilato l’ipotesi di chiudere il dorso livornese, trasferendo i dipendenti a Pisa. Dopo diverse trattative si era deciso di ritentare con un rilancio che, dicono in tanti, in realtà non c’è mai stato.

Media
Julian Assange non sarà estradato
Julian Assange non sarà estradato
Una vittoria per il fondatore di WikiLeaks: per il giudice dell’Old Bailey consegnarlo all’America equivaleva ad una condanna a morte
Il destino di Assange
Il destino di Assange
Mancano poche ore alla sentenza che deciderà l’estradizione o meno del fondatore di “WikiLeaks”. Numerose le richieste di grazie che arrivano da tutto il mondo
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Quattro anni di galera a Zhang Zhan, giornalista che per tre mesi aveva svelato quello che i media statali non mostravano. La pandemia usata come scusa da Pechino per reprimere le poche voci dissidenti interne
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
Per un problema tecnico, all’emittente francese “RFI” sono sfuggiti una serie di “coccodrilli” che la redazione tiene pronti in caso di scomparsa di personaggi celebri
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
Dopo essere finito sotto la lente delle autorità britanniche, il colosso mediatico del tycoon è accusato di essere una minaccia alla libertà di stampa
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
Non si era accorto che il collegamento “Zoom” con altri colleghi era ancora attivo, e si è masturbato sotto gli occhi attoniti degli altri ospiti. La CNN e il New Yorker, per cui lavorava, l’hanno sospeso
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Irina Salvina, direttrice di “Koza.Press” si è tolta la vita dandosi fuoco davanti alla sede del ministero degli interni, a Nizhnij Novgorod. Da mesi subiva pressioni e persecuzioni, denunciano i gruppi dissidenti
Alcol e tristezze a Westminster
Alcol e tristezze a Westminster
Un libro di prossima uscita, scritto dalla moglie di un ex parlamentare, svela la rabbiosa reazione del premier David Cameron alla sconfitta della Brexit. E ne ha anche per BoJo
Le ire di Trump contro una giornalista
Le ire di Trump contro una giornalista
Il presidente ha chiesto la testa di Jennifer Griffin, reporter di “Fox News”, colpevole di un’altra brutta figura dell’ex tycoon. Ma i colleghi la difendono
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Gli archivi on-line dove i ricercatori condividono i loro lavori esistono da anni, ma solo recentemente contengono ricerche mediche. E sarebbe opportuno che i media evitassero di diffondere questi studi come se fossero definitivi