Fake news, M5s, Pandora Tv
chi ha ragione e chi torto

| Riflessione il giorno dopo sullo sconcertante caso dell'intervista di Dijsselbloem a CNTV. Pandora Tv commenta frasi mai dette, M5s le riporta senza verifica. Ma i fatti sono duri a morire

+ Miei preferiti

"Grazie al sano giornalismo del Corriere della Sera”. Jeroen Dijsselbloem, già presidente dell'Eurogruppo, ringrazia in un tweet il Corriere della Sera per avere svelato (ma non solo il Corriere) la fake news di Pandora Tv ripresa senza nessun tipo di verifica, nella migliore delle ipotesi, da M5S Europa. Al centro l’intervista di Dijsselbloem al canale tv Usa Cnbc dove l'ex presidente dell'Eurogruppo sembrava prevedere “l’implosione" dell'economia italiana. M5s, che teorizza con gioia la fine di alcuni media italiani, minacciando un giorno si e uno no la fine dei contributi statali all’editoria, aveva sostenuto di aver "ripreso un video di Pandora tv contenente l'intervista all'ex presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, con un commento. Quindi il M5s non ha manipolato nessun video, né tantomeno ha pubblicato video manipolati da altri”. E lo stesso Giulietto Chiesa, uno dei fondatori di Pandora TV, ha spiegato in un video (  "Tanto rumore per nulla") che in realtà si trattava di un editoriale, un modo per interpretare “le metafore” di Dijsselbloem, senza entrare nel merito di una traduzione letterale di quanto andava affermando. Dunque, non una fake news, ma “l’interpretazione di una notizia”. Peccato però che le parole pronunciate dall’ex presidente dell’Eurogruppo andavano in tutt’altra direzione e si concludevano con un richiamo alla differenza tra l’economia greca e quella italiana, più solida e importante. Insomma, un lavoro giornalistico non propri d'eccellenza. 

Nell'intervista del 18 ottobre, Dijsselbloem di fatto, pur parlando delle difficoltà dell'Italia e definendo la situazione "abbastanza preoccupante", in sintonia con i richiami della Commissione Ue aveva escluso rischi di contagio che, in caso di implosione, le conseguenze avrebbero travolto anche l’Italia. Chiesa non appare convincente nel suo intervento; più che altro rivendica il diritto di fare giornalismo come meglio ritiene, nel segno di un’autonomia ben definita. Il fatto che M5s abbia ripreso il video non sposta il tema di una virgola. Resta però un semplice aspetto irrisolto, sia da Chiesa che da M5s. Se Dijsselbloem ha fatto delle dichiarazioni, quelle sole dovevano essere commentate, mentre gliene sono state attribuite altre molto diverse. Il punto è questo. Altro non c'è.

Red.Ism

Media
I francesi, un popolo di scrittori
I francesi, un popolo di scrittori
Sommerse da romanzi, pamphlet, biografie, storie e racconti, le case editrici transalpine chiudono i canali agli aspiranti scrittori. Un fenomeno collaterale al lockdown
Francia, le giornaliste sportive sul piede di guerra
Francia, le giornaliste sportive sul piede di guerra
Un documentario realizzato da una giornalista svela l’ambiente sessista, fatto di violenze e umiliazioni, a cui sono costrette le reporter sportive francesi. Diverse le denunce contro alcuni volti noti della televisione
Julian Assange non sarà estradato
Julian Assange non sarà estradato
Una vittoria per il fondatore di WikiLeaks: per il giudice dell’Old Bailey consegnarlo all’America equivaleva ad una condanna a morte
Il destino di Assange
Il destino di Assange
Mancano poche ore alla sentenza che deciderà l’estradizione o meno del fondatore di “WikiLeaks”. Numerose le richieste di grazie che arrivano da tutto il mondo
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Quattro anni di galera a Zhang Zhan, giornalista che per tre mesi aveva svelato quello che i media statali non mostravano. La pandemia usata come scusa da Pechino per reprimere le poche voci dissidenti interne
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
Per un problema tecnico, all’emittente francese “RFI” sono sfuggiti una serie di “coccodrilli” che la redazione tiene pronti in caso di scomparsa di personaggi celebri
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
Dopo essere finito sotto la lente delle autorità britanniche, il colosso mediatico del tycoon è accusato di essere una minaccia alla libertà di stampa
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
Non si era accorto che il collegamento “Zoom” con altri colleghi era ancora attivo, e si è masturbato sotto gli occhi attoniti degli altri ospiti. La CNN e il New Yorker, per cui lavorava, l’hanno sospeso
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Irina Salvina, direttrice di “Koza.Press” si è tolta la vita dandosi fuoco davanti alla sede del ministero degli interni, a Nizhnij Novgorod. Da mesi subiva pressioni e persecuzioni, denunciano i gruppi dissidenti
Alcol e tristezze a Westminster
Alcol e tristezze a Westminster
Un libro di prossima uscita, scritto dalla moglie di un ex parlamentare, svela la rabbiosa reazione del premier David Cameron alla sconfitta della Brexit. E ne ha anche per BoJo