Fake news, M5s, Pandora Tv
chi ha ragione e chi torto

| Riflessione il giorno dopo sullo sconcertante caso dell'intervista di Dijsselbloem a CNTV. Pandora Tv commenta frasi mai dette, M5s le riporta senza verifica. Ma i fatti sono duri a morire

+ Miei preferiti

"Grazie al sano giornalismo del Corriere della Sera”. Jeroen Dijsselbloem, già presidente dell'Eurogruppo, ringrazia in un tweet il Corriere della Sera per avere svelato (ma non solo il Corriere) la fake news di Pandora Tv ripresa senza nessun tipo di verifica, nella migliore delle ipotesi, da M5S Europa. Al centro l’intervista di Dijsselbloem al canale tv Usa Cnbc dove l'ex presidente dell'Eurogruppo sembrava prevedere “l’implosione" dell'economia italiana. M5s, che teorizza con gioia la fine di alcuni media italiani, minacciando un giorno si e uno no la fine dei contributi statali all’editoria, aveva sostenuto di aver "ripreso un video di Pandora tv contenente l'intervista all'ex presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, con un commento. Quindi il M5s non ha manipolato nessun video, né tantomeno ha pubblicato video manipolati da altri”. E lo stesso Giulietto Chiesa, uno dei fondatori di Pandora TV, ha spiegato in un video (  "Tanto rumore per nulla") che in realtà si trattava di un editoriale, un modo per interpretare “le metafore” di Dijsselbloem, senza entrare nel merito di una traduzione letterale di quanto andava affermando. Dunque, non una fake news, ma “l’interpretazione di una notizia”. Peccato però che le parole pronunciate dall’ex presidente dell’Eurogruppo andavano in tutt’altra direzione e si concludevano con un richiamo alla differenza tra l’economia greca e quella italiana, più solida e importante. Insomma, un lavoro giornalistico non propri d'eccellenza. 

Nell'intervista del 18 ottobre, Dijsselbloem di fatto, pur parlando delle difficoltà dell'Italia e definendo la situazione "abbastanza preoccupante", in sintonia con i richiami della Commissione Ue aveva escluso rischi di contagio che, in caso di implosione, le conseguenze avrebbero travolto anche l’Italia. Chiesa non appare convincente nel suo intervento; più che altro rivendica il diritto di fare giornalismo come meglio ritiene, nel segno di un’autonomia ben definita. Il fatto che M5s abbia ripreso il video non sposta il tema di una virgola. Resta però un semplice aspetto irrisolto, sia da Chiesa che da M5s. Se Dijsselbloem ha fatto delle dichiarazioni, quelle sole dovevano essere commentate, mentre gliene sono state attribuite altre molto diverse. Il punto è questo. Altro non c'è.

Red.Ism

Media
La Maglie contro Greta Thunberg
La Maglie contro Greta Thunberg
La giornalista gioca la carta dell’ironia in una trasmissione radiofonica, affermando che investirebbe volentieri l’attivista svedese. E si scatena il putiferio
'Toffa è morta', ma è una atroce fake
L'incredibile vicenda di un sito di "informazione" on line che s'è inventato di sana pianta la morte della conduttrice delle Iene. In poche ore ha raccolto migliaia di letture. Un finto servizio dove si esprime anche il "cordoglio"
Julian Assange, accusato di verità
Julian Assange, accusato di verità
Un giornalista australiano ha incontrato il fondatore di WikiLeaks nei piccoli spazi che gli sono concessi nell’ambasciata dell’Ecuador. E svela perché tanti lo vorrebbero morto
Crisi Mondadori Periodici, altri 35 esuberi
Crisi Mondadori Periodici, altri 35 esuberi
Una bara per denunciare i tagli delle redazioni, con 35 esuberi già annunciati. L'impegno dell'Associazione Lombarda dei giornalisti per denunciare la "grave situazione"
La rivincita del Democrat Reporter
La rivincita del Democrat Reporter
Cacciato il direttore pro Ku Klux Klan, il quotidiano dell’Alabama nomina al suo posto una donna e per di più di colore. Plauso bipartisan
Emilio, che da grande volevi fare il giornalista
Emilio, che da grande volevi fare il giornalista
Stroncato da un malore un cronista di razza de La Stampa. Emilio Randacio, 50 anni fra un mese, iniziò la professione a Savona, ancora liceale. Poi una carriera tra Avvenire, Repubblica e La Stampa
Calabresi lascia Repubblica, arriva Verdelli
Calabresi lascia Repubblica, arriva Verdelli
Dopo tre anni alla guida del quotidiano fondato da Scalfari, Calabresi ha ufficializzato il cambio della guardia con un tweet. Il successore è stato vice direttore del Corsera e di Vanity Fair
FyreFestival, l'incredibile truffa Vip
FyreFestival, l
Un 28enne inglese si è inventato un festival su un'isola con Vip e modelle, biglietti da 400 a 300 mila euro, incassando 26 milioni di dollari. Invece dei resort 5 stelle tende da campeggio, niente Vip e panini "marci". Film Netflix
Askanews, lavoratori senza stipendio
Askanews, lavoratori senza stipendio
Procede l'iter del concordato preventivo, la denuncia del Cdr dell'agenzia. Giornalisti e dipendenti senza stipendio, in pericolo altri 27 posti di lavoro. Attacco all'editore Abete: "Riprenda il dialogo"
Dilemma Toffa: to click or not to click
Dilemma Toffa: to click or not to click
Il caso della giornalista delle Iene malata di tumore in diretta sui social è diventato una linfa per le news on lineitaliane. Che sfruttano ogni post per titoli-trappola lontani dalla realtà. Ma molti li cliccano. Analisi di Rolling Stone