I network leggevano pure i post privati

| Inchiesta del New York Times, Facebook ha ceduto sino al 2017 milioni di dati sensibili un centinaio di aziende globali, compresa Apple, Spotify, Amazon e Netflix. Un altro scandalo dopo Cambridge Analytics

+ Miei preferiti

La vecchia filosofia di Facebook - ora la policy è cambiata, per fortuna, ha lasciato passare politiche di marketing molto discutibili. L’ultima notizia riguarda la cessione di milioni di dati personali alle maggiori compagnie tecnologiche mondiali superando  le regole della privacy in modo sistematico, secondo quanto rivela un’inchiesta del New York Times. Tra queste (sono un centinaio) Apple e  Amazon che avrebbero ricevuto nomi e informazioni e contatti degli utenti. Microsoft, Menlo Park, Spotify e Netflix avrebbero avuto accesso persino alla lettura di messaggi privati scambiati su Facebook. Netflix ha replicato su The Verge di “non aver mai letto messaggi privati né mai chiesto di farlo”. Gli accordi prevedevano un uso delle app per i propri utenti con la condivisione dei dati con la definizione delle aziende come “integrator partner”, compresi Yahoo e di Yandexm collegato al Cremlino. Tutti avrebbero avuto accesso agli user ID  degli utenti di Facebook fino al dicembre 2017. 

Quindi il programma “instant personalization” (personalizzazione istantanea) per facilitare la condivisione dei dati di Facebook con altri siti, in teoria con il con consenso degli utenti, ma le impostazione base prevedevano in automatico il via libera. Facebook avrebbe inoltre autorizzato alcune società ad accedere e leggere messaggi privati. In particolare Netflix e Spotify, sempre secondo il New York Times, avrebbero avuto accesso ai messaggi di 70 milioni di utenti.

Facebook si difende: non c’è niente di male; non abbiamo avuto sfruttato i dati perché non sapevamo di poterli prendere. Solo marketing. Niente di più. Una linea che non convince né i consumatori, né le autorità di controllo Usa. Finisce così un annus horribilis per Facebook, anche dopo lo scandalo di Cambridge Analytics. Magari l 2019 sarà migliore.

 
Media
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Gli archivi on-line dove i ricercatori condividono i loro lavori esistono da anni, ma solo recentemente contengono ricerche mediche. E sarebbe opportuno che i media evitassero di diffondere questi studi come se fossero definitivi
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Il sito EUvsDisinfo sta raccogliendo informazioni inesatte relative al coronavirus. Dall’analisi di alcune ‘storie’ molto pro-Russia, appare evidente l’intenzione di attaccare sempre e comunque gli Stati Uniti
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Pechino ritira l’accredito stampa ai giornalisti del New York Times, del Wall Street Journal e del Washington Post. Le reazioni durissime dei media americani, che parlano di scelta irresponsabile in un momento così delicato
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Una carrellata di articoli e reportage che i maggiori media internazionali hanno dedicato in queste ore all’improvvisa impennata di casi nel nostro Paese
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il New York Times, uno dei colossi dell’informazione mondiale, ha concesso uno spazio fisso ad uno dei leader dei Talebani, un terrorista ricercato per atrocità su cui pendono taglie di milioni di dollari. Indignazione da tutto il mondo
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
La tragica fine dell’ex conduttrice di “Love Island” ha scatenato accuse durissime contro i tabloid inglesi, definiti spietati e cinici, ma anche contro l’industria dell’oltraggio tipica dei social
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
In una nota interna, un top manager di Facebook si dice convinto che la piattaforma potrebbe essere responsabile della rielezione del presidente Trump, così come ha fatto in quelle del 2016
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Per il 90% si tratta di omicidi che restano impuniti. La mappa dei luoghi più pericolosi per i professionisti dei media illustrati in un rapporto dell’Unesco
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Da lunedì, le copie del New York Times e del Washington Post non varcheranno più la soglia della White House. L’ennesimo capitolo nella guerra de, presidente con i media a lui ostili
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Una clamorosa forma di protesta per opporsi alle perquisizioni subite da giornalisti e redazioni, colpevoli di aver svelato episodi imbarazzanti per il governo