Il destino di Assange

| Mancano poche ore alla sentenza che deciderà l’estradizione o meno del fondatore di “WikiLeaks”. Numerose le richieste di grazie che arrivano da tutto il mondo

+ Miei preferiti
L’ora è fissata: alle 10:30 di lunedì mattina, Vanessa Baraitser, giudice dell’Old Bailey, il tribunale penale di Londra, leggerà la sentenza destinata a stabilire il destino di Julian Assange, il fondatore di “WikiLeaks”. Il rischio peggiore – e pare più probabile - per il giornalista è l’estradizione per gli Stati Uniti, che lo aspettano a braccia aperte per processarlo con 18 capi d’accusa, di cui ben 17 legati allo spionaggio, reato perseguibile secondo l’Espionage Act che potrebbe costare ad Assange una condanna a 175 anni di carcere.

Il giornalista e blogger australiano, 48 anni, nel tempo diventato simbolo mondiale della libertà di stampa, è accusato di aver cospirato contro gli Stati Uniti in combutta con Chelsea Manning, l’ex analista militare che avrebbe passato ad Assange materiale e documenti coperti da segreto di Stato e considerati sensibili per la sicurezza nazionale. Ma negli ultimi mesi, il Dipartimento di Giustizia americano ha accusato il giornalista di aver reclutato “hacker” per scovare informazioni riservate da pubblicare, violando le durissime leggi statunitensi. Accusa che i legali di Assange respingono giudicandole “politicamente motivate”, per poi aggiungere che il loro assistito – arrestato nell’aprile 2019 dopo 7 anni trascorsi nell’ambasciata dell’Ecuador di Londra – sarebbe in pessime condizioni di salute.

A poche ore dalla sentenza dell’Old Bailey sono numerose le petizioni e le raccolte di firme che arrivano da ogni parte del mondo in cui si sottolinea che l’eventuale condanna equivarrebbe ad una pena capitale protratta nel tempo.

A parte i problemi interni, sono in molti a considerare il caso Assange come il primo banco di prova del presidente Biden, che rischia di incappare veder bollare gli Stati Uniti come Paese contro i diritti umani e la libertà di informazione.

John Shipton, padre di Julian Assange, ha lanciato un appello dalle pagine dell’Indipendent in cui parla di “vendetta per aver rivelato al mondo crimini di guerra americani”. Prima di lui, l’8 dicembre scorso, Nils Mezer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla pratica della tortura, aveva chiesto ufficialmente il rilascio immediato di Assange per il rischio di contrarre il Covid: “Il signor Assange non rappresenta una minaccia per nessuno, quindi il suo prolungato isolamento in una struttura di massima sicurezza non è necessario, motivato e proporzionato”.

Media
Julian Assange non sarà estradato
Julian Assange non sarà estradato
Una vittoria per il fondatore di WikiLeaks: per il giudice dell’Old Bailey consegnarlo all’America equivaleva ad una condanna a morte
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Quattro anni di galera a Zhang Zhan, giornalista che per tre mesi aveva svelato quello che i media statali non mostravano. La pandemia usata come scusa da Pechino per reprimere le poche voci dissidenti interne
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
Per un problema tecnico, all’emittente francese “RFI” sono sfuggiti una serie di “coccodrilli” che la redazione tiene pronti in caso di scomparsa di personaggi celebri
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
Dopo essere finito sotto la lente delle autorità britanniche, il colosso mediatico del tycoon è accusato di essere una minaccia alla libertà di stampa
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
Non si era accorto che il collegamento “Zoom” con altri colleghi era ancora attivo, e si è masturbato sotto gli occhi attoniti degli altri ospiti. La CNN e il New Yorker, per cui lavorava, l’hanno sospeso
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Irina Salvina, direttrice di “Koza.Press” si è tolta la vita dandosi fuoco davanti alla sede del ministero degli interni, a Nizhnij Novgorod. Da mesi subiva pressioni e persecuzioni, denunciano i gruppi dissidenti
Alcol e tristezze a Westminster
Alcol e tristezze a Westminster
Un libro di prossima uscita, scritto dalla moglie di un ex parlamentare, svela la rabbiosa reazione del premier David Cameron alla sconfitta della Brexit. E ne ha anche per BoJo
Le ire di Trump contro una giornalista
Le ire di Trump contro una giornalista
Il presidente ha chiesto la testa di Jennifer Griffin, reporter di “Fox News”, colpevole di un’altra brutta figura dell’ex tycoon. Ma i colleghi la difendono
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Gli archivi on-line dove i ricercatori condividono i loro lavori esistono da anni, ma solo recentemente contengono ricerche mediche. E sarebbe opportuno che i media evitassero di diffondere questi studi come se fossero definitivi
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Il sito EUvsDisinfo sta raccogliendo informazioni inesatte relative al coronavirus. Dall’analisi di alcune ‘storie’ molto pro-Russia, appare evidente l’intenzione di attaccare sempre e comunque gli Stati Uniti