L.A. Times al miliardario Soon-Shiong

| Tronc, dopo avere acquistato un numero elevato di testate cartacee in tutti gli States, cede il suo gioiello al medico di origini cinesi, nato in Sud Africa e naturalizzato Usa. Costo 500 milioni di dollari

+ Miei preferiti
 Il gruppo Tronc proprietario del Los Angeles Times ha venduto la storica testata al miliardario Patrick Soon-Shiong. Una notizia che ha spinto molti osservatori Usa a commentare la notizia con una certa amarezza, un altro importante pezzo di storia dei media americani viene ceduta a un gruppo di potere, tra giudizi in chiaro scuro. I manager di Tronc erano decisi ad acquistare acquistare anche il San Diego Union-Tribune, secondo il Washington Post. Il New York Times conferma l' accordo, per un valore di circa 500 milioni di dollari, e potrebbe già essere annunciato oggi. La cessione del L. A. Time, dopo mesi di crisi e tensioni, si chiude con le dimissioni imposte al suo direttore, Lewis D' Vorkin, dopo meno di quattro mesi di lavoro. Jim Kirk, ex redattore ed editore del Chicago Sun-Times, è stato nominato direttore dopo che D' Vorkin è stato trasferito al Chief Content Officer di Tronc. La Tronc controllata da Michael Ferro possiede anche The Chicago Tribune, Baltimora Sun e New York Daily News. Il passaggio a Tronc (quando era ancora Tribune Publishing) aveva impedito all' azienda di essere acquistata da Gannett, ma da allora i due giganti dei media Usa sono precipititati in una serie di difficoltà finanziarie.
Patrick Soon-Shiong
Ross Levinsohn, direttore editoriale del L. A. Times' da agosto, è stato sospeso dall'incarico, lo stipendio bloccato, dopo i rapporti del mese scorso del suo comportamento non "corretto" e le accuse precedenti di molestie sessuali.
 Nel 2016, Tronc ha tentato di acquistare l' Orange County Register, ma un giudice federale ha bloccato la vendita, affermando che Tronc avrebbe avuto un monopolio se fosse stata proprietaria dei quattro maggiori giornali in quattro contee della California meridionale.
Patrick Soon-Shiong, 66 anni, è un notissimo chirurgo nato in Sud Africa da immigrati cinesi e ora cittadino Usa, professore e ricercatore, imprenditore, uomo d' affari e filantropo. Attualmente è presidente di NantWorks, direttore esecutivo del Wireless Health Institute presso l' Università della California a Los Angeles, e professore aggiunto di chirurgia all' UCLA. È anche presidente della Chan Soon-Shiong Family Foundation e presidente e CEO del Chan Soon-Shiong Institute for Advanced Health, National LambdaRail e dell' Istituto per la Trasformazione Sanitaria. Soon-Shiong è proprietario di minoranza dei Los Angeles Lakers dal 2010. Nell' aprile 2016, il Los Angeles Times ha reso noto che è uno dei supermanager più pagati per il 2015. Nel novembre 2016, Soon-Shiong era stimato da Forbes con un patrimonio netto di 9 miliardi di dollari, classificandolo 47 tra i miliardari degli Stati Uniti. Al 9 dicembre 2016, il Dr. Soon-Shiong ha rilasciato 230 brevetti USA e internazionali, di cui 92 negli Stati Uniti e 138 internazionali.
Galleria fotografica
L.A. Times al miliardario Soon-Shiong - immagine 1
Media
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Il sito EUvsDisinfo sta raccogliendo informazioni inesatte relative al coronavirus. Dall’analisi di alcune ‘storie’ molto pro-Russia, appare evidente l’intenzione di attaccare sempre e comunque gli Stati Uniti
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Pechino ritira l’accredito stampa ai giornalisti del New York Times, del Wall Street Journal e del Washington Post. Le reazioni durissime dei media americani, che parlano di scelta irresponsabile in un momento così delicato
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Una carrellata di articoli e reportage che i maggiori media internazionali hanno dedicato in queste ore all’improvvisa impennata di casi nel nostro Paese
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il New York Times, uno dei colossi dell’informazione mondiale, ha concesso uno spazio fisso ad uno dei leader dei Talebani, un terrorista ricercato per atrocità su cui pendono taglie di milioni di dollari. Indignazione da tutto il mondo
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
La tragica fine dell’ex conduttrice di “Love Island” ha scatenato accuse durissime contro i tabloid inglesi, definiti spietati e cinici, ma anche contro l’industria dell’oltraggio tipica dei social
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
In una nota interna, un top manager di Facebook si dice convinto che la piattaforma potrebbe essere responsabile della rielezione del presidente Trump, così come ha fatto in quelle del 2016
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Per il 90% si tratta di omicidi che restano impuniti. La mappa dei luoghi più pericolosi per i professionisti dei media illustrati in un rapporto dell’Unesco
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Da lunedì, le copie del New York Times e del Washington Post non varcheranno più la soglia della White House. L’ennesimo capitolo nella guerra de, presidente con i media a lui ostili
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Una clamorosa forma di protesta per opporsi alle perquisizioni subite da giornalisti e redazioni, colpevoli di aver svelato episodi imbarazzanti per il governo
La faida dei De Benedetti per il Gruppo Gedi
La faida dei De Benedetti per il Gruppo Gedi
A tre anni dall’uscita di scena, l’ingegnere lancia una proposta per acquistare il 29,9% delle azioni del colosso editoriale. Sconcerto dei tre figli, che ritengono l’offerta “irricevibile”