Julian Assange sotto ricatto

| Audio e video del suo soggiorno nell’ambasciata dell’Ecuador sarebbero finiti nelle mani di gente che minaccia di divulgarli. L’Ecuador pronto a scaricarlo

+ Miei preferiti
Julian Assange, il giornalista che nel 2010 mise in forte imbarazzo governi, diplomazie, istituzioni e colossi divulgando oltre 251.000 documenti diplomatici statunitensi, molti dei quali segreti e confidenziali, è diventato il protagonista di un caso di spionaggio che questa volta vede lui stesso come protagonista. Rifugiato nel consolato londinese dell’Ecuador dal 2012, dopo essere scampato per un soffio alla richiesta di estradizione, sarebbe stato spiato di giorno di notte, documentando con video, audio e documenti i suoi incontri e perfino le sue visite mediche di controllo o i colloqui con i suoi legali. Una mole di materiale che – non è chiaro per quale motivo - sarebbe finita nelle mani di personaggi non meglio identificati che ora sarebbero pronti a vendere al miglior offerente ogni cosa, a meno di non ricevere un riscatto di 3 milioni di euro.

A renderlo noto è la giornalista islandese Kristinn Hrafnsson, attuale direttore di “WikiLeaks”, aggiungendo che sul caso è già al lavoro una squadra di investigatori dell’Onu. Una rivelazione che pare abbia gettato ancora più nello sconforto Assange, costretto a vivere da solo e dallo scorso anno zittito a forza su qualsiasi commento su fatti di politica internazionale, pena l’espulsione immediata. Dal consolato Una decisione voluta dal nuovo presidente ecuadoriano Lenin Moreno, che pare anche su pressione americana non ha mai digerito l’ospitalità ad Assange concessa dal suo predecessore, Rafael Correa. A ribadirlo, a chiare lettere, è stato l’ex console ecuadoriano a Londra, Fidel Narvarez: “Con il nuovo governo, l’Ecuador non protegge più Julian Assange: ormai il suo destino è solo nelle mani dell’opinione pubblica e della solidarietà”.

Si profila quindi un’espulsione per il fondatore di WikiLeaks, che sarebbe seguita dall’arresto da parte delle autorità inglesi e ad un braccio di ferro per l’estradizione negli Stati Uniti dove, secondo la legale di Assange, sarebbe pronto un mandato di arresto attualmente coperto da segreto.

Media
I francesi, un popolo di scrittori
I francesi, un popolo di scrittori
Sommerse da romanzi, pamphlet, biografie, storie e racconti, le case editrici transalpine chiudono i canali agli aspiranti scrittori. Un fenomeno collaterale al lockdown
Francia, le giornaliste sportive sul piede di guerra
Francia, le giornaliste sportive sul piede di guerra
Un documentario realizzato da una giornalista svela l’ambiente sessista, fatto di violenze e umiliazioni, a cui sono costrette le reporter sportive francesi. Diverse le denunce contro alcuni volti noti della televisione
Julian Assange non sarà estradato
Julian Assange non sarà estradato
Una vittoria per il fondatore di WikiLeaks: per il giudice dell’Old Bailey consegnarlo all’America equivaleva ad una condanna a morte
Il destino di Assange
Il destino di Assange
Mancano poche ore alla sentenza che deciderà l’estradizione o meno del fondatore di “WikiLeaks”. Numerose le richieste di grazie che arrivano da tutto il mondo
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Quattro anni di galera a Zhang Zhan, giornalista che per tre mesi aveva svelato quello che i media statali non mostravano. La pandemia usata come scusa da Pechino per reprimere le poche voci dissidenti interne
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
Per un problema tecnico, all’emittente francese “RFI” sono sfuggiti una serie di “coccodrilli” che la redazione tiene pronti in caso di scomparsa di personaggi celebri
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
Dopo essere finito sotto la lente delle autorità britanniche, il colosso mediatico del tycoon è accusato di essere una minaccia alla libertà di stampa
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
Non si era accorto che il collegamento “Zoom” con altri colleghi era ancora attivo, e si è masturbato sotto gli occhi attoniti degli altri ospiti. La CNN e il New Yorker, per cui lavorava, l’hanno sospeso
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Irina Salvina, direttrice di “Koza.Press” si è tolta la vita dandosi fuoco davanti alla sede del ministero degli interni, a Nizhnij Novgorod. Da mesi subiva pressioni e persecuzioni, denunciano i gruppi dissidenti
Alcol e tristezze a Westminster
Alcol e tristezze a Westminster
Un libro di prossima uscita, scritto dalla moglie di un ex parlamentare, svela la rabbiosa reazione del premier David Cameron alla sconfitta della Brexit. E ne ha anche per BoJo