Julian Assange sotto ricatto

| Audio e video del suo soggiorno nell’ambasciata dell’Ecuador sarebbero finiti nelle mani di gente che minaccia di divulgarli. L’Ecuador pronto a scaricarlo

+ Miei preferiti
Julian Assange, il giornalista che nel 2010 mise in forte imbarazzo governi, diplomazie, istituzioni e colossi divulgando oltre 251.000 documenti diplomatici statunitensi, molti dei quali segreti e confidenziali, è diventato il protagonista di un caso di spionaggio che questa volta vede lui stesso come protagonista. Rifugiato nel consolato londinese dell’Ecuador dal 2012, dopo essere scampato per un soffio alla richiesta di estradizione, sarebbe stato spiato di giorno di notte, documentando con video, audio e documenti i suoi incontri e perfino le sue visite mediche di controllo o i colloqui con i suoi legali. Una mole di materiale che – non è chiaro per quale motivo - sarebbe finita nelle mani di personaggi non meglio identificati che ora sarebbero pronti a vendere al miglior offerente ogni cosa, a meno di non ricevere un riscatto di 3 milioni di euro.

A renderlo noto è la giornalista islandese Kristinn Hrafnsson, attuale direttore di “WikiLeaks”, aggiungendo che sul caso è già al lavoro una squadra di investigatori dell’Onu. Una rivelazione che pare abbia gettato ancora più nello sconforto Assange, costretto a vivere da solo e dallo scorso anno zittito a forza su qualsiasi commento su fatti di politica internazionale, pena l’espulsione immediata. Dal consolato Una decisione voluta dal nuovo presidente ecuadoriano Lenin Moreno, che pare anche su pressione americana non ha mai digerito l’ospitalità ad Assange concessa dal suo predecessore, Rafael Correa. A ribadirlo, a chiare lettere, è stato l’ex console ecuadoriano a Londra, Fidel Narvarez: “Con il nuovo governo, l’Ecuador non protegge più Julian Assange: ormai il suo destino è solo nelle mani dell’opinione pubblica e della solidarietà”.

Si profila quindi un’espulsione per il fondatore di WikiLeaks, che sarebbe seguita dall’arresto da parte delle autorità inglesi e ad un braccio di ferro per l’estradizione negli Stati Uniti dove, secondo la legale di Assange, sarebbe pronto un mandato di arresto attualmente coperto da segreto.

Media
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Irina Salvina, direttrice di “Koza.Press” si è tolta la vita dandosi fuoco davanti alla sede del ministero degli interni, a Nizhnij Novgorod. Da mesi subiva pressioni e persecuzioni, denunciano i gruppi dissidenti
Alcol e tristezze a Westminster
Alcol e tristezze a Westminster
Un libro di prossima uscita, scritto dalla moglie di un ex parlamentare, svela la rabbiosa reazione del premier David Cameron alla sconfitta della Brexit. E ne ha anche per BoJo
Le ire di Trump contro una giornalista
Le ire di Trump contro una giornalista
Il presidente ha chiesto la testa di Jennifer Griffin, reporter di “Fox News”, colpevole di un’altra brutta figura dell’ex tycoon. Ma i colleghi la difendono
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Gli archivi on-line dove i ricercatori condividono i loro lavori esistono da anni, ma solo recentemente contengono ricerche mediche. E sarebbe opportuno che i media evitassero di diffondere questi studi come se fossero definitivi
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Il sito EUvsDisinfo sta raccogliendo informazioni inesatte relative al coronavirus. Dall’analisi di alcune ‘storie’ molto pro-Russia, appare evidente l’intenzione di attaccare sempre e comunque gli Stati Uniti
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Pechino ritira l’accredito stampa ai giornalisti del New York Times, del Wall Street Journal e del Washington Post. Le reazioni durissime dei media americani, che parlano di scelta irresponsabile in un momento così delicato
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Una carrellata di articoli e reportage che i maggiori media internazionali hanno dedicato in queste ore all’improvvisa impennata di casi nel nostro Paese
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il New York Times, uno dei colossi dell’informazione mondiale, ha concesso uno spazio fisso ad uno dei leader dei Talebani, un terrorista ricercato per atrocità su cui pendono taglie di milioni di dollari. Indignazione da tutto il mondo
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
La tragica fine dell’ex conduttrice di “Love Island” ha scatenato accuse durissime contro i tabloid inglesi, definiti spietati e cinici, ma anche contro l’industria dell’oltraggio tipica dei social
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
In una nota interna, un top manager di Facebook si dice convinto che la piattaforma potrebbe essere responsabile della rielezione del presidente Trump, così come ha fatto in quelle del 2016