La Cina vara l’esame per valutare i giornalisti

| In barba alla libertà di stampa, Pechino costringe 10mila operatori dell’informazione cinesi a sottoporsi ad un esame per valutarne la lealtà

+ Miei preferiti
Sono oltre 10mila, i giornalisti e gli editori cinesi di 14mila media che stanno per sottoporsi ad un esame voluto da Pechino per misurare il loro grado di lealtà al presidente Xi Jinping. L’esame, annunciato da mesi, si articola su cinque sezioni, due espressamente dedicate al pensiero politico del premier, una sul marxismo, una sulla storia del Paese. In palio c’è il rinnovo o il ritiro del tesserino per altri cinque anni, quando dovrà nuovamente dare prova della propria preparazione e delle fedeltà.

Ai rappresentanti dei media è stata dedicata “Xuexi Quiangguo” (letteralmente, “studio per rafforzare il Paese”), una app di preparazione all’esame redatta con la massima cura dal dipartimento per la propaganda del Partito Comunista, che presenta esempi di articoli, interviste e inchieste “allineate” a quello che Pechino si aspetta dai media. Per qualcuno, una sorta di “Libretto Rosso” di Mao in versione 2.0, per altri, l’ennesimo atto di un atteggiamento repressivo verso la libertà di stampa. Materia in cui la Cina, secondo la classifica di “Reporter senza frontiere”, è al 177esimo posto su 180 paesi: quest’anno, Google, Facebook e il New York Times sono inaccessibili per i cinesi.

Ovviamente, la app è in grado di monitorare in tempo reale i progressi di chi si esercita, fornendo una prima indicazioni alle commissioni di esame sui soggetti da tenere sotto sorveglianza. Per chi non supera l’esame al primo colpo c’è la possibilità di ripeterlo, ma è l’ultima change: al secondo fallimento, meglio cambiare mestiere.

Media
Alcol e tristezze a Westminster
Alcol e tristezze a Westminster
Un libro di prossima uscita, scritto dalla moglie di un ex parlamentare, svela la rabbiosa reazione del premier David Cameron alla sconfitta della Brexit. E ne ha anche per BoJo
Le ire di Trump contro una giornalista
Le ire di Trump contro una giornalista
Il presidente ha chiesto la testa di Jennifer Griffin, reporter di “Fox News”, colpevole di un’altra brutta figura dell’ex tycoon. Ma i colleghi la difendono
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Gli archivi on-line dove i ricercatori condividono i loro lavori esistono da anni, ma solo recentemente contengono ricerche mediche. E sarebbe opportuno che i media evitassero di diffondere questi studi come se fossero definitivi
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Il sito EUvsDisinfo sta raccogliendo informazioni inesatte relative al coronavirus. Dall’analisi di alcune ‘storie’ molto pro-Russia, appare evidente l’intenzione di attaccare sempre e comunque gli Stati Uniti
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Pechino ritira l’accredito stampa ai giornalisti del New York Times, del Wall Street Journal e del Washington Post. Le reazioni durissime dei media americani, che parlano di scelta irresponsabile in un momento così delicato
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Una carrellata di articoli e reportage che i maggiori media internazionali hanno dedicato in queste ore all’improvvisa impennata di casi nel nostro Paese
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il New York Times, uno dei colossi dell’informazione mondiale, ha concesso uno spazio fisso ad uno dei leader dei Talebani, un terrorista ricercato per atrocità su cui pendono taglie di milioni di dollari. Indignazione da tutto il mondo
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
La tragica fine dell’ex conduttrice di “Love Island” ha scatenato accuse durissime contro i tabloid inglesi, definiti spietati e cinici, ma anche contro l’industria dell’oltraggio tipica dei social
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
In una nota interna, un top manager di Facebook si dice convinto che la piattaforma potrebbe essere responsabile della rielezione del presidente Trump, così come ha fatto in quelle del 2016
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Per il 90% si tratta di omicidi che restano impuniti. La mappa dei luoghi più pericolosi per i professionisti dei media illustrati in un rapporto dell’Unesco