La Cina vara l’esame per valutare i giornalisti

| In barba alla libertà di stampa, Pechino costringe 10mila operatori dell’informazione cinesi a sottoporsi ad un esame per valutarne la lealtà

+ Miei preferiti
Sono oltre 10mila, i giornalisti e gli editori cinesi di 14mila media che stanno per sottoporsi ad un esame voluto da Pechino per misurare il loro grado di lealtà al presidente Xi Jinping. L’esame, annunciato da mesi, si articola su cinque sezioni, due espressamente dedicate al pensiero politico del premier, una sul marxismo, una sulla storia del Paese. In palio c’è il rinnovo o il ritiro del tesserino per altri cinque anni, quando dovrà nuovamente dare prova della propria preparazione e delle fedeltà.

Ai rappresentanti dei media è stata dedicata “Xuexi Quiangguo” (letteralmente, “studio per rafforzare il Paese”), una app di preparazione all’esame redatta con la massima cura dal dipartimento per la propaganda del Partito Comunista, che presenta esempi di articoli, interviste e inchieste “allineate” a quello che Pechino si aspetta dai media. Per qualcuno, una sorta di “Libretto Rosso” di Mao in versione 2.0, per altri, l’ennesimo atto di un atteggiamento repressivo verso la libertà di stampa. Materia in cui la Cina, secondo la classifica di “Reporter senza frontiere”, è al 177esimo posto su 180 paesi: quest’anno, Google, Facebook e il New York Times sono inaccessibili per i cinesi.

Ovviamente, la app è in grado di monitorare in tempo reale i progressi di chi si esercita, fornendo una prima indicazioni alle commissioni di esame sui soggetti da tenere sotto sorveglianza. Per chi non supera l’esame al primo colpo c’è la possibilità di ripeterlo, ma è l’ultima change: al secondo fallimento, meglio cambiare mestiere.

Media
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
La tragica fine dell’ex conduttrice di “Love Island” ha scatenato accuse durissime contro i tabloid inglesi, definiti spietati e cinici, ma anche contro l’industria dell’oltraggio tipica dei social
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
In una nota interna, un top manager di Facebook si dice convinto che la piattaforma potrebbe essere responsabile della rielezione del presidente Trump, così come ha fatto in quelle del 2016
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Per il 90% si tratta di omicidi che restano impuniti. La mappa dei luoghi più pericolosi per i professionisti dei media illustrati in un rapporto dell’Unesco
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Da lunedì, le copie del New York Times e del Washington Post non varcheranno più la soglia della White House. L’ennesimo capitolo nella guerra de, presidente con i media a lui ostili
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Una clamorosa forma di protesta per opporsi alle perquisizioni subite da giornalisti e redazioni, colpevoli di aver svelato episodi imbarazzanti per il governo
La faida dei De Benedetti per il Gruppo Gedi
La faida dei De Benedetti per il Gruppo Gedi
A tre anni dall’uscita di scena, l’ingegnere lancia una proposta per acquistare il 29,9% delle azioni del colosso editoriale. Sconcerto dei tre figli, che ritengono l’offerta “irricevibile”
L’addio polemico dell’Express
L’addio polemico dell’Express
L’ultimo numero del più popolare quotidiano free-press di Washington se la prende con una tecnologia che sta letteralmente cancellando un settore
Chiude Il Telegrafo
Chiude Il Telegrafo
Dopo un’ipotesi di rilancio mai concretizzata, è arrivata la decisione dell’editore di chiudere lo storico dorso livornese de La Nazione
Assange: per l’estradizione si decide a febbraio
Assange: per l’estradizione si decide a febbraio
Al termine udienza per raccogliere i documenti delle parti, il giudice inglese ha fissato per il 25 febbraio prossimo la prima di cinque udienze che decideranno le sorti del fondatore di WikiLeaks
Uccidi un giornalista, polemica per un gioco
Uccidi un giornalista, polemica per un gioco
La settima missione del videogame “Sniper 3D Assassin” consiste nell’eliminare un reporter. E in America si scatenano le proteste