La Cina vara l’esame per valutare i giornalisti

| In barba alla libertà di stampa, Pechino costringe 10mila operatori dell’informazione cinesi a sottoporsi ad un esame per valutarne la lealtà

+ Miei preferiti
Sono oltre 10mila, i giornalisti e gli editori cinesi di 14mila media che stanno per sottoporsi ad un esame voluto da Pechino per misurare il loro grado di lealtà al presidente Xi Jinping. L’esame, annunciato da mesi, si articola su cinque sezioni, due espressamente dedicate al pensiero politico del premier, una sul marxismo, una sulla storia del Paese. In palio c’è il rinnovo o il ritiro del tesserino per altri cinque anni, quando dovrà nuovamente dare prova della propria preparazione e delle fedeltà.

Ai rappresentanti dei media è stata dedicata “Xuexi Quiangguo” (letteralmente, “studio per rafforzare il Paese”), una app di preparazione all’esame redatta con la massima cura dal dipartimento per la propaganda del Partito Comunista, che presenta esempi di articoli, interviste e inchieste “allineate” a quello che Pechino si aspetta dai media. Per qualcuno, una sorta di “Libretto Rosso” di Mao in versione 2.0, per altri, l’ennesimo atto di un atteggiamento repressivo verso la libertà di stampa. Materia in cui la Cina, secondo la classifica di “Reporter senza frontiere”, è al 177esimo posto su 180 paesi: quest’anno, Google, Facebook e il New York Times sono inaccessibili per i cinesi.

Ovviamente, la app è in grado di monitorare in tempo reale i progressi di chi si esercita, fornendo una prima indicazioni alle commissioni di esame sui soggetti da tenere sotto sorveglianza. Per chi non supera l’esame al primo colpo c’è la possibilità di ripeterlo, ma è l’ultima change: al secondo fallimento, meglio cambiare mestiere.

Media
I francesi, un popolo di scrittori
I francesi, un popolo di scrittori
Sommerse da romanzi, pamphlet, biografie, storie e racconti, le case editrici transalpine chiudono i canali agli aspiranti scrittori. Un fenomeno collaterale al lockdown
Francia, le giornaliste sportive sul piede di guerra
Francia, le giornaliste sportive sul piede di guerra
Un documentario realizzato da una giornalista svela l’ambiente sessista, fatto di violenze e umiliazioni, a cui sono costrette le reporter sportive francesi. Diverse le denunce contro alcuni volti noti della televisione
Julian Assange non sarà estradato
Julian Assange non sarà estradato
Una vittoria per il fondatore di WikiLeaks: per il giudice dell’Old Bailey consegnarlo all’America equivaleva ad una condanna a morte
Il destino di Assange
Il destino di Assange
Mancano poche ore alla sentenza che deciderà l’estradizione o meno del fondatore di “WikiLeaks”. Numerose le richieste di grazie che arrivano da tutto il mondo
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Quattro anni di galera a Zhang Zhan, giornalista che per tre mesi aveva svelato quello che i media statali non mostravano. La pandemia usata come scusa da Pechino per reprimere le poche voci dissidenti interne
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
Per un problema tecnico, all’emittente francese “RFI” sono sfuggiti una serie di “coccodrilli” che la redazione tiene pronti in caso di scomparsa di personaggi celebri
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
Dopo essere finito sotto la lente delle autorità britanniche, il colosso mediatico del tycoon è accusato di essere una minaccia alla libertà di stampa
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
Non si era accorto che il collegamento “Zoom” con altri colleghi era ancora attivo, e si è masturbato sotto gli occhi attoniti degli altri ospiti. La CNN e il New Yorker, per cui lavorava, l’hanno sospeso
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Irina Salvina, direttrice di “Koza.Press” si è tolta la vita dandosi fuoco davanti alla sede del ministero degli interni, a Nizhnij Novgorod. Da mesi subiva pressioni e persecuzioni, denunciano i gruppi dissidenti
Alcol e tristezze a Westminster
Alcol e tristezze a Westminster
Un libro di prossima uscita, scritto dalla moglie di un ex parlamentare, svela la rabbiosa reazione del premier David Cameron alla sconfitta della Brexit. E ne ha anche per BoJo