La lenta agonia delle edicole

| Dalle 36mila degli anni Novanta alle 11mila dell'ultimo censimento: uno dei tanti mestieri quasi cancellati dalla spaventosa crisi dell’editoria

+ Miei preferiti
C’era un tempo, neanche tanti anni fa, in cui avere un’edicola faceva gola e non era affatto semplice: per quanto impegnativo, era una mestiere che garantiva uno stipendio dignitoso e una sorta di buonuscita finale che in base alle zone poteva sfiorare i 300mila euro. Tutto finito: un capitolo morto. Oggi, secondo dati aggiornati, ne chiudono due al giorno e quelle che restano sono in preda alla disperazione perché nessuno le vuole più. Chi cede la licenza per 5mila euro può ritenersi fortunato.

La colpa, anche se forse colpa non è, si collega alla spaventosa crisi della carta stampata, che ha drammaticamente perso la battaglia contro lo strapotere del web: veloce, tempestivo e in massima parte gratuito. Sono lontane le cifre record del 1992, quando i giornali in edicola segnano il massimo della loro esistenza: 6 milioni e ottocentomila copie vendute al giorno. Ma quello era l’anno di “Tangentopoli” e non c’era pubblicazione che non avesse in allegato libri, film in VHS, giochi a premi e gadget di qualsiasi tipo.

Ora mette perfino un po’ di tristezza, pensare al milione e ottocentomila copie fatto registrare lo scorso anno, forse il punto più basso della carta stampata. In nemmeno 26 anni, scrive “Repubblica”, i quotidiani hanno perso per strada 5 milioni di copie, una cifra sufficiente a falcidiare una dopo l’altra le testate con le spalle meno solide, ma anche a mettere a rischio i colossi dell’editoria, costretti a drastici tagli del personale e delle tirature. Un’emorragia continua e incessante che come un’onda anomala si è abbattuta con forza su tutto il settore, dai giornalisti ai poligrafici, dalle agenzie fotografiche alle edicole, appunto.

Il giro di boa e le prime avvisaglie della crisi iniziano nel 2001, quando l’Italia poteva vantare 36mila edicole, una ogni 1.500 abitanti: in 16 anni appena, nel 2017, ne erano rimaste 15.876, una ogni 4.000 persone. Oggi, neanche due anni dopo, secondo una stima della Federazione di categoria, le edicole presenti sul territorio italiano non superano le 11mila unità, e la discesa non è ancora finita. È vero, qualcuno ricorda che grazie alla liberalizzazione del decreto Bersani i giornali si vendono nei supermercati, negli autogrill e nei bar, ma tanto non è bastato a ridare fiato al comparto dell’editoria.

Media
La faida dei De Benedetti per il Gruppo Gedi
La faida dei De Benedetti per il Gruppo Gedi
A tre anni dall’uscita di scena, l’ingegnere lancia una proposta per acquistare il 29,9% delle azioni del colosso editoriale. Sconcerto dei tre figli, che ritengono l’offerta “irricevibile”
La Cina vara l’esame per valutare i giornalisti
La Cina vara l’esame per valutare i giornalisti
In barba alla libertà di stampa, Pechino costringe 10mila operatori dell’informazione cinesi a sottoporsi ad un esame per valutarne la lealtà
L’addio polemico dell’Express
L’addio polemico dell’Express
L’ultimo numero del più popolare quotidiano free-press di Washington se la prende con una tecnologia che sta letteralmente cancellando un settore
Chiude Il Telegrafo
Chiude Il Telegrafo
Dopo un’ipotesi di rilancio mai concretizzata, è arrivata la decisione dell’editore di chiudere lo storico dorso livornese de La Nazione
Assange: per l’estradizione si decide a febbraio
Assange: per l’estradizione si decide a febbraio
Al termine udienza per raccogliere i documenti delle parti, il giudice inglese ha fissato per il 25 febbraio prossimo la prima di cinque udienze che decideranno le sorti del fondatore di WikiLeaks
Uccidi un giornalista, polemica per un gioco
Uccidi un giornalista, polemica per un gioco
La settima missione del videogame “Sniper 3D Assassin” consiste nell’eliminare un reporter. E in America si scatenano le proteste
Addio a 'Grumpy Cat', star mondiale
Addio a
La "gatta imbronciata" aveva milioni di follower e 10 milioni di like sui social. La sua espressione per un raro caso di nanismo felino. Tra meme e post era famosa in ogni angolo del pianeta. Ricordata da tutto i media più importanti
Richiesta di rettifica
Richiesta di rettifica
Riceviamo e pubblichiamo integralmente una richiesta di rettifica della “Casaleggio Associati”
La Maglie contro Greta Thunberg
La Maglie contro Greta Thunberg
La giornalista gioca la carta dell’ironia in una trasmissione radiofonica, affermando che investirebbe volentieri l’attivista svedese. E si scatena il putiferio
'Toffa è morta', ma è una atroce fake
L'incredibile vicenda di un sito di "informazione" on line che s'è inventato di sana pianta la morte della conduttrice delle Iene. In poche ore ha raccolto migliaia di letture. Un finto servizio dove si esprime anche il "cordoglio"