«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore

| Per un problema tecnico, all’emittente francese “RFI” sono sfuggiti una serie di “coccodrilli” che la redazione tiene pronti in caso di scomparsa di personaggi celebri

+ Miei preferiti
Sul sito della “RFI” (Radio France Internationale), compare all’improvviso una notizia clamorosa: “L’Inghilterra dice addio alla sua regina: Elisabetta II ha lasciato il segno nell’immaginazione collettiva”. L’annuncio afferma che, “come vuole la tradizione, è dal Palazzo di St. James, a Londra, che un membro della Corte britannica ha annunciato la morte della regina Elisabetta II, figura storica della vita internazionale”.

Non esattamente una morte prematura, vista l’età, ma comunque una notizia destinata a fare il giro del mondo e soprattutto a commuovere milioni di persone, devoti ammiratori di una regina che ha saputo traghettare con piglio sicuro un Paese e una famiglia non sempre all’altezza del blasone. God save the Queen.

Ma la regina non era l’unica personalità ad essere scomparsa all’improvviso: insieme a lei erano passati a miglior vita il grande campione brasiliano Pelè, l’ex presidente americano Jimmy Carter, il leader cubano Raul Castro, l’attore e regista Clint Eastwood e la guida suprema iraniana Ali Khamenei. Una strage di celebrità.

Basta davvero poco perché la carneficina faccia il giro del pianeta, mentre dalla sede dell’emittente francese viene diffusa una “errata corrige”: “ci scusiamo, ma per un problema tecnico dovuto alla migrazione del sito della RFI verso un nuovo sistema di pubblicazione dei contenuti, sono stati erroneamente diffusi numerosi necrologi. Ci scusiamo anche con i diretti interessati, a cui auguriamo lunga vita”.

L’emittente viene travolta dalle polemiche, accusata di aver preparato in anticipo le notizie della morte di personaggi noti, ma la regola dei “coccodrilli” è prassi comune nelle redazioni giornalistiche di tutto il mondo. Ma ogni tanto, l’errore capita: nel 2014, la rivista “People” ha pubblicato l’annuncio della morte di Kirk Douglas. Il pezzo è stato rapidamente rimosso dal sito web, ma non prima che fosse stato letto e condiviso ampiamente.

La Reuters ha commesso un errore simile nel 2013, quando ha pubblicato un diffuso la notizia della morte del finanziere George Soros. L’agenzia di stampa inglese è stata veloce a rimuovere l’articolo, ma era ormai tardi: pochi minuti dopo, un portavoce di Soros ha assicurato che il finanziere newyorkese “è vivo, vegeto e gode di ottima salute”. Nel 2008, la “Bloomberg” aveva dedicato un articolo alla morte del fondatore di Apple Steve Jobs tre anni prima della sua vera scomparsa, nel 2011.

Media
Julian Assange non sarà estradato
Julian Assange non sarà estradato
Una vittoria per il fondatore di WikiLeaks: per il giudice dell’Old Bailey consegnarlo all’America equivaleva ad una condanna a morte
Il destino di Assange
Il destino di Assange
Mancano poche ore alla sentenza che deciderà l’estradizione o meno del fondatore di “WikiLeaks”. Numerose le richieste di grazie che arrivano da tutto il mondo
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Quattro anni di galera a Zhang Zhan, giornalista che per tre mesi aveva svelato quello che i media statali non mostravano. La pandemia usata come scusa da Pechino per reprimere le poche voci dissidenti interne
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
Dopo essere finito sotto la lente delle autorità britanniche, il colosso mediatico del tycoon è accusato di essere una minaccia alla libertà di stampa
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
Non si era accorto che il collegamento “Zoom” con altri colleghi era ancora attivo, e si è masturbato sotto gli occhi attoniti degli altri ospiti. La CNN e il New Yorker, per cui lavorava, l’hanno sospeso
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Irina Salvina, direttrice di “Koza.Press” si è tolta la vita dandosi fuoco davanti alla sede del ministero degli interni, a Nizhnij Novgorod. Da mesi subiva pressioni e persecuzioni, denunciano i gruppi dissidenti
Alcol e tristezze a Westminster
Alcol e tristezze a Westminster
Un libro di prossima uscita, scritto dalla moglie di un ex parlamentare, svela la rabbiosa reazione del premier David Cameron alla sconfitta della Brexit. E ne ha anche per BoJo
Le ire di Trump contro una giornalista
Le ire di Trump contro una giornalista
Il presidente ha chiesto la testa di Jennifer Griffin, reporter di “Fox News”, colpevole di un’altra brutta figura dell’ex tycoon. Ma i colleghi la difendono
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Gli archivi on-line dove i ricercatori condividono i loro lavori esistono da anni, ma solo recentemente contengono ricerche mediche. E sarebbe opportuno che i media evitassero di diffondere questi studi come se fossero definitivi
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Il sito EUvsDisinfo sta raccogliendo informazioni inesatte relative al coronavirus. Dall’analisi di alcune ‘storie’ molto pro-Russia, appare evidente l’intenzione di attaccare sempre e comunque gli Stati Uniti