L’addio polemico dell’Express

| L’ultimo numero del più popolare quotidiano free-press di Washington se la prende con una tecnologia che sta letteralmente cancellando un settore

+ Miei preferiti
Ironica, drammatica, rabbiosa: la copertina dell’ultimo numero di “Express”, quotidiano free-press distribuito nell’area metropolitana di Washington, è uno dei tanti gridi di dolore della carta stampata. Sul fondo nero solo 6 parole in bianco: “Hope you enjoy your stinkin’ phones”, più o meno “Godetevi i vostri fottuti telefoni”.

Nato il 4 agosto del 2003, l’Express veniva distribuito gratuitamente ogni giorno della settimana in formato tabloid nelle stazioni della metropolitana di Washington e nelle edicole. Di proprietà della “Washington Post Company”, che controlla anche il Washington Post e appartiene al “Nash Holding LLC” che a sua volta fa capo a Jeff Bezos, il guru di Amazon, nel 2012 aveva raggiunto una tiratura giornaliera di 180.000 copie, con un picco record nel 2017, quando era riuscito a conquistare il secondo posto per diffusione nel District of Columbia, alle spalle del Washington Post, con una quota media di 239.500 lettori ogni giorno. Un’ascesa che sembrava promettere un futuro felice, sottolineato da una redazione formata da 23 persone, contro i 13 dei primissimi anni.

Anche se rispondeva alla stessa proprietà del Washington Post, l’Express ha sempre avuto contenuti propri e tendenzialmente più “leggeri”, con sezioni come il gossip, i social media, il fitness, la salute, una guida tv e le storie più curiose, oltre a dedicare ampio spazio alle notizie locali e sportive. Nel gennaio 2017, l’Express era stato al centro di una polemica per aver pubblicato in copertina il simbolo maschile invece di quello femminile per un servizio dedicato alla marcia delle donne.

Ma adesso, dopo 16 anni di pubblicazioni interrotte, la storia dell’Express si ferma, piegata da una pubblicità che manca e dall’arrivo del wifi nella metropolitana di Washington, che consente a chi viaggia di fare a meno della carta stampa, leggendo le notizie sullo smartphone, il killer dei media.

Galleria fotografica
L’addio polemico dell’Express - immagine 1
Media
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Gli archivi on-line dove i ricercatori condividono i loro lavori esistono da anni, ma solo recentemente contengono ricerche mediche. E sarebbe opportuno che i media evitassero di diffondere questi studi come se fossero definitivi
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Il sito EUvsDisinfo sta raccogliendo informazioni inesatte relative al coronavirus. Dall’analisi di alcune ‘storie’ molto pro-Russia, appare evidente l’intenzione di attaccare sempre e comunque gli Stati Uniti
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Pechino ritira l’accredito stampa ai giornalisti del New York Times, del Wall Street Journal e del Washington Post. Le reazioni durissime dei media americani, che parlano di scelta irresponsabile in un momento così delicato
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Una carrellata di articoli e reportage che i maggiori media internazionali hanno dedicato in queste ore all’improvvisa impennata di casi nel nostro Paese
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il New York Times, uno dei colossi dell’informazione mondiale, ha concesso uno spazio fisso ad uno dei leader dei Talebani, un terrorista ricercato per atrocità su cui pendono taglie di milioni di dollari. Indignazione da tutto il mondo
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
La tragica fine dell’ex conduttrice di “Love Island” ha scatenato accuse durissime contro i tabloid inglesi, definiti spietati e cinici, ma anche contro l’industria dell’oltraggio tipica dei social
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
In una nota interna, un top manager di Facebook si dice convinto che la piattaforma potrebbe essere responsabile della rielezione del presidente Trump, così come ha fatto in quelle del 2016
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Per il 90% si tratta di omicidi che restano impuniti. La mappa dei luoghi più pericolosi per i professionisti dei media illustrati in un rapporto dell’Unesco
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Da lunedì, le copie del New York Times e del Washington Post non varcheranno più la soglia della White House. L’ennesimo capitolo nella guerra de, presidente con i media a lui ostili
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Una clamorosa forma di protesta per opporsi alle perquisizioni subite da giornalisti e redazioni, colpevoli di aver svelato episodi imbarazzanti per il governo