Le ire di Trump contro una giornalista

| Il presidente ha chiesto la testa di Jennifer Griffin, reporter di “Fox News”, colpevole di un’altra brutta figura dell’ex tycoon. Ma i colleghi la difendono

+ Miei preferiti
Nella sempiterna guerra fra Donald Trump e i media, da sempre accusati di spacciare fake, entra a piedi uniti la vicenda di Jennifer Griffin, giornalista di “Fox News” che ha scatenato le ire presidenziali. Sulle pagine del mensile “The Atlantic”, la Griffin avrebbe svelato la poca propensione di Trump a partecipare a funerali o commemorazioni di defunti, liquidando come “idioti, sfigati e perdenti” quelli che l’America onora come “eroi caduti in guerra”.

Una rivelazione che nell’animo patriottico degli americani più anziani può risultare pericolosa assai, a cui Trump aveva reagito a suo modo: prima bollando come fake la notizia, e subito dopo chiedendo il licenziamento della reporter. Ma i colleghi di “Fox News” si sono compattati per difendere Jennifer, definita una “giornalista eccezionale”. L’hanno scritto e ripetuto Bret Baier, il conduttore, seguito dalle migliori firme del canale, come Trey Yingst, Bryan Llenas e Rich Edson.

A far capire la delicatezza del caso l’intervento di Melania, in genere piuttosto riluttante a esporsi in prima persona: “La storia di The Atlantic non è vera: questo è attivismo, non giornalismo, e rappresenta un disservizio per la gente di questo paese”.

Ma è comunque un brutto colpo per Trump, soprattutto perché Fox News – canale televisivo fondato da Robert Murdoch - è uno dei pochissimi media politicamente allineati a Trump. La Griffin, 51 anni, nel frattempo ribadisce la bontà del suo scoop: “La notizia è vera, fondata e confermata da più fonti, o non l’avrei mai scritta”.

Media
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
Non si era accorto che il collegamento “Zoom” con altri colleghi era ancora attivo, e si è masturbato sotto gli occhi attoniti degli altri ospiti. La CNN e il New Yorker, per cui lavorava, l’hanno sospeso
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Irina Salvina, direttrice di “Koza.Press” si è tolta la vita dandosi fuoco davanti alla sede del ministero degli interni, a Nizhnij Novgorod. Da mesi subiva pressioni e persecuzioni, denunciano i gruppi dissidenti
Alcol e tristezze a Westminster
Alcol e tristezze a Westminster
Un libro di prossima uscita, scritto dalla moglie di un ex parlamentare, svela la rabbiosa reazione del premier David Cameron alla sconfitta della Brexit. E ne ha anche per BoJo
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Gli archivi on-line dove i ricercatori condividono i loro lavori esistono da anni, ma solo recentemente contengono ricerche mediche. E sarebbe opportuno che i media evitassero di diffondere questi studi come se fossero definitivi
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Il sito EUvsDisinfo sta raccogliendo informazioni inesatte relative al coronavirus. Dall’analisi di alcune ‘storie’ molto pro-Russia, appare evidente l’intenzione di attaccare sempre e comunque gli Stati Uniti
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Pechino ritira l’accredito stampa ai giornalisti del New York Times, del Wall Street Journal e del Washington Post. Le reazioni durissime dei media americani, che parlano di scelta irresponsabile in un momento così delicato
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Una carrellata di articoli e reportage che i maggiori media internazionali hanno dedicato in queste ore all’improvvisa impennata di casi nel nostro Paese
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il New York Times, uno dei colossi dell’informazione mondiale, ha concesso uno spazio fisso ad uno dei leader dei Talebani, un terrorista ricercato per atrocità su cui pendono taglie di milioni di dollari. Indignazione da tutto il mondo
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
La tragica fine dell’ex conduttrice di “Love Island” ha scatenato accuse durissime contro i tabloid inglesi, definiti spietati e cinici, ma anche contro l’industria dell’oltraggio tipica dei social
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
In una nota interna, un top manager di Facebook si dice convinto che la piattaforma potrebbe essere responsabile della rielezione del presidente Trump, così come ha fatto in quelle del 2016