Malta in piazza per Daphne

| Un corteo spontaneo ha voluto ricordare ad un anno di distanza la morte della reporter investigativa. L’inchiesta langue senza che sia stato individuato alcun mandante, ma la posizione del premier è stata archiviata

+ Miei preferiti
Sono scesi in piazza in migliaia, ad un anno esatto dall’omicidio di Daphne Caruana Galizia, la coraggiosa reporter maltese che indagava sul malaffare imperante nei palazzi del governo. In cinquemila, secondo le stime, sono coloro che hanno voluto rispondere a “Occupy Justice”, l’appello lanciato via social per chiedere verità e giustizia su una morte che resta senza colpevoli e per tenere alta la pressione sul governo di Muscat. Ai microfoni del palco allestito in quello che è diventato il memoriale spontaneo in ricordo della giornalista si alternano in tanti, le voci di coloro che come Daphne lottano per allontanare il senso di vergogna internazionale dalla piccola isola del Mediterraneo.

Daphne Caruana Galizia, 53 anni, saltava in aria un anno fa, il 16 ottobre 2017, mentre sulla sua auto raggiungeva casa: indagava sui “Malta Files”, costola degli scottanti “Panama Papers”, l’inchiesta sui paradisi fiscali del 2016. Daphne lavorava per svelare un intreccio di infiltrazioni mafiose, riciclaggio e corruzione radicato a tutte le sfere governative, dalla polizia ai ministri, compresa la moglie del presidente Muscat, accusata di guidare una società offshore con sede a Panama.

Ma ad un anno di distanza non c’è una pista investigativa e in carcere si trovano solo i tre presunti sicari, i fratelli Alfred e George De Giorgio e Vince Muscat, arrestati lo scorso dicembre e da allora rinchiusi in carcere. Nessuna traccia dei mandanti, ma in compenso la posizione del premier è stata archiviata in tempi record.

A dare un quadro sconfortante della situazione di Malta era stato Andrew, uno dei figli di Dahpne Galizia: “Dopo la morte di mia madre la situazione è perfino peggiorata. Il suo lavoro ha svelato una stratificazione della corruzione ad alto livello, e questo si è tradotto in misure contro giornalisti, accademici e chiunque si sia pronunciato verso il malaffare diffuso”.

Nei giorni scorsi, quattro ong che si battono per la tutela della libertà di stampa hanno incontrato il presidente Muscat per esprimere preoccupazione e chiedere l’avvio di un’inchiesta indipendente. Il premier ha annunciato l’apertura di un procedimento pubblico.

Galleria fotografica
Malta in piazza per Daphne - immagine 1
Malta in piazza per Daphne - immagine 2
Malta in piazza per Daphne - immagine 3
Malta in piazza per Daphne - immagine 4
Malta in piazza per Daphne - immagine 5
Malta in piazza per Daphne - immagine 6
Media
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Gli archivi on-line dove i ricercatori condividono i loro lavori esistono da anni, ma solo recentemente contengono ricerche mediche. E sarebbe opportuno che i media evitassero di diffondere questi studi come se fossero definitivi
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Il sito EUvsDisinfo sta raccogliendo informazioni inesatte relative al coronavirus. Dall’analisi di alcune ‘storie’ molto pro-Russia, appare evidente l’intenzione di attaccare sempre e comunque gli Stati Uniti
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Pechino ritira l’accredito stampa ai giornalisti del New York Times, del Wall Street Journal e del Washington Post. Le reazioni durissime dei media americani, che parlano di scelta irresponsabile in un momento così delicato
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Una carrellata di articoli e reportage che i maggiori media internazionali hanno dedicato in queste ore all’improvvisa impennata di casi nel nostro Paese
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il New York Times, uno dei colossi dell’informazione mondiale, ha concesso uno spazio fisso ad uno dei leader dei Talebani, un terrorista ricercato per atrocità su cui pendono taglie di milioni di dollari. Indignazione da tutto il mondo
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
La tragica fine dell’ex conduttrice di “Love Island” ha scatenato accuse durissime contro i tabloid inglesi, definiti spietati e cinici, ma anche contro l’industria dell’oltraggio tipica dei social
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
In una nota interna, un top manager di Facebook si dice convinto che la piattaforma potrebbe essere responsabile della rielezione del presidente Trump, così come ha fatto in quelle del 2016
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Per il 90% si tratta di omicidi che restano impuniti. La mappa dei luoghi più pericolosi per i professionisti dei media illustrati in un rapporto dell’Unesco
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Da lunedì, le copie del New York Times e del Washington Post non varcheranno più la soglia della White House. L’ennesimo capitolo nella guerra de, presidente con i media a lui ostili
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Una clamorosa forma di protesta per opporsi alle perquisizioni subite da giornalisti e redazioni, colpevoli di aver svelato episodi imbarazzanti per il governo