Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni

| Per il 90% si tratta di omicidi che restano impuniti. La mappa dei luoghi più pericolosi per i professionisti dei media illustrati in un rapporto dell’Unesco

+ Miei preferiti
1.109 giornalisti uccisi fra il 2006 ed il 2018: il 55% di loro si trovavano fuori da scenari di guerra, in paesi dove all’apparenza regnano la pace, la democrazia e la libertà di stampa, e nel 90% dai casi il loro omicidio è tutt’ora impunito. Sono i dati inquietanti forniti da un rapporto dell’Unesco pubblicato nel giorno della quinta edizione della Giornata internazionale che pretende la fine dell’impunità per i crimini contro i giornalisti.

“Quando i giornalisti sono presi di mira, la società paga il prezzo - ha dichiarato il Segretario Generale dell’Onu, Antonio Guterres – e se non riusciamo a proteggerli, sarà estremamente difficile per noi rimanere informati e contribuire al processo decisionale. Se i giornalisti non riescono a fare il loro lavoro in sicurezza, il mondo di domani sarà segnato da confusione e disinformazione. Senza libertà d’espressione e media liberi sarà impossibile far progredire la democrazia e raggiungere gli obiettivi di sviluppo che ci siamo preposti”.

“Non c’è democrazia senza la libertà di stampa – ha commentato su Twitter David Sassoli, presidente del Parlamento Europeo – rendiamo omaggio a Daphne Caruana Galizia, Jan Kuciak e tutti coloro che in tutto il mondo hanno perso la vita o hanno subito attacchi per aver svolto il loro lavoro”.

Il rapporto evidenzia i luoghi dove la professione è più pericolosa: gli Stati Arabi, l’America Latina, i Caraibi e l’Asia, e la maggioranza dei giornalisti uccisi sono professionisti che si occupavano di politica, criminalità e corruzione. Voci scomode da mettere al silenzio, ad ogni costo.

Il rapporto registra comunque un calo degli omicidi nei primi mesi di quest’anno rispetto ai dati del 2018: 44 uccisioni al 30 ottobre, contro i 90 dello scorso anno.

Ma a preoccupare è anche un atteggiamento generale di ostilità verso i giornalisti, sempre di più oggetto di minacce, percosse e attentati alla loro sicurezza. Ma la missione di raccontare la verità deve fare i conti anche con querele, arresti, divieto di accesso alle informazioni, mancanza di indagini e procedimenti penali. E ben peggio, ha concluso Gutierrres, sono gli attacchi contro le giornaliste donne: “Più esposte alla violenza, all’odio razziale, alle minacce e alle aggressioni sessuali”.

Media
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Gli archivi on-line dove i ricercatori condividono i loro lavori esistono da anni, ma solo recentemente contengono ricerche mediche. E sarebbe opportuno che i media evitassero di diffondere questi studi come se fossero definitivi
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Il sito EUvsDisinfo sta raccogliendo informazioni inesatte relative al coronavirus. Dall’analisi di alcune ‘storie’ molto pro-Russia, appare evidente l’intenzione di attaccare sempre e comunque gli Stati Uniti
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Pechino ritira l’accredito stampa ai giornalisti del New York Times, del Wall Street Journal e del Washington Post. Le reazioni durissime dei media americani, che parlano di scelta irresponsabile in un momento così delicato
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Una carrellata di articoli e reportage che i maggiori media internazionali hanno dedicato in queste ore all’improvvisa impennata di casi nel nostro Paese
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il New York Times, uno dei colossi dell’informazione mondiale, ha concesso uno spazio fisso ad uno dei leader dei Talebani, un terrorista ricercato per atrocità su cui pendono taglie di milioni di dollari. Indignazione da tutto il mondo
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
La tragica fine dell’ex conduttrice di “Love Island” ha scatenato accuse durissime contro i tabloid inglesi, definiti spietati e cinici, ma anche contro l’industria dell’oltraggio tipica dei social
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
In una nota interna, un top manager di Facebook si dice convinto che la piattaforma potrebbe essere responsabile della rielezione del presidente Trump, così come ha fatto in quelle del 2016
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Da lunedì, le copie del New York Times e del Washington Post non varcheranno più la soglia della White House. L’ennesimo capitolo nella guerra de, presidente con i media a lui ostili
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Una clamorosa forma di protesta per opporsi alle perquisizioni subite da giornalisti e redazioni, colpevoli di aver svelato episodi imbarazzanti per il governo
La faida dei De Benedetti per il Gruppo Gedi
La faida dei De Benedetti per il Gruppo Gedi
A tre anni dall’uscita di scena, l’ingegnere lancia una proposta per acquistare il 29,9% delle azioni del colosso editoriale. Sconcerto dei tre figli, che ritengono l’offerta “irricevibile”