Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni

| Per il 90% si tratta di omicidi che restano impuniti. La mappa dei luoghi più pericolosi per i professionisti dei media illustrati in un rapporto dell’Unesco

+ Miei preferiti
1.109 giornalisti uccisi fra il 2006 ed il 2018: il 55% di loro si trovavano fuori da scenari di guerra, in paesi dove all’apparenza regnano la pace, la democrazia e la libertà di stampa, e nel 90% dai casi il loro omicidio è tutt’ora impunito. Sono i dati inquietanti forniti da un rapporto dell’Unesco pubblicato nel giorno della quinta edizione della Giornata internazionale che pretende la fine dell’impunità per i crimini contro i giornalisti.

“Quando i giornalisti sono presi di mira, la società paga il prezzo - ha dichiarato il Segretario Generale dell’Onu, Antonio Guterres – e se non riusciamo a proteggerli, sarà estremamente difficile per noi rimanere informati e contribuire al processo decisionale. Se i giornalisti non riescono a fare il loro lavoro in sicurezza, il mondo di domani sarà segnato da confusione e disinformazione. Senza libertà d’espressione e media liberi sarà impossibile far progredire la democrazia e raggiungere gli obiettivi di sviluppo che ci siamo preposti”.

“Non c’è democrazia senza la libertà di stampa – ha commentato su Twitter David Sassoli, presidente del Parlamento Europeo – rendiamo omaggio a Daphne Caruana Galizia, Jan Kuciak e tutti coloro che in tutto il mondo hanno perso la vita o hanno subito attacchi per aver svolto il loro lavoro”.

Il rapporto evidenzia i luoghi dove la professione è più pericolosa: gli Stati Arabi, l’America Latina, i Caraibi e l’Asia, e la maggioranza dei giornalisti uccisi sono professionisti che si occupavano di politica, criminalità e corruzione. Voci scomode da mettere al silenzio, ad ogni costo.

Il rapporto registra comunque un calo degli omicidi nei primi mesi di quest’anno rispetto ai dati del 2018: 44 uccisioni al 30 ottobre, contro i 90 dello scorso anno.

Ma a preoccupare è anche un atteggiamento generale di ostilità verso i giornalisti, sempre di più oggetto di minacce, percosse e attentati alla loro sicurezza. Ma la missione di raccontare la verità deve fare i conti anche con querele, arresti, divieto di accesso alle informazioni, mancanza di indagini e procedimenti penali. E ben peggio, ha concluso Gutierrres, sono gli attacchi contro le giornaliste donne: “Più esposte alla violenza, all’odio razziale, alle minacce e alle aggressioni sessuali”.

Media
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Da lunedì, le copie del New York Times e del Washington Post non varcheranno più la soglia della White House. L’ennesimo capitolo nella guerra de, presidente con i media a lui ostili
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Una clamorosa forma di protesta per opporsi alle perquisizioni subite da giornalisti e redazioni, colpevoli di aver svelato episodi imbarazzanti per il governo
La faida dei De Benedetti per il Gruppo Gedi
La faida dei De Benedetti per il Gruppo Gedi
A tre anni dall’uscita di scena, l’ingegnere lancia una proposta per acquistare il 29,9% delle azioni del colosso editoriale. Sconcerto dei tre figli, che ritengono l’offerta “irricevibile”
La Cina vara l’esame per valutare i giornalisti
La Cina vara l’esame per valutare i giornalisti
In barba alla libertà di stampa, Pechino costringe 10mila operatori dell’informazione cinesi a sottoporsi ad un esame per valutarne la lealtà
L’addio polemico dell’Express
L’addio polemico dell’Express
L’ultimo numero del più popolare quotidiano free-press di Washington se la prende con una tecnologia che sta letteralmente cancellando un settore
Chiude Il Telegrafo
Chiude Il Telegrafo
Dopo un’ipotesi di rilancio mai concretizzata, è arrivata la decisione dell’editore di chiudere lo storico dorso livornese de La Nazione
Assange: per l’estradizione si decide a febbraio
Assange: per l’estradizione si decide a febbraio
Al termine udienza per raccogliere i documenti delle parti, il giudice inglese ha fissato per il 25 febbraio prossimo la prima di cinque udienze che decideranno le sorti del fondatore di WikiLeaks
Uccidi un giornalista, polemica per un gioco
Uccidi un giornalista, polemica per un gioco
La settima missione del videogame “Sniper 3D Assassin” consiste nell’eliminare un reporter. E in America si scatenano le proteste
Addio a 'Grumpy Cat', star mondiale
Addio a
La "gatta imbronciata" aveva milioni di follower e 10 milioni di like sui social. La sua espressione per un raro caso di nanismo felino. Tra meme e post era famosa in ogni angolo del pianeta. Ricordata da tutto i media più importanti
La lenta agonia delle edicole
La lenta agonia delle edicole
Dalle 36mila degli anni Novanta alle 11mila dell'ultimo censimento: uno dei tanti mestieri quasi cancellati dalla spaventosa crisi dell’editoria