Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca

| Da lunedì, le copie del New York Times e del Washington Post non varcheranno più la soglia della White House. L’ennesimo capitolo nella guerra de, presidente con i media a lui ostili

+ Miei preferiti
Nella consueta e ormai leggendaria sobrietà di una presidenza che non ammette critiche e rimbrotti, neanche da parte della stampa non allineata, Donald Trump ha preso un’altra decisione destinata a passare alla storia. è il primo presidente degli Stati Uniti d’America a vietare l’ingresso all’interno della Casa Bianca delle copie del “New York Times” e il “Washington Post”, due quotidiani che da sempre non gli risparmiano critiche aspre. La celebre “mazzetta” che come da prassi raggiunge le scrivanie degli uffici della White House, da lunedì dovrà privarsi di due fra i maggiori quotidiani americani, accusati di essere macchine del fango, “nemici del popolo americano” capaci soltanto di diffondere fake news. La decisione è stata annunciata da Stephanie Grisham, portavoce del presidente: “Non abbiamo rinnovato gli abbonamenti, si tratta di un risparmio notevole per le tasche dei contribuenti”.

Polemico il commento di Jonathan Karl, presidente dell’associazione dei corrispondenti dalla Casa Bianca: “Sono convinto che i giornalisti del New York Times e del Washington Post continueranno a fare giornalismo di qualità senza preoccuparsi se il presidente li legga”.

Per tutta risposta, il NYT ha lanciato una nuova bomba all’indirizzo di Trump, che avrebbe ordinato al procuratore John H. Durham di cambiare da amministrativa a penale l’inchiesta sul “Russiagate” voluta dal ministro della giustizia William Barr. Per il quotidiano newyorkese, “la prova che Trump sta usando il dipartimento di giustizia contro quelli che considera i suoi nemici”. Durham sta passando al setaccio le dichiarazioni su funzionari dell’intelligence coinvolti nell’inchiesta del superprocuratore Robert Mueller.

Media
Alcol e tristezze a Westminster
Alcol e tristezze a Westminster
Un libro di prossima uscita, scritto dalla moglie di un ex parlamentare, svela la rabbiosa reazione del premier David Cameron alla sconfitta della Brexit. E ne ha anche per BoJo
Le ire di Trump contro una giornalista
Le ire di Trump contro una giornalista
Il presidente ha chiesto la testa di Jennifer Griffin, reporter di “Fox News”, colpevole di un’altra brutta figura dell’ex tycoon. Ma i colleghi la difendono
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Gli archivi on-line dove i ricercatori condividono i loro lavori esistono da anni, ma solo recentemente contengono ricerche mediche. E sarebbe opportuno che i media evitassero di diffondere questi studi come se fossero definitivi
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Il sito EUvsDisinfo sta raccogliendo informazioni inesatte relative al coronavirus. Dall’analisi di alcune ‘storie’ molto pro-Russia, appare evidente l’intenzione di attaccare sempre e comunque gli Stati Uniti
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Pechino ritira l’accredito stampa ai giornalisti del New York Times, del Wall Street Journal e del Washington Post. Le reazioni durissime dei media americani, che parlano di scelta irresponsabile in un momento così delicato
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Una carrellata di articoli e reportage che i maggiori media internazionali hanno dedicato in queste ore all’improvvisa impennata di casi nel nostro Paese
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il New York Times, uno dei colossi dell’informazione mondiale, ha concesso uno spazio fisso ad uno dei leader dei Talebani, un terrorista ricercato per atrocità su cui pendono taglie di milioni di dollari. Indignazione da tutto il mondo
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
La tragica fine dell’ex conduttrice di “Love Island” ha scatenato accuse durissime contro i tabloid inglesi, definiti spietati e cinici, ma anche contro l’industria dell’oltraggio tipica dei social
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
In una nota interna, un top manager di Facebook si dice convinto che la piattaforma potrebbe essere responsabile della rielezione del presidente Trump, così come ha fatto in quelle del 2016
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Per il 90% si tratta di omicidi che restano impuniti. La mappa dei luoghi più pericolosi per i professionisti dei media illustrati in un rapporto dell’Unesco