Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca

| Da lunedì, le copie del New York Times e del Washington Post non varcheranno più la soglia della White House. L’ennesimo capitolo nella guerra de, presidente con i media a lui ostili

+ Miei preferiti
Nella consueta e ormai leggendaria sobrietà di una presidenza che non ammette critiche e rimbrotti, neanche da parte della stampa non allineata, Donald Trump ha preso un’altra decisione destinata a passare alla storia. è il primo presidente degli Stati Uniti d’America a vietare l’ingresso all’interno della Casa Bianca delle copie del “New York Times” e il “Washington Post”, due quotidiani che da sempre non gli risparmiano critiche aspre. La celebre “mazzetta” che come da prassi raggiunge le scrivanie degli uffici della White House, da lunedì dovrà privarsi di due fra i maggiori quotidiani americani, accusati di essere macchine del fango, “nemici del popolo americano” capaci soltanto di diffondere fake news. La decisione è stata annunciata da Stephanie Grisham, portavoce del presidente: “Non abbiamo rinnovato gli abbonamenti, si tratta di un risparmio notevole per le tasche dei contribuenti”.

Polemico il commento di Jonathan Karl, presidente dell’associazione dei corrispondenti dalla Casa Bianca: “Sono convinto che i giornalisti del New York Times e del Washington Post continueranno a fare giornalismo di qualità senza preoccuparsi se il presidente li legga”.

Per tutta risposta, il NYT ha lanciato una nuova bomba all’indirizzo di Trump, che avrebbe ordinato al procuratore John H. Durham di cambiare da amministrativa a penale l’inchiesta sul “Russiagate” voluta dal ministro della giustizia William Barr. Per il quotidiano newyorkese, “la prova che Trump sta usando il dipartimento di giustizia contro quelli che considera i suoi nemici”. Durham sta passando al setaccio le dichiarazioni su funzionari dell’intelligence coinvolti nell’inchiesta del superprocuratore Robert Mueller.

Media
A Darnella Frazier uno speciale premio del “Pulitzer”
A Darnella Frazier uno speciale premio del “Pulitzer”
L’organizzazione del più celebre premio giornalistico del mondo ha deciso di assegnare uno speciale riconoscimento all’adolescente che ha filmato la morte di George Floyd
I francesi, un popolo di scrittori
I francesi, un popolo di scrittori
Sommerse da romanzi, pamphlet, biografie, storie e racconti, le case editrici transalpine chiudono i canali agli aspiranti scrittori. Un fenomeno collaterale al lockdown
Francia, le giornaliste sportive sul piede di guerra
Francia, le giornaliste sportive sul piede di guerra
Un documentario realizzato da una giornalista svela l’ambiente sessista, fatto di violenze e umiliazioni, a cui sono costrette le reporter sportive francesi. Diverse le denunce contro alcuni volti noti della televisione
Julian Assange non sarà estradato
Julian Assange non sarà estradato
Una vittoria per il fondatore di WikiLeaks: per il giudice dell’Old Bailey consegnarlo all’America equivaleva ad una condanna a morte
Il destino di Assange
Il destino di Assange
Mancano poche ore alla sentenza che deciderà l’estradizione o meno del fondatore di “WikiLeaks”. Numerose le richieste di grazie che arrivano da tutto il mondo
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Condannata la reporter che aveva raccontato l’agonia di Wuhan
Quattro anni di galera a Zhang Zhan, giornalista che per tre mesi aveva svelato quello che i media statali non mostravano. La pandemia usata come scusa da Pechino per reprimere le poche voci dissidenti interne
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
«La regina è morta», una radio francese pubblica la notizia per errore
Per un problema tecnico, all’emittente francese “RFI” sono sfuggiti una serie di “coccodrilli” che la redazione tiene pronti in caso di scomparsa di personaggi celebri
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
L’Australia chiede un’indagine sull’impero di Murdoch
Dopo essere finito sotto la lente delle autorità britanniche, il colosso mediatico del tycoon è accusato di essere una minaccia alla libertà di stampa
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
La mano colpevole di Jeffrey Toobin
Non si era accorto che il collegamento “Zoom” con altri colleghi era ancora attivo, e si è masturbato sotto gli occhi attoniti degli altri ospiti. La CNN e il New Yorker, per cui lavorava, l’hanno sospeso
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Giornalista si dà fuoco in Russia: «Incolpate il Cremlino»
Irina Salvina, direttrice di “Koza.Press” si è tolta la vita dandosi fuoco davanti alla sede del ministero degli interni, a Nizhnij Novgorod. Da mesi subiva pressioni e persecuzioni, denunciano i gruppi dissidenti