Uccidi un giornalista, polemica per un gioco

| La settima missione del videogame “Sniper 3D Assassin” consiste nell’eliminare un reporter. E in America si scatenano le proteste

+ Miei preferiti
È stato Jamal Jordan, un giornalista del “New York Times”, ad accorgersi che qualcosa non andava guardando il nipote impegnato in un videogame sul suo smartphone. La settima missione di “Sniper 3D Assassin”, gioco disponibile anche in Italia sulle piattaforme Android, iOS e Windows in cui si interpreta il ruolo di un cecchino che deve compiere diverse missioni per eliminare obiettivi prefissati, parla chiaro: “Kill a journalist”, uccidi un giornalista.

La storia è stata immediatamente ripresa dal “Washington Post” e da altri media, compreso “HuffPost America” che ha contatto direttamente gli sviluppatori brasiliani dello studio “TGF Co.” chiedendo spiegazioni. La risposta del publisher non si è fatta attendere: “Il gioco è riservato ad un pubblico adulto, ma viste le reazioni, il livello sarà presto rimosso”. Ma la polemica in America infuria, specie perché la categoria dei giornalisti ha più volte denunciato di sentirsi in pericolo dopo gli attacchi del presidente Trump nel 2017, che ha definito la stampa “nemici del popolo”.



L’episodio incriminato si intitola “Breaking News”, e il giornalista da eliminare, spiega la scheda, ha corrotto un agente di polizia per farsi consegnare dei documenti sensibili in una valigetta 24 ore. L’invito è: “Rendilo famoso in un altro modo”.

“Sniper 3D Assassin” è un gioco nato nel 2014, scaricato in 10milioni di download in tutto il mondo rendendolo uno dei giochi più seguiti sull’App Store.

Galleria fotografica
Uccidi un giornalista, polemica per un gioco - immagine 1
Media
Assange: per l’estradizione si decide a febbraio
Assange: per l’estradizione si decide a febbraio
Al termine udienza per raccogliere i documenti delle parti, il giudice inglese ha fissato per il 25 febbraio prossimo la prima di cinque udienze che decideranno le sorti del fondatore di WikiLeaks
Addio a 'Grumpy Cat', star mondiale
Addio a
La "gatta imbronciata" aveva milioni di follower e 10 milioni di like sui social. La sua espressione per un raro caso di nanismo felino. Tra meme e post era famosa in ogni angolo del pianeta. Ricordata da tutto i media più importanti
La lenta agonia delle edicole
La lenta agonia delle edicole
Dalle 36mila degli anni Novanta alle 11mila dell'ultimo censimento: uno dei tanti mestieri quasi cancellati dalla spaventosa crisi dell’editoria
Richiesta di rettifica
Richiesta di rettifica
Riceviamo e pubblichiamo integralmente una richiesta di rettifica della “Casaleggio Associati”
La Maglie contro Greta Thunberg
La Maglie contro Greta Thunberg
La giornalista gioca la carta dell’ironia in una trasmissione radiofonica, affermando che investirebbe volentieri l’attivista svedese. E si scatena il putiferio
'Toffa è morta', ma è una atroce fake
L'incredibile vicenda di un sito di "informazione" on line che s'è inventato di sana pianta la morte della conduttrice delle Iene. In poche ore ha raccolto migliaia di letture. Un finto servizio dove si esprime anche il "cordoglio"
Julian Assange, accusato di verità
Julian Assange, accusato di verità
Un giornalista australiano ha incontrato il fondatore di WikiLeaks nei piccoli spazi che gli sono concessi nell’ambasciata dell’Ecuador. E svela perché tanti lo vorrebbero morto
Crisi Mondadori Periodici, altri 35 esuberi
Crisi Mondadori Periodici, altri 35 esuberi
Una bara per denunciare i tagli delle redazioni, con 35 esuberi già annunciati. L'impegno dell'Associazione Lombarda dei giornalisti per denunciare la "grave situazione"
La rivincita del Democrat Reporter
La rivincita del Democrat Reporter
Cacciato il direttore pro Ku Klux Klan, il quotidiano dell’Alabama nomina al suo posto una donna e per di più di colore. Plauso bipartisan
Emilio, che da grande volevi fare il giornalista
Emilio, che da grande volevi fare il giornalista
Stroncato da un malore un cronista di razza de La Stampa. Emilio Randacio, 50 anni fra un mese, iniziò la professione a Savona, ancora liceale. Poi una carriera tra Avvenire, Repubblica e La Stampa