Vincenzo Mollica, l'ultimo balconcino

| La Rai gli ha comunicato che il 27 gennaio del prossimo anno sarà in pensione. Ma malgrado i problemi di salute che lo affliggono, il leggendario giornalista del TG1 continua ad avere una gran sete di vita

+ Miei preferiti
Sul leggendario balconcino dell’Ariston, pochi minuti prima del Festival, gli tremano le mani. Non è l’emozione: di edizioni, conduttori e ospiti nella sua carriera, Vincenzo Mollica ne ha visti passare tanti, per trent’anni. Il tremore è la malattia, il Parkinson, quella bestia che quando arriva non lascia in pace il corpo e piano piano se lo prende tutto. Mollica lo sa, sa anche che in televisione si vede, ma non gli importa: non c’è nulla da nascondere nell’essere umanamente fragili.

Il vero eroe di questa edizione di Sanremo per tanti è proprio lui, immancabile su quel piccolo balconcino come nelle interviste che rimbalzano sui canali Rai, sempre così gentile e cortese da essersi meritato una sua forma di linguaggio giornalistico, il “mollichismo”. Così l’aveva definito il critico Aldo Grasso rimproverandogli in modo bonario l’abitudine di parlare sempre bene di chi si trova di fronte. Vincenzo ha abbozzato una difesa, ma ancora una volta senza replicare: “Cerco solo il lato migliore delle persone ed evito di avvicinare chi non mi piace”. Così semplice da sembrare banale: se lo facesse il mondo intero forse vivremmo meglio.

Ma a Mollica vogliono bene tutti, artisti e colleghi, e non è poco nel mondo che bazzica da decenni, tutt’altro che semplice e affollato da gente con l’animo poco pio. E ancora di più gliene vogliono in questi giorni, quando si intuisce l’enorme sforzo di voler essere ancora in prima fila, per non darla vinta a quel bastardo.

“Non ho solo il Parkinson - ha raccontato - sono quasi cieco e ho il diabete: sono un abile orchestratore di medicinali, ma per fortuna non so cosa sia la depressione”. Ma di mollare, non se ne parla: “Ogni giorno mia moglie Rosa mi porta qui alle 9 e viene a prendermi alle 19. La Rai me l’ha già detto: resterò in servizio fino al 27 gennaio del 2020”. Probabilmente, quello di quest’anno è l’ultimo balconcino di Vincenzo.

Ai microfoni di Fabio Fazio, Mollica aveva raccontato del glaucoma che gli ha tolto quel poco di vista che gli aveva lasciato il destino: “Avevo sette anni quando i miei mi portarono da un oculista che dopo avermi diagnosticato un’uveite disse ‘diventerà cieco’. Da allora ho deciso di guardare tutto quel potevo per memorizzarlo prima che arrivasse il buio”.

Nato gennaio del 1953 a Formigne, nel modenese, ma cresciuto in Calabria, Vincenzo Mollica entra in Rai nel 1980 facendosi notare per la grande preparazione sui fumetti, una delle sue passioni più forti. Diventa l’inviato di punta di manifestazioni come la notte degli Oscar, il Festival di Venezia, quello di Cannes e il Festival di Sanremo. Nel 1995, arriva una delle maggiori soddisfazioni della sua carriera: sul numero 2074 di “Topolino” esce la storia “Paperino Oscar del centenario” in cui compare Vincenzo Paperica, la sua perfetta trasposizione a fumetti, disegnata dal grande Andrea Pazienza. “Ho già pronto l’epitaffio per la mia tomba: “Qui giace Vincenzo Paperica, che nella vita fu Mollica”. 

Galleria fotografica
Vincenzo Mollica, lultimo balconcino - immagine 1
Vincenzo Mollica, lultimo balconcino - immagine 2
Vincenzo Mollica, lultimo balconcino - immagine 3
Media
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Il rischio dei “preprint” nell’era di COVID-19
Gli archivi on-line dove i ricercatori condividono i loro lavori esistono da anni, ma solo recentemente contengono ricerche mediche. E sarebbe opportuno che i media evitassero di diffondere questi studi come se fossero definitivi
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Arriva Baba Yaga, e il virus se ne va
Il sito EUvsDisinfo sta raccogliendo informazioni inesatte relative al coronavirus. Dall’analisi di alcune ‘storie’ molto pro-Russia, appare evidente l’intenzione di attaccare sempre e comunque gli Stati Uniti
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Tensioni USA – Cina: raffica di giornalisti espulsi
Pechino ritira l’accredito stampa ai giornalisti del New York Times, del Wall Street Journal e del Washington Post. Le reazioni durissime dei media americani, che parlano di scelta irresponsabile in un momento così delicato
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Coronavirus, il caso Italia: i commenti dall’estero
Una carrellata di articoli e reportage che i maggiori media internazionali hanno dedicato in queste ore all’improvvisa impennata di casi nel nostro Paese
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il NYT nella bufera per una nuova rubrica inquietante
Il New York Times, uno dei colossi dell’informazione mondiale, ha concesso uno spazio fisso ad uno dei leader dei Talebani, un terrorista ricercato per atrocità su cui pendono taglie di milioni di dollari. Indignazione da tutto il mondo
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
Suicidio Flack: il Regno Unito dilaniato dalle polemiche
La tragica fine dell’ex conduttrice di “Love Island” ha scatenato accuse durissime contro i tabloid inglesi, definiti spietati e cinici, ma anche contro l’industria dell’oltraggio tipica dei social
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
Abbiamo fatto eleggere Trump, e potrebbe accadere di nuovo
In una nota interna, un top manager di Facebook si dice convinto che la piattaforma potrebbe essere responsabile della rielezione del presidente Trump, così come ha fatto in quelle del 2016
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Più di 1000 giornalisti uccisi in 10 anni
Per il 90% si tratta di omicidi che restano impuniti. La mappa dei luoghi più pericolosi per i professionisti dei media illustrati in un rapporto dell’Unesco
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Trump vieta i quotidiani nemici alla Casa Bianca
Da lunedì, le copie del New York Times e del Washington Post non varcheranno più la soglia della White House. L’ennesimo capitolo nella guerra de, presidente con i media a lui ostili
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Australia: le prime pagine dei quotidiani censurate
Una clamorosa forma di protesta per opporsi alle perquisizioni subite da giornalisti e redazioni, colpevoli di aver svelato episodi imbarazzanti per il governo