Vincenzo Mollica, l'ultimo balconcino

| La Rai gli ha comunicato che il 27 gennaio del prossimo anno sarà in pensione. Ma malgrado i problemi di salute che lo affliggono, il leggendario giornalista del TG1 continua ad avere una gran sete di vita

+ Miei preferiti
Sul leggendario balconcino dell’Ariston, pochi minuti prima del Festival, gli tremano le mani. Non è l’emozione: di edizioni, conduttori e ospiti nella sua carriera, Vincenzo Mollica ne ha visti passare tanti, per trent’anni. Il tremore è la malattia, il Parkinson, quella bestia che quando arriva non lascia in pace il corpo e piano piano se lo prende tutto. Mollica lo sa, sa anche che in televisione si vede, ma non gli importa: non c’è nulla da nascondere nell’essere umanamente fragili.

Il vero eroe di questa edizione di Sanremo per tanti è proprio lui, immancabile su quel piccolo balconcino come nelle interviste che rimbalzano sui canali Rai, sempre così gentile e cortese da essersi meritato una sua forma di linguaggio giornalistico, il “mollichismo”. Così l’aveva definito il critico Aldo Grasso rimproverandogli in modo bonario l’abitudine di parlare sempre bene di chi si trova di fronte. Vincenzo ha abbozzato una difesa, ma ancora una volta senza replicare: “Cerco solo il lato migliore delle persone ed evito di avvicinare chi non mi piace”. Così semplice da sembrare banale: se lo facesse il mondo intero forse vivremmo meglio.

Ma a Mollica vogliono bene tutti, artisti e colleghi, e non è poco nel mondo che bazzica da decenni, tutt’altro che semplice e affollato da gente con l’animo poco pio. E ancora di più gliene vogliono in questi giorni, quando si intuisce l’enorme sforzo di voler essere ancora in prima fila, per non darla vinta a quel bastardo.

“Non ho solo il Parkinson - ha raccontato - sono quasi cieco e ho il diabete: sono un abile orchestratore di medicinali, ma per fortuna non so cosa sia la depressione”. Ma di mollare, non se ne parla: “Ogni giorno mia moglie Rosa mi porta qui alle 9 e viene a prendermi alle 19. La Rai me l’ha già detto: resterò in servizio fino al 27 gennaio del 2020”. Probabilmente, quello di quest’anno è l’ultimo balconcino di Vincenzo.

Ai microfoni di Fabio Fazio, Mollica aveva raccontato del glaucoma che gli ha tolto quel poco di vista che gli aveva lasciato il destino: “Avevo sette anni quando i miei mi portarono da un oculista che dopo avermi diagnosticato un’uveite disse ‘diventerà cieco’. Da allora ho deciso di guardare tutto quel potevo per memorizzarlo prima che arrivasse il buio”.

Nato gennaio del 1953 a Formigne, nel modenese, ma cresciuto in Calabria, Vincenzo Mollica entra in Rai nel 1980 facendosi notare per la grande preparazione sui fumetti, una delle sue passioni più forti. Diventa l’inviato di punta di manifestazioni come la notte degli Oscar, il Festival di Venezia, quello di Cannes e il Festival di Sanremo. Nel 1995, arriva una delle maggiori soddisfazioni della sua carriera: sul numero 2074 di “Topolino” esce la storia “Paperino Oscar del centenario” in cui compare Vincenzo Paperica, la sua perfetta trasposizione a fumetti, disegnata dal grande Andrea Pazienza. “Ho già pronto l’epitaffio per la mia tomba: “Qui giace Vincenzo Paperica, che nella vita fu Mollica”. 

Galleria fotografica
Vincenzo Mollica, lultimo balconcino - immagine 1
Vincenzo Mollica, lultimo balconcino - immagine 2
Vincenzo Mollica, lultimo balconcino - immagine 3
Media
Chiude Il Telegrafo
Chiude Il Telegrafo
Dopo un’ipotesi di rilancio mai concretizzata, è arrivata la decisione dell’editore di chiudere lo storico dorso livornese de La Nazione
Assange: per l’estradizione si decide a febbraio
Assange: per l’estradizione si decide a febbraio
Al termine udienza per raccogliere i documenti delle parti, il giudice inglese ha fissato per il 25 febbraio prossimo la prima di cinque udienze che decideranno le sorti del fondatore di WikiLeaks
Uccidi un giornalista, polemica per un gioco
Uccidi un giornalista, polemica per un gioco
La settima missione del videogame “Sniper 3D Assassin” consiste nell’eliminare un reporter. E in America si scatenano le proteste
Addio a 'Grumpy Cat', star mondiale
Addio a
La "gatta imbronciata" aveva milioni di follower e 10 milioni di like sui social. La sua espressione per un raro caso di nanismo felino. Tra meme e post era famosa in ogni angolo del pianeta. Ricordata da tutto i media più importanti
La lenta agonia delle edicole
La lenta agonia delle edicole
Dalle 36mila degli anni Novanta alle 11mila dell'ultimo censimento: uno dei tanti mestieri quasi cancellati dalla spaventosa crisi dell’editoria
Richiesta di rettifica
Richiesta di rettifica
Riceviamo e pubblichiamo integralmente una richiesta di rettifica della “Casaleggio Associati”
La Maglie contro Greta Thunberg
La Maglie contro Greta Thunberg
La giornalista gioca la carta dell’ironia in una trasmissione radiofonica, affermando che investirebbe volentieri l’attivista svedese. E si scatena il putiferio
'Toffa è morta', ma è una atroce fake
L'incredibile vicenda di un sito di "informazione" on line che s'è inventato di sana pianta la morte della conduttrice delle Iene. In poche ore ha raccolto migliaia di letture. Un finto servizio dove si esprime anche il "cordoglio"
Julian Assange, accusato di verità
Julian Assange, accusato di verità
Un giornalista australiano ha incontrato il fondatore di WikiLeaks nei piccoli spazi che gli sono concessi nell’ambasciata dell’Ecuador. E svela perché tanti lo vorrebbero morto
Crisi Mondadori Periodici, altri 35 esuberi
Crisi Mondadori Periodici, altri 35 esuberi
Una bara per denunciare i tagli delle redazioni, con 35 esuberi già annunciati. L'impegno dell'Associazione Lombarda dei giornalisti per denunciare la "grave situazione"