80 milioni di dollari per la testa di Trump

| È l’agghiacciante minaccia partita dalla folla che sfilava per le strade dell’Iran durante i funerali del generale Solimani. Il mondo in ansia per il timore di una nuova guerra

+ Miei preferiti
Lo chiamano “il pazzo dai capelli gialli” e per migliaia di iraniani scesi in strada è Donald Trump il primo a dover pagare per la morte del generale Qasem Soleimani. Il resto del mondo assiste con apprensione all’inasprirsi di parole e minacce, perché l’assassinio del secondo uomo più potente dell’Iran si sta trasformando in un’escalation di tensione tra i due Paesi, con il timore diffuso che le cose possano degenerare in un conflitto di portata mondiale.

Un video pubblicato dal sito di notizie iraniano Akharinkhabar mostra le immagini della folla che marcia per protestare contro l’omicidio del generale, li guida una voce maschile attraverso un microfono: “A nome di tutto il popolo iraniano, degli 80 milioni di iraniani: se ognuno di noi mette da parte 1 dollaro, possiamo raggiungere gli 80 milioni di dollari. E siamo pronti a dare questa montagna di soldi come ricompensa a chiunque sia in grado di portarci la testa di chi ha ordinato l’assassinio del generale Soleimani. Chiunque ci consegnerà la testa del pazzo dai capelli gialli riceverà come ricompensa 80 milioni di dollari a nome della grande nazione iraniana”. Dalla folla si leva un ruggito di approvazione.

È solo un esempio delle minacce di una probabile rappresaglia iraniana, con sempre più esponenti politici che giurano pubblicamente di voler sferrare un attacco violento al governo degli Stati Uniti. Poche ore dopo che Teheran ha annunciato il ritiro dagli impegni antinucleari, il deputato Hardline Abolfazl Abutorabi ha avvertito che l’esercito iraniano dispone delle tecnologie per attaccare il suolo americano: “Possiamo arrivare alla Casa Bianca, possiamo rispondere sulla loro terra. Abbiamo il potere e, se Dio vorrà, risponderemo al momento opportuno. Questa è una dichiarazione di guerra: chi esita ha perso”.

Medio Oriente
Autobomba a Mogadiscio: 90 morti
Autobomba a Mogadiscio: 90 morti
Il bilancio non ancora definitivo parla di una vera e propria strage. L’attentatore suicida entrato in azione in una zona molto trafficata della città somala
Cinque condanne a morte per Khashoggi
Cinque condanne a morte per Khashoggi
Altre tre persone condannate e 24 anni di reclusione: assolti per insufficienza di prove il braccio del principe ereditario MbS
“Abbiamo tradito i curdi”
“Abbiamo tradito i curdi”
Il malcontento fra le truppe americane per la politica di Trump: “Ci vergogniamo delle decisioni di Washington: non possiamo abbandonare il popolo curdo in questa situazione. È un tradimento”
Lo scandalo del premier e la modella
Lo scandalo del premier e la modella
L’attuale primo ministro libanese Hariri incastrato dalle dichiarazioni della sua amante, una modella sudafricana che avrebbe foraggiato abbondantemente con fiumi di denaro. I libanesi sul piede di guerra
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Un anno fa, il giornalista saudita del Washington Post svaniva nel nulla. Inchieste, accuse, sospetti e prove non hanno portato a nulla. Per le grandi potenze mondiali, probabilmente il caso è chiuso
Le mezze confessioni di MbS
Le mezze confessioni di MbS
Il principe saudita Mohammed bin Salman si assume la responsabilità della morte di Jamal Khashoggi. E annuncia anche importanti riforme come l’apertura al turismo internazionale
Egitto, il dissenso torna in piazza
Egitto, il dissenso torna in piazza
Per la prima volta massicce proteste contro il governo di Al Sisi che reagisce con una forte repressioni, decine di fermi. Ancora tensione in pizza Tahir, simbolo della rivolta
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Gantz si candida premier alla guida di una colazione con l'estrema destra e i partiti liberali. L'uscente Netanyahu ha chiesto invano un incontro. Marinone, CESI: "Maggioranza quasi impossibile ma ex premier sconfitto"
Arabia Saudita, 134 condanne a morte
Arabia Saudita, 134 condanne a morte
È il numero delle esecuzioni capitali di quest’anno, probabilmente destinato superare di gran lunga gli anni passati. La denuncia delle organizzazioni umanitarie, che accusano il mondo di assistere in silenzio
Edipemia di infarti in casa Morsi: morto a 25 anni anche il figlio
Edipemia di infarti in casa Morsi: morto a 25 anni anche il figlio
S'è sentito male in auto, inutili i soccorsi. Secondo alcuni media "soffriva da tempo di problemi di salute". Figlio minore dell'ex presidente morto di infarto in Tribunale, era il più critico contro l'attuale governo. I dubbi restano