“Abbiamo tradito i curdi”

| Il malcontento fra le truppe americane per la politica di Trump: “Ci vergogniamo delle decisioni di Washington: non possiamo abbandonare il popolo curdo in questa situazione. È un tradimento”

+ Miei preferiti
Ci sono i politici che prendono le decisioni, e i soldati che le vivono sulla pelle: sta succedendo in una delle zone più martoriate del mondo, dove la presenza delle truppe americane faceva da cuscinetto alla furia del presidente turco Erdogan verso il popolo curdo. Ma l’America ha smobilitato le truppe, dando via libera ad un massacro che si sta consumando sotto gli occhi del mondo, ancora indeciso sul da farsi.

Sul campo restano militari e funzionari della difesa statunitensi, che hanno obbedito agli ordini lasciando un senso di rabbia e frustrazione per il rifiuto dell’amministrazione Trump di sostenere i curdi siriani di fronte all’assalto militare turco. Gli inviati della CNN non possono fare a meno di riportare le lamentele dell’esercito statunitense, sgomento di fronte ad una gestione dell’emergenza scriteriata.

Sanno bene, i militari americani, che sono i curdi ad aver fatto il lavoro sporco, aiutando il mondo a debellare la minaccia degli tagliagole dell’Isis.

“Le Forze Democratiche siriane guidate dai curdi stanno combattendo una forza che vuole eliminare il loro popolo: e noi abbiamo dato il semaforo verde al massacro”, è il commento di un funzionario della difesa statunitense. Anche un altro ufficiale coinvolto nelle operazioni in Siria non ha esitato a dire che si “vergogna per le azioni del suo paese”.

Lo stesso malcontento che serpeggia negli Stati Uniti, dove perfino i Repubblicani hanno commentato duramente la decisione di Trump, bollata come un tradimento: un errore strategico che indebolirà la credibilità americana e renderà più difficile per gli Stati Uniti costruire alleanze, dando in più una spinta alla Russia e all’Iran.

La Turchia ha lanciato un’incursione a lungo minacciata dopo che Trump ha ordinato il ritiro di un piccolo contingente di truppe americane dalla zona di confine, nella convinzione che un assalto turco fosse imminente. Accuse che i funzionari dell’amministrazione Trump hanno respinto, sostenendo che la Turchia avrebbe attaccato i curdi anche se le truppe statunitensi fossero rimaste.

L’amministrazione Trump ha cercato tardivamente di fermare l’avanzata turca annunciando una serie di sanzioni contro i ministri della Difesa, dell’Energia e dell’Interno: il vicepresidente Mike Pence ha anche rivelato che Trump ha parlato sia con il presidente turco Erdogan che con il leader curdo delle forze democratiche siriane, il generale Mazloum Kobani Abdi, aggiungendo di aver “ricevuto un fermo impegno” da parte di Erdogan a non attaccare la città curda siriana di Kobane.

Pence ha aggiunto che gli Stati Uniti stanno lavorando per stabilire un cessate il fuoco tra le fazioni in guerra, tuttavia, con l’ordine di ritirare tutte le truppe statunitensi dall’area, gli Stati Uniti avranno difficoltà a monitorare l’applicazione di un cessate il fuoco, e non è chiaro neanche quale leva potranno usare gli Stati Uniti.

Una parte della frustrazione del personale americano si basa sul fatto che, per placare la Turchia, gli Stati Uniti hanno convinto i curdi siriani a smantellare le loro fortificazioni difensive lungo il confine e a ritirare i loro combattenti. Le alte sfere livello dell’amministrazione Trump insistono: gli Stati Uniti non hanno abbandonato i curdi siriani, anche se aggiungono che non interverranno.

Non è questo il sentimento che circolare nelle file dei soldati americani: “Vorremmo offrire un sostegno: non vogliamo lasciarli in questa situazione”.

Medio Oriente
Omicidio Khashoggi, concluso il «processo farsa»
Omicidio Khashoggi, concluso il «processo farsa»
Il tribunale di Riad condanna gli otto imputati ad una pena massima di 20 anni di carcere. Ma per l’Onu e la fidanzata del reporter ucciso, i mandanti sono ancora a piede libero
80 milioni di dollari per la testa di Trump
80 milioni di dollari per la testa di Trump
È l’agghiacciante minaccia partita dalla folla che sfilava per le strade dell’Iran durante i funerali del generale Solimani. Il mondo in ansia per il timore di una nuova guerra
Autobomba a Mogadiscio: 90 morti
Autobomba a Mogadiscio: 90 morti
Il bilancio non ancora definitivo parla di una vera e propria strage. L’attentatore suicida entrato in azione in una zona molto trafficata della città somala
Cinque condanne a morte per Khashoggi
Cinque condanne a morte per Khashoggi
Altre tre persone condannate e 24 anni di reclusione: assolti per insufficienza di prove il braccio del principe ereditario MbS
Lo scandalo del premier e la modella
Lo scandalo del premier e la modella
L’attuale primo ministro libanese Hariri incastrato dalle dichiarazioni della sua amante, una modella sudafricana che avrebbe foraggiato abbondantemente con fiumi di denaro. I libanesi sul piede di guerra
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Un anno fa, il giornalista saudita del Washington Post svaniva nel nulla. Inchieste, accuse, sospetti e prove non hanno portato a nulla. Per le grandi potenze mondiali, probabilmente il caso è chiuso
Le mezze confessioni di MbS
Le mezze confessioni di MbS
Il principe saudita Mohammed bin Salman si assume la responsabilità della morte di Jamal Khashoggi. E annuncia anche importanti riforme come l’apertura al turismo internazionale
Egitto, il dissenso torna in piazza
Egitto, il dissenso torna in piazza
Per la prima volta massicce proteste contro il governo di Al Sisi che reagisce con una forte repressioni, decine di fermi. Ancora tensione in pizza Tahir, simbolo della rivolta
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Gantz si candida premier alla guida di una colazione con l'estrema destra e i partiti liberali. L'uscente Netanyahu ha chiesto invano un incontro. Marinone, CESI: "Maggioranza quasi impossibile ma ex premier sconfitto"
Arabia Saudita, 134 condanne a morte
Arabia Saudita, 134 condanne a morte
È il numero delle esecuzioni capitali di quest’anno, probabilmente destinato superare di gran lunga gli anni passati. La denuncia delle organizzazioni umanitarie, che accusano il mondo di assistere in silenzio