Arabia Saudita, 134 condanne a morte

| È il numero delle esecuzioni capitali di quest’anno, probabilmente destinato superare di gran lunga gli anni passati. La denuncia delle organizzazioni umanitarie, che accusano il mondo di assistere in silenzio

+ Miei preferiti
La “sharia”, la legge di Dio che regola quelle degli uomini, prevede la pena di morte per omicidio, stupro, rapina, stregoneria, adulterio, traffico di droga, sodomia, omosessualità, sabotaggio e apostasia. I condannati muoiono per crocifissione, lapidazione o decapitazione, il metodo più applicato.

Un macabro rituale che, secondo un rapporto dell’organizzazione umanitaria “Human Rights” presentate al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite riunito a Ginevra, in Arabia Saudita si è ripetuto per 148 volte nel 2018, ma che quest’anno sta vivendo una preoccupante impennata: 134 esecuzioni e altri tre mesi prima della fine dell’anno che non promettono nulla di buono per i 46 condannati alla pena capitale attualmente chiusi nelle galere saudite. Se fossero eseguite tutte si toccherebbe la cifra record di 180 esecuzioni.

Tutto questo malgrado la vana promessa di MbS, il principe Mohammed bin Salman, di dimostrarsi più clemente. Nulla di tutto questo secondo la denuncia di Human Rights, che parla di numerosi casi di condannati appena 18enni, diversi dei quali crocifissi e orribilmente mutilati sulla pubblica piazza, perché sia da monito a tutti. Il rapporto cita i casi di Abdulkareem al-Hawaj eMujtaba al-Sweikat, di 16 e 17 anni, arrestati perché partecipanti a proteste di piazza e decapitati dopo aver subito pesanti torture fino a farli confessare reati mai commessi.

A preoccupare, prosegue l’organizzazione umanitaria, non è solo la continua violazione dei diritti umani, ma anche il silenzio complice delle grandi potenze mondiali, succubi del petrolio saudita e in affari con la famiglia reale.

Medio Oriente
Omicidio Khashoggi, concluso il «processo farsa»
Omicidio Khashoggi, concluso il «processo farsa»
Il tribunale di Riad condanna gli otto imputati ad una pena massima di 20 anni di carcere. Ma per l’Onu e la fidanzata del reporter ucciso, i mandanti sono ancora a piede libero
80 milioni di dollari per la testa di Trump
80 milioni di dollari per la testa di Trump
È l’agghiacciante minaccia partita dalla folla che sfilava per le strade dell’Iran durante i funerali del generale Solimani. Il mondo in ansia per il timore di una nuova guerra
Autobomba a Mogadiscio: 90 morti
Autobomba a Mogadiscio: 90 morti
Il bilancio non ancora definitivo parla di una vera e propria strage. L’attentatore suicida entrato in azione in una zona molto trafficata della città somala
Cinque condanne a morte per Khashoggi
Cinque condanne a morte per Khashoggi
Altre tre persone condannate e 24 anni di reclusione: assolti per insufficienza di prove il braccio del principe ereditario MbS
“Abbiamo tradito i curdi”
“Abbiamo tradito i curdi”
Il malcontento fra le truppe americane per la politica di Trump: “Ci vergogniamo delle decisioni di Washington: non possiamo abbandonare il popolo curdo in questa situazione. È un tradimento”
Lo scandalo del premier e la modella
Lo scandalo del premier e la modella
L’attuale primo ministro libanese Hariri incastrato dalle dichiarazioni della sua amante, una modella sudafricana che avrebbe foraggiato abbondantemente con fiumi di denaro. I libanesi sul piede di guerra
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Un anno fa, il giornalista saudita del Washington Post svaniva nel nulla. Inchieste, accuse, sospetti e prove non hanno portato a nulla. Per le grandi potenze mondiali, probabilmente il caso è chiuso
Le mezze confessioni di MbS
Le mezze confessioni di MbS
Il principe saudita Mohammed bin Salman si assume la responsabilità della morte di Jamal Khashoggi. E annuncia anche importanti riforme come l’apertura al turismo internazionale
Egitto, il dissenso torna in piazza
Egitto, il dissenso torna in piazza
Per la prima volta massicce proteste contro il governo di Al Sisi che reagisce con una forte repressioni, decine di fermi. Ancora tensione in pizza Tahir, simbolo della rivolta
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Gantz si candida premier alla guida di una colazione con l'estrema destra e i partiti liberali. L'uscente Netanyahu ha chiesto invano un incontro. Marinone, CESI: "Maggioranza quasi impossibile ma ex premier sconfitto"