Attacco USA in Iran: ad un passo dalla guerra

| Uccise 7 persone fra cui il generale Soleimani e Al-Muhandis, capo delle PMU irachene. Teheran promette vendetta, il Pentagono risponde: “È un avvertimento: difenderemo i nostri interessi”

+ Miei preferiti
È notte fonda quando il presidente Trump in persona autorizza l’attacco: due missili probabilmente sganciati da droni centrano in pieno un convoglio delle PMU, le forze di mobilitazione popolari irachene, uccidendo sette persone: cinque alti esponenti nel movimento e due iraniani. Uno dei morti è Abu Mahdi Al-Muhandis, il capo delle PMU, che lo scorso 30 dicembre ha ordinato l’attacco all’ambasciata americana, l’altro il generale Qassem Soleimani, 62 anni, al comando delle leggendarie guardie rivoluzionarie irachene e punto di riferimento per gli ayatollah, da molti considerato la futura guida del Paese.

Due morti eccellenti, che alzano fino al livello di guardia la tensione fra Iran e Stati Uniti, minacciando anche gli stretti equilibri dell’intero Medio Oriente: attraverso le parole della guida Al Khamenei, Teheran assicura che “Il lavoro e il cammino del generale Soleimani non si fermeranno e una dura vendetta attende i criminali”. Dal Pentagono spiegano che il generale “stava mettendo a punto attacchi contro diplomatici americani e personale in servizio in Iraq: erano responsabili della morte di centinaia di americani. Il raid è un deterrente per futuri di attacco dell’Iran. Gli Stati Uniti continueranno a prendere tutte le azioni necessarie per tutelare la nostra gente e i nostri interessi nel mondo”.

Medio Oriente
80 milioni di dollari per la testa di Trump
80 milioni di dollari per la testa di Trump
È l’agghiacciante minaccia partita dalla folla che sfilava per le strade dell’Iran durante i funerali del generale Solimani. Il mondo in ansia per il timore di una nuova guerra
Autobomba a Mogadiscio: 90 morti
Autobomba a Mogadiscio: 90 morti
Il bilancio non ancora definitivo parla di una vera e propria strage. L’attentatore suicida entrato in azione in una zona molto trafficata della città somala
Cinque condanne a morte per Khashoggi
Cinque condanne a morte per Khashoggi
Altre tre persone condannate e 24 anni di reclusione: assolti per insufficienza di prove il braccio del principe ereditario MbS
“Abbiamo tradito i curdi”
“Abbiamo tradito i curdi”
Il malcontento fra le truppe americane per la politica di Trump: “Ci vergogniamo delle decisioni di Washington: non possiamo abbandonare il popolo curdo in questa situazione. È un tradimento”
Lo scandalo del premier e la modella
Lo scandalo del premier e la modella
L’attuale primo ministro libanese Hariri incastrato dalle dichiarazioni della sua amante, una modella sudafricana che avrebbe foraggiato abbondantemente con fiumi di denaro. I libanesi sul piede di guerra
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Un anno fa, il giornalista saudita del Washington Post svaniva nel nulla. Inchieste, accuse, sospetti e prove non hanno portato a nulla. Per le grandi potenze mondiali, probabilmente il caso è chiuso
Le mezze confessioni di MbS
Le mezze confessioni di MbS
Il principe saudita Mohammed bin Salman si assume la responsabilità della morte di Jamal Khashoggi. E annuncia anche importanti riforme come l’apertura al turismo internazionale
Egitto, il dissenso torna in piazza
Egitto, il dissenso torna in piazza
Per la prima volta massicce proteste contro il governo di Al Sisi che reagisce con una forte repressioni, decine di fermi. Ancora tensione in pizza Tahir, simbolo della rivolta
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Gantz si candida premier alla guida di una colazione con l'estrema destra e i partiti liberali. L'uscente Netanyahu ha chiesto invano un incontro. Marinone, CESI: "Maggioranza quasi impossibile ma ex premier sconfitto"
Arabia Saudita, 134 condanne a morte
Arabia Saudita, 134 condanne a morte
È il numero delle esecuzioni capitali di quest’anno, probabilmente destinato superare di gran lunga gli anni passati. La denuncia delle organizzazioni umanitarie, che accusano il mondo di assistere in silenzio