Deputate USA musulmane, Israele nega il visto

| Volevano visitare la Palestina e i territori occupati. Il governo israeliano: "non consentiremo mai a chi vuole cancellare il nostro Paese l'ingresso oltre il confine"

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien
Israele nega il visto d'ingresso a Ilhan Omar e Rashida Tlaib, le  deputate del Congresso Usa cmuslmane che appoggiano i palestinesi e che appoggiano la campagna del boicottaggio dei prodotti israeliani anche negli USA. Avevano intenzione di recarsi in Israele e nei territori della Palestina per visitarli. I visti erano in fase di arrivo quando la stampa ha iniziato a diffondere la notizia secondo cui lo stato di Israele avrebbe negato loro l'accesso nel territorio. Prima delle fonti ufficiali il presidente Donald Trump aveva commentato la notizia attraverso il suo profilo Twitter.
"Sarebbe stato un segno di grande debolezza", le parole di Trump "Se Israele avesse consentito loro la visita. Loro odiano questo stato e tutti gli ebrei. Non c'è niente che si possa dire o fare per far cambiare la loro idea". La risposta ufficiale israeliana non si è fatta attendere, è stata la vice ministra degli Esteri a commentare dicendo che: "Non consentiremo l'ingresso a chi nega il nostro diritto di esistere nel mondo". Le due deputate infatti sostengono il movimento Bbs che da sempre cerca di boicottare lo Stato ebraico a causa del trattamento che lo stesso ha riservato ai palestinesi, si legge su Repubblica. Lo stesso presidente Netanyahu, secondo il Jerusalem Post, aveva invocato una riunione generale con i vari ministeri per decidere il da farsi e soprattutto per valutare la decisione di farle entrare o meno in virtù delle nuove leggi israeliane emanate nel 2017 che vietano l'ingresso sul territorio a chiunque sostenga la suddetta campagna.
Omar è nata in Somalia ed è stata eletta deputata nel Michigan, mentre Tlaib è figlia di palestinesi ed è stata eletta in Minnesota. Da sempre entrambe contestano il trattamento che lo stato ebraico sta riservando ai palestinesi e da sempre si battono per far riottenere ciò che secondo loro è stato tolto ai musulmani. L'ambasciatore israeliano a Washington aveva dichiarato, nel momento in cui il loro tour era stato annunciato, che: "A nessun ambasciatore Usa sarà negato il diritto all'accesso nel mio paese", anche se avesse sostenuto il Bbs.
Medio Oriente
Omicidio Khashoggi, concluso il «processo farsa»
Omicidio Khashoggi, concluso il «processo farsa»
Il tribunale di Riad condanna gli otto imputati ad una pena massima di 20 anni di carcere. Ma per l’Onu e la fidanzata del reporter ucciso, i mandanti sono ancora a piede libero
80 milioni di dollari per la testa di Trump
80 milioni di dollari per la testa di Trump
È l’agghiacciante minaccia partita dalla folla che sfilava per le strade dell’Iran durante i funerali del generale Solimani. Il mondo in ansia per il timore di una nuova guerra
Autobomba a Mogadiscio: 90 morti
Autobomba a Mogadiscio: 90 morti
Il bilancio non ancora definitivo parla di una vera e propria strage. L’attentatore suicida entrato in azione in una zona molto trafficata della città somala
Cinque condanne a morte per Khashoggi
Cinque condanne a morte per Khashoggi
Altre tre persone condannate e 24 anni di reclusione: assolti per insufficienza di prove il braccio del principe ereditario MbS
“Abbiamo tradito i curdi”
“Abbiamo tradito i curdi”
Il malcontento fra le truppe americane per la politica di Trump: “Ci vergogniamo delle decisioni di Washington: non possiamo abbandonare il popolo curdo in questa situazione. È un tradimento”
Lo scandalo del premier e la modella
Lo scandalo del premier e la modella
L’attuale primo ministro libanese Hariri incastrato dalle dichiarazioni della sua amante, una modella sudafricana che avrebbe foraggiato abbondantemente con fiumi di denaro. I libanesi sul piede di guerra
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Un anno fa, il giornalista saudita del Washington Post svaniva nel nulla. Inchieste, accuse, sospetti e prove non hanno portato a nulla. Per le grandi potenze mondiali, probabilmente il caso è chiuso
Le mezze confessioni di MbS
Le mezze confessioni di MbS
Il principe saudita Mohammed bin Salman si assume la responsabilità della morte di Jamal Khashoggi. E annuncia anche importanti riforme come l’apertura al turismo internazionale
Egitto, il dissenso torna in piazza
Egitto, il dissenso torna in piazza
Per la prima volta massicce proteste contro il governo di Al Sisi che reagisce con una forte repressioni, decine di fermi. Ancora tensione in pizza Tahir, simbolo della rivolta
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Gantz si candida premier alla guida di una colazione con l'estrema destra e i partiti liberali. L'uscente Netanyahu ha chiesto invano un incontro. Marinone, CESI: "Maggioranza quasi impossibile ma ex premier sconfitto"