Giornalista uccisa, morte annunciata

| Mena Mangal, 32 anni, volto noto della tv afghana e paladina dei diritti delle donne, aveva scritto un post su FB in cui temeva per la sua vita. Era senza protezione. "Vergogna di polizia e governo". Il dolore della madre

+ Miei preferiti

Una giornalista afghana, molto popolare per le sue trasmissioni tv, e consigliere politico è stata uccisa a Kabul, pochi giorni dopo aver avvertito sui social media che temeva per la sua vita. Mena Mangal è stata uccisa sabato mattina nel sud-est di Kabul. L'attacco, in pieno giorno in un luogo pubblico, ha provocato dolore e rabbia da parte di attiviste per i diritti delle donne, rivolte alle autorità che l'avevano lasciata senza protezione di fronte alle minacce. "Questa donna aveva già condiviso che la sua vita era in pericolo; perché non è successo nulla? Abbiamo bisogno di risposte", ha detto Wazhma Frogh, un avvocato afghano per i diritti umani e attivista per i diritti delle donne. "Perché è così facile in questa società [per gli uomini] continuare a uccidere donne con cui non sono d'accordo?

Mangal aveva condiviso le sue paure in un post di sfida su Facebook il 3 maggio. Ha detto che le sono stati inviati messaggi minacciosi, ma ha dichiarato che una donna forte non ha paura della morte e che ama il suo paese. Il portavoce del ministero dell'interno Nasrat Rahimi ha detto che gli aggressori sconosciuti hanno sparato a Mangal e un'unità di polizia speciale ora stava indagando. In un video in lacrime inviato a Twitter, la madre di Mangal ha nominato un gruppo di uomini come sospetti assassini, sostenendo che in precedenza avevano tentato di rapirla.

Mangal si è fatta conoscere come presentatrice del canale in lingua Pashto Tolo TV, la più grande emittente privata del paese, e in seguito ha lavorato per uno dei suoi principali concorrenti, Shamshad TV.

Fuori dallo schermo era un'appassionata sostenitrice dei diritti delle donne all'istruzione e al lavoro, ed era recentemente diventata consigliere culturale della camera bassa del parlamento nazionale afghano.

"Non riesco a fermare le mie lacrime per la perdita di questa bella anima. Aveva una voce forte e ha alzato attivamente la voce per il suo popolo", ha detto Frogh. Un’uccisione, in pubblico, che è "disonore assoluto" per la polizia, i servizi segreti e il Consiglio di sicurezza nazionale, ha detto l'analista politico Mariam Wardak.

Medio Oriente
Omicidio Khashoggi, concluso il «processo farsa»
Omicidio Khashoggi, concluso il «processo farsa»
Il tribunale di Riad condanna gli otto imputati ad una pena massima di 20 anni di carcere. Ma per l’Onu e la fidanzata del reporter ucciso, i mandanti sono ancora a piede libero
80 milioni di dollari per la testa di Trump
80 milioni di dollari per la testa di Trump
È l’agghiacciante minaccia partita dalla folla che sfilava per le strade dell’Iran durante i funerali del generale Solimani. Il mondo in ansia per il timore di una nuova guerra
Autobomba a Mogadiscio: 90 morti
Autobomba a Mogadiscio: 90 morti
Il bilancio non ancora definitivo parla di una vera e propria strage. L’attentatore suicida entrato in azione in una zona molto trafficata della città somala
Cinque condanne a morte per Khashoggi
Cinque condanne a morte per Khashoggi
Altre tre persone condannate e 24 anni di reclusione: assolti per insufficienza di prove il braccio del principe ereditario MbS
“Abbiamo tradito i curdi”
“Abbiamo tradito i curdi”
Il malcontento fra le truppe americane per la politica di Trump: “Ci vergogniamo delle decisioni di Washington: non possiamo abbandonare il popolo curdo in questa situazione. È un tradimento”
Lo scandalo del premier e la modella
Lo scandalo del premier e la modella
L’attuale primo ministro libanese Hariri incastrato dalle dichiarazioni della sua amante, una modella sudafricana che avrebbe foraggiato abbondantemente con fiumi di denaro. I libanesi sul piede di guerra
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Jamal Khashoggi, un anno di silenzi
Un anno fa, il giornalista saudita del Washington Post svaniva nel nulla. Inchieste, accuse, sospetti e prove non hanno portato a nulla. Per le grandi potenze mondiali, probabilmente il caso è chiuso
Le mezze confessioni di MbS
Le mezze confessioni di MbS
Il principe saudita Mohammed bin Salman si assume la responsabilità della morte di Jamal Khashoggi. E annuncia anche importanti riforme come l’apertura al turismo internazionale
Egitto, il dissenso torna in piazza
Egitto, il dissenso torna in piazza
Per la prima volta massicce proteste contro il governo di Al Sisi che reagisce con una forte repressioni, decine di fermi. Ancora tensione in pizza Tahir, simbolo della rivolta
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Israele, chi ha vinto e chi ha perso? Non si sa
Gantz si candida premier alla guida di una colazione con l'estrema destra e i partiti liberali. L'uscente Netanyahu ha chiesto invano un incontro. Marinone, CESI: "Maggioranza quasi impossibile ma ex premier sconfitto"